Cerca le Santissime Risposte

domenica 19 giugno 2016

Deflorazione anale: Gesù protegge il mio buco del culo?

«
Fratello Tancredi,
Sono una giovane trans. Vivo questa mia condizione nel silenzio avendo paura di confessare la cosa ai miei genitori. Pochi mesi fa però è arrivato un nuovo compagno di classe molto gentile che si è seduto in banco con me.
Abbiamo cominciato a studiare insieme e un giorno ho avuto il coraggio di andare un attimo in bagno dove mi sono cambiata e, al ritorno, al suo sguardo stupito, gli ho chiesto se era infastidito dal mio nuovo look.
Devo dire che è stato molto gentile e carino: ha detto che non dovevo vergognarmi e che sarebbe rimasto mio amico.
Dopo un po' per ringraziarlo gli ho dato un bacio sulla guancia e ... insomma ci siamo ritrovati in branda a pomiciare.
A un certo punto ha tirato fuori una minchia enorme e mi ha rigirata a pecora. Non ho fatto in tempo a dirgli che volevo arrivare vergine al matrimonio (solo dopo ho pensato che non avrò mai un matrimonio, ma solo un'unione civile) che mi aveva strappato via di dosso le mie belle mutandine di pizzo acquistate in internet in un sito sicuro: un colpo secco e me lo aveva buttato dentro fino all'osso senza neanche lubrificare un po'.
Gli voglio tanto bene e non faccio altro che pensare a lui e alla sua minchia, ma da diversi giorni ho un dolore terrificante.
Mi sono uscite delle terribili emorroidi che sanguinano ogni volta che evacuo: sono colpa della sua irruenza o Gesù me le ha mandate per punirmi di qualche peccato?
Andrò all'inferno?
Aiutami ti prego!
Andrea
» 

Sorella in Cristo Andrea,
Come ben sai Nostro Signore nulla ha mai detto contro la transessualità.
È scritto infatti che (Gen 5,1-2) Nel giorno in cui Dio creò l'uomo, lo fece a somiglianza di Dio; maschio e femmina li creò: nessuno nota la conseguenza di tale affermazione, che sia il maschio che la femmina sono quindi a immagine del Signore il quale quindi racchiude in sé l'essenza di entrambi i generi; voi transessuali rappresentate perciò in modo esemplare questa coesistenza di femminilità (lo spirito e l’apparenza) e mascolinità (la minchia) in un’unica creatura; essere trans è quindi un inno alla Parola e all'essenza gender del Signore.
I fratelli in Cristo e Maometto della Repubblica Islamica dell'Iran riconoscono addirittura le spese per l'operazione di cambio di sesso grazie alla lungimiranza dell'ayatollah Khomeini che vede la realtà soprannaturale (il tuo sentirti donna) più vicina al Signore e quindi superiore alla realtà naturare (il tuo corpo maschile).
E farselo picchiare nel culo? In effetti la Bibbia parla più volte di “contro natura”, ma, non si riferisce certo alla penetrazione anale: come vedrai, parla della ricerca della ricchezza a discapito della povertà altrui e dello sfruttamento indiscriminato del prossimo e, appunto, delle risorse della natura (come ben saprai Dio Padre è comunista).
Vediamo di capire insieme perché è falso che i Sodomiti siano stati puniti da Dio perché omosessuali.
Sappiamo infatti che (Gen 13,13) gli uomini di Sòdoma erano malvagi e peccavano molto contro il Signore e poi che (Gen 18,20) il grido di Sòdoma e Gomorra è troppo grande e il loro peccato è molto grave. Quindi, fino a questo punto, è chiaro che vi erano malvagità e grave peccato, ma quale fosse tale peccato non è detto.
Quando per la prima volta il Signore ci parla dei peccati di Sodoma e Gomorra? Quando il profeta Geremia accusa i profeti di Gerusalemme di grandi nefandezze riferendo di azioni peggiori di quelle perpetrate a Sodoma e a Gomorra; ma fra queste, con sorpresa degli omofobi che non conoscono la Bibbia, non vi alcun accenno all’omosessualità: (Ger 23,14) tra i profeti di Gerusalemme ho visto cose nefande: commettono adultèri e praticano la menzogna, danno aiuto ai malfattori, e nessuno si converte dalla sua malvagità; per me sono tutti come Sòdoma e i suoi abitanti come Gomorra.
Quando capiamo che tali nefandezze (adulteri, menzogna, aiuto ai malfattori) e non l'omosessualità sono contro natura? In (Gd 1,7) dove il Signore ci dice Così Sòdoma e Gomorra e le città vicine, che alla stessa maniera si abbandonarono all'immoralità e seguirono vizi contro natura, stanno subendo esemplarmente le pene di un fuoco eterno, e ancora meglio in (Ezechiele, 16, 49): Ecco, questa fu l'iniquità di tua sorella Sodoma: lei e le sue figlie vivevano nell'orgoglio, nell'abbondanza del pane e in una grande indolenza, ma non sostenevano la mano dell'afflitto e del povero. 
Quindi sono orgoglio, ricchezza, indolenza, egoismo, sfruttamento e incuranza della povertà i peccati contro l'umana Natura dei Sodomiti, mentre farselo sbattere nel culo non è evidentemente peccato.
Vediamo a questo punto se la medicina ci è di aiuto per capire se vi è un legame fra le tue emorroidi e l’esserselo fatto infilare a secco fino all’osso, perché se così non fosse, la punizione divina aleggia nell’aria!
Ebbene, purtroppo per te, in diversi siti medici troviamo che praticare sesso anale non fa venire le emorroidi. Altrettanto vero è che, tuttavia, nel caso di una predisposizione fisica innata, questo genere di rapporti può alla lunga favorire la comparsa di disturbi emorroidari; trattandosi della prima volta però, questo non è, almeno per ora, il caso.
Male però avete fatto a non usare prodotti lubrificanti e a non predisporti ad un momento così importante utilizzando opportuni dilatatori facendo attenzione ad acquistare quelli benedetti dalla Chiesa.
La Holy Water Lube è garantita dalla distribuzione quale sacro crisma, proprio come quello consacrato in ogni diocesi dal vescovo, una volta all'anno, il Giovedì santo, durante la messa crismale: olio misto a profumo, che viene utilizzato nei sacramenti del battesimo, della confermazione e dell'ordine dei sacerdoti dai cattolici, ma analogamente usato anche nelle Chiese ortodosse, nella Chiesa assira, nella Comunione anglicana e dai Luterani.
Dilatatore e Sacro Crisma benedetti dal Signore
Nel caso la tua situazione dovesse diventare più grave, arrivando al prolasso, dovrai invece astenerti, evitando di fartelo stantuffare selvaggiamente dentro lo sfintere per un po’ di tempo e, in assenza di miglioramenti, prendere seriamente in considerazione un trattamento chirurgico.
Assolutamente sconsigliata è l'emorroidopessi con suturatrice meccanica. La mucosa rettale infatti viene suturata con piccolissime graffette in titanio che potrebbero causare gravi lesioni al tuo partner, e siccome (Dt 23, 2) non entrerà nella comunità del Signore chi ha i testicoli schiacciati o il membro mutilato, sarà bene evitare perchè il tuo innamorato possa continuare ad andare a messa (è devoto vero?!). Ti consigliamo perciò un intervento di dearterializzazione emorroidaria transanale, sicuramente più invasivo (potrai vantarti di "esserti fatta aprire il culo come Dio comanda"), ma sicuramente privo di controindicazioni per la grossa minchia del tuo ragazzo.
Per ora però, ci sembra difficile che le emorroidi siano state causate da un solo rapporto, per quanto irruento, quindi il timore che le tue emorroidi siano dovute a maledizione divina è da prendere in seria considerazione.
La cura non può quindi essere scientifica, deve perciò essere religiosa.

E ci viene in soccorso, come sempre, la Bibbia che descrive in più passi le emorroidi come la più tipica delle maledizioni lanciate da Nostro Signore: (Deuteronomio 28:27) L'Eterno ti colpirà con l'ulcera d'Egitto, con le emorroidi, con la scabbia e con la tigna, di cui non potrai guarire, ma anche (Salmo 78:66): Alla fine il Signore... colpì alle spalle i suoi nemici, li coprì di eterna ignominia. In questa ignominia sotto le spalle, la maggior parte degli esegeti vede le emorroidi. Origene infatti commenta il salmo dicendo Quando si fugge Dio, egli colpisce alle spalle: percuote per far ritornare. E se a picchiartelo nel deretano è Nostro Signore, già il solo fatto di essere ancora viva è buon segno: (1 Samuele 5) Quelli che non morivano erano colpiti di emorroidi! 
Sembra quindi che anche tu sia stata colpita alle spalle, non dal tuo compagno, ma, cosa ben più grave, da Nostro Signore: evidentemente hai peccato e la grazia non è più su di te!
Qual è stato allora il tuo peccato? Evidentemente non avere osannato e ringraziato il Signore per averti donato questo nuovo compagno di classe dotato e gentile, seppure un po' irruento!
Per tua fortuna la Bibbia ti fornisce una soluzione. Leggiamo infatti che quando i Farisei rubarono l’Arca dell’Alleanza (1 Samuele 5) la mano dell'Eterno si aggravò sugli abitanti di Ashdod e li devastò e li colpì … tanto i piccoli che i grandi, con un'epidemia di emorroidi. … Quelli che non morivano erano colpiti di emorroidi, e le grida della città salivano fino al cielo … Essi chiesero: «Quale offerta di riparazione gli manderemo noi?». Gli Ebrei risposero (1 Samuele 6:5) Fate dunque delle raffigurazioni delle vostre emorroidi … e date gloria al Dio d'Israele.
Dovrai allora realizzare e portare in Chiesa un ex-voto, che rappresenti le tue emorroidi e, a questo punto, ovviamente, avere fede: vedrai che la Grazia scenderà sul tuo orifizio, che non dovrà più espiare per te. A tale scopo ti consiglio un metodo pratico:
  • fai una ceretta intorno all'orifizio anale (i peli potrebbero rovinare l'efficacia dello stampo di cui ai punti successivi inserendo delle sottili venature in corrispondenza degli stessi); quale espiazione puoi anche farti strappare i peli uno alla volta con delle pinzette, sicuramente Nostro Signore apprezzerà;
  • fai uno stampo delle tue emorroidi con dell’alginato (particolarmente adatto per parti anatomiche; dovrebbe fare l'effetto di un impacco e recarti in più un certo sollievo) semplicemente poggiandone una montagnetta su una superficie agevole e sedendotici sopra;
  • non lasciar seccare troppo il calco di alginato che potrebbe spaccarsi, spennellalo con un po' di borotalco per evitare che il gesso vi si incolli e, quindi, riempilo con una miscela, precedentemente approntata, di polvere di gesso e acqua;
  • lascia raffreddare: avrai così un modello in gesso delle tue emorroidi che, grazie al procedimento effettuato, si staccherà facilmente dall’alginato;
  • porta a fondere qualche vecchia catenina d’oro che non usi più e fattene fare una lamina molto sottile delle dimensioni delle tue emorroidi;
  • scalda la lamina d'oro in forno a massima temperatura;
  • poggia la lamina sul modello di gesso delle tue emorroidi;
  • martellala delicatamente in modo che prenda perfettamente la forma del modello delle tue emorroidi;
  • lascia raffreddare;
  • procurati una tavoletta ovale di legno più o meno 10 cm per 7 cm e incollaci sopra un panno di velluto rosso a rappresentare il sangue che hai perso (Lev 17,11) perché il sangue espia, in quanto è la vita;
  • decora bene i contorni della rappresentazione in oro delle tue emorroidi sbalzado una tipica cornice a tema religioso come si usa negli ex-voto;
  • incollala sulla tavoletta ricoperta di velluto con un filo di bostik;
  • aggiungi un gancetto per appendere l'ex-voto.
 
Ex-voto emorroidario: procedura di realizzazione passo passo
Sicuramente il tuo bel ex-voto farà la sua divinamente porca figura in mezzo a tutti i banali sacri cuori di Gesù in argento che tappezzano gli altari laterali della tua Chiesa e Nostro Signore te ne renderà merito liberandoti dall’abominio e consentendoti di invitare nuovamente il tuo nuovo amico a “studiare” insieme ricordando però, questa volta, di osannare ad alta voce il nome del Signore. 

Benedittanza
quanta i peccatori privi di gratitudine dall'ano sanguinante
quanta gli intestini dei miscredenti estroflessi e coperti di pustole come le loro anime macchiate dal peccato
quanta gli orifizi anali immacolati dei pentiti perdonati da Nostro Signore

Tancredi