Cerca le Santissime Risposte

venerdì 27 luglio 2012

L'eucaristia biologica

«
Caro Cristoforo,

Mi chiamo Tanino, e sono un giovane imprenditore siciliano. Posseggo un terreno nella provincia di Palermo. Sono ancora giovane, e da tempo medito l'idea di fondare un'azienda. L'azienda che ho in mente è però particolare. Come Lei ben sa, i tempi per portare avanti un'azienda non sono dei migliori, e per questo, solo le idee migliori e le tecniche di marketing più avanzate possono salvare noi piccoli imprenditori. Prima di costituire la mia azienda, volevo girarLe la mia idea, per avere la Sua approvazione, così da non incorrere in peccati che potrebbero destinarmi alle fiamme eterne. Capirà adesso la mia preoccupazione. L'idea di businness che ho in mente è un'azienda che produca Sangue e Corpo di Cristo Nostro Signore in gran quantità, quantità industriali per intenderci. Il terreno dove le nostre viti produrrebbero, sarebbe benedetto. Il 'problema' è che il terreno si estende per diversi ettari, quindi ho in mente una squadra di trattori che portino in giro preti per tutto il terreno, affinché lo benedicano prima della coltivazione. Questo poi si ripeterebbe tutte le mattine. Il vino, una volta lavorato, verrebbe distribuito a prezzi vantaggiosi, direttamente alla Parocchie. Spese di spedizione gratuite, e sono da ideare ancora eventuali offerte. Ho in mente di collaborare attivamente con decine di preti, affinché benedicano il vino non solo in fase di coltivazione, ma anche in altre fasi, come quella dell'imbottigliamento. So bene che il vino, una volta uscito dai Sacri confini dell'azienza, potrebbe subire un'influenza di Satana per avvelenare o semplicemente denaturalizzare il nostro buon vino, così ho anche in mente una squadra di esorcisti per accompagnare il vino nella fase di trasporto. Una volta giunto nelle parrocchie, il nostro vino benedetto, Santo, ma soprattutto biologico, è pronto per essere trasformato nel Sangue di Cristo. Adesso non so a quanto attualmente le parrocchie acquistino il vino, ma Le assicuro che sarebbe un vantaggio per tutti. Attualmente non ci sono tanti controlli sul prodotto che giunge nelle parrocchie. Per quanto mi riguarda, oggi come oggi, il trasporto potrebbe essere effettuato da Satana in persona senza che ve ne accorgiate. Ciò comporta un rischio elevato. Con il mio meccanismo tutto cambia. Dalla fase di coltivazione alla fase eucaristica, il vino rimane Sacro e benedetto. In una messa non c'è però solo il vino, ma il Sacro Corpo di Nostro Signore Gesù Cristo. La mia idea è di destinare almeno il 70/75% dei miei terreni alla coltivazione di frumento. Ci occuperemo anche della lavorazione. Il meccanismo di protezione dell'influenza Sacra del frumento è molto simile a quella che avviene per il vino. Preti benediranno le nostre coltivazioni tutte le mattine, esorcisti guideranno il trasporto al riparo da eventuali influenze demoniache esterne. E non solo. Come Lei saprà meglio di me, non è difficile trovare cattolici a messa che non prendono l'ostia perché celiachi. Uno dei nostri progetti è quindi produrre il Corpo di Cristo senza glutine, questo eviterebbe notevoli problemi a cattolici che fino ad oggi hanno avuto attacchi improvvisi d'allergia dopo la Comunione. Detto questo, ho già pronti bilanci preventivi, e ho già parlato con il mio commercialista. Era molto turbato, e mi ha consigliato di rivolgermi ad un esperto cattolico. Chi se non Lei? Sono pronto ad avviare l'attività e mettermi in contatto con i preti locali con la sua approvazione. Se sì, per gli esorcisti mi consiglia di rivolgermi direttamente a loro o potrebbe consigliarmene qualcuno particolarmente capace? In conclusione, penso la che la mia idea sia innovativa, e allo stesso tempo intrisa di morale e profondi valori cattolici, in un'economia contemporanea dettata al contrario dalla finanza demoniaca, e da valori ormai assenti. Un'economia che non ha più al centro la solidarietà e l'amore per Cristo, ma egoismo satanico e ateo. La nostra economia è malata, e ancora una volta chiediamo l'intervento di Nostro Signore. Quale azienda sarebbe più sicura di una portata avanti sotto l'occhio attento e la mano benedetta del Nostro Signore? La mia azienda sarebbe vitale per l'economia siciliana, una regione in grave deficit finanziario. Grazie in anticipo. Che Dio la benedica.

Tanino
» 


Caro Tanino,
Guarda caso, anch'io vivo a Palermo. Il mondo è piccolo. Splendida terra la nostra. I nostri profumi e tradizioni, con i nostri Santi Patroni, fanno della nostra terra, una terra predisposta al Sacro. L'economia mi ha sempre appassionato. Trovo impeccabile la tua descrizione dell'economia contemporanea. Valori pressoché assenti, un'economia dove regna Satana, l'ateismo e l'egoismo. Cosa dire della tua idea? Sono felice di dirti che la condivido a pieno. È innovativa e moderna. Sono felice che sia stata ideata da un mio conterraneo. Ti voglio dare comunque diversi consigli. Il primo è di aprire gli occhi sul tuo commercialista. Hai detto che era profondamente dubbioso, e ciò è un male. Se continui a nutrire dubbi, posso consigliartene uno profondamente cattolico, che ti renderebbe tutta la fase burocratica più semplice. Ti invio i dettagli via mail. Per quanto riguarda gli esorcisti, rivolgiti ai sacerdoti locali, quelli con cui collaborerai intendo. Abbiamo sacerdoti molto bravi qui in provincia. Prima di procedere comunque, fammi avere un elenco via posta. Procederò ad esaminarlo. Detto questo, penso tu sia la persona attraverso la quale Cristo Nostro Signore ha parlato. Egli ci sta suggerendo una delle possibili vie da seguire. Tanino, devi ringraziare Dio per aver scelto te per questa idea d'azienda. Infatti leggiamo nelle Scritture: Allegria del cuore e gioia dell'anima è il vino bevuto a tempo e a misura. (Sir 31,28) Il pane ed il vino - offerti in altri tempi da Melchisedec al Signore in sacrificio - sono alimenti prediletti da Dio in una maniera tale che Egli li ha scelti per operare il miracolo della Transustanziazione. È sotto le sembianze del pane e del vino che il nostro Redentore ha voluto rimanere con noi "tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt 28,20). Il Sacramento dell'Eucaristia, dicevo, è stato istituito da Gesù in persona! Nell'Ultima Cena, Egli prese il pane, lo benedisse, lo spezzò e lo diede ai suoi discepoli, e disse: "Prendete e mangiate; questo è il mio corpo". Poi prese il calice con il vino, rese grazie e lo diede loro, dicendo: "Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue" (Mt 26,26-28). Tutto questo è confermato anche da San Paolo. Però, attenzione! Il pane per l'Eucaristia deve essere azzimo. Il pane azzimo è simbolo della purezza e per questo rappresenta meglio il Corpo di Cristo, concepito senza la minima corruzione, nel seno purissimo della Vergine Maria. Ci insegna San Paolo: Togliete via il lievito vecchio, per essere pasta nuova, poiché siete azzimi. E infatti Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato! Celebriamo dunque la festa non con il lievito vecchio, né con lievito di malizia e di perversità, ma con azzimi di sincerità e di verità. (1Cor 5,7-8). Quanto al vino, la Chiesa prescrive che, prima della Consacrazione, il celebrante vi aggiunga "una piccolissima" quantità di acqua. Il Concilio di Trento (1545 - 1562) sostiene categoricamente la dottrina per cui quest'acqua acquisisce le proprietà del vino: "In accordo con la sentenza e il parere di tutti gli ecclesiastici, quell'acqua si converte in vino". Ecco dunque un piccolo miglioramento che potresti apportare al tuo prodotto, caro Tanino. Potresti fornire il vino già allungato con l'acqua! E grazie al fatto che quell'acqua è destinata a tramutarsi in vino, nessuno potrebbe accusarti di frode alimentare. Del resto, nostro Signor Gesù Cristo ha convertito in vino ben sei giare d'acqua, alle nozze di Cana, non c'è nulla di cui meravigliarsi!
Ho concluso. Ti ricordo, fammi sapere l'elenco dei sacerdoti con cui vuoi collaborare, e ti assicuro che pure io vorrei fare qualcosa per questo progetto. Stavolta attendo la tua risposta. Che Dio ti benedica.

Cristoforo.

6 commenti:

  1. cioè, geniale tanino!
    in quest'epoca economica buia e tempestosa, la tua idea ci illumina la strada perduta come un faro nella notte!
    se posso contribuire,avrei in mente il nome della tua futura azienda...che ne pensi di "BIO-DIO"?
    non male vero?
    comunque anche dù pescetti in scatola li produrrei...sai,per ricordare a tutti "la moltiplicazione dei pani e dei pesci...etc"

    una critica e una domanda a cristoforo.
    cioè è satanico allungare il vino con l'acqua, è pura blasfemia...
    ma all'ultima cena,chi ha pagato il conto?n'è che tante le volte sulla fattura c'era scritto trenta denari e giuda l'aveva anticipati di tasca sua?no perchè per una cena tra amici è successo un bordello veramente della madonna!

    ritornando a tanino, se un camion che trasporta vino santo investe un pedone uccidendolo,quest'ultimo diventa martire?
    ricordo che il calendario è già bello pieno!

    comunque a parte tutto,tanino e cristoforo che abitate a palermo...ma andate a mare che lì è bellissimo!

    con affetto

    RispondiElimina
  2. Nuke the Whales29 luglio 2012 18:59

    ricordo che c'è chi fa di peggio.
    Vicino a casa mia c'è una rivendita Kosher e assicuro che viene il rabbino a controllare le uova , perché se contaminate dal sangue non possono essere utilizzate per la preparazione degli alimenti.
    Lo stesso per il grano e gli altri articoli (per non parlare della carne) che vine controllata , pare , lungo tutta la filiera produttiva.
    Immagino che comunque potrebbe essere anche venduto ai laici il prodotto , in modo da potersi effettuare l'eucarestia in casa.
    Inoltre esiste un mercato ancora da esplorare , quello dei seguaci di satana , che sarebbero lieti di acquistare il prodotto per poterlo utilizzare nei loro riti.

    per loro sto pensando ad una serie di prodotti già maledetti e contaminati in origine , rigorosamente coltivati e prodotti senza l'uso di additivi naturali e con grano OGM.
    Per il marchio pensavo :
    NON-BIO
    NON-DIO

    Cosa ne pensate?

    P.S: sto cercando volontari per le messe nere , occorre copulare forsennatamente sul grano destinato alle ostie maledette, preparate rigorosamente impastando grano e sangue.

    RispondiElimina
  3. un'altra buona idea sarebbe aprire una trattoria cristiana dove un prete ti benedice il cibo mentre lo mastichi,prima di deglutirlo.vuoi mai che satana si nasconda dietro un molare...

    RispondiElimina
  4. Io lo mo questo blog. E' la cosa più trollante che esista.

    RispondiElimina
  5. e porta la donna oppure Orto Mio

    RispondiElimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.