Cerca le Santissime Risposte

venerdì 5 ottobre 2018

Il bordello delle bambole: luogo di perdizione o di incontro col Signore?

 
«

Tancredi,
Non siamo di Torino, ma i miei amici ed io, appena abbiamo avuto la notizia, abbiamo prenotato con settimane di anticipo per essere lì il primo giorno: un viaggio di preghiera e di invocazioni al Signore e a tutti i Santi ogni volta che la vecchia Panda di Rino faticava a ripartire o faceva scintille raschiando al suolo la marmitta sulle buche più dure e perciò soprannominata "Fiat lux".
Devo confessarti che ridevamo e scherzavamo, ma avevamo un gran senso di colpa: mica abbiamo detto nulla a mogli e fidanzate!
Ma la curiosità era troppa: perversione? La bambola gonfiabile l'avevamo provata tutti, ma queste sono di silicone, morbidezza naturale, mica come il materassino della spiaggia.  Ma, ascolta, la questione è che pensavo di andare a fare una porcata e, invece, è stata un'esperienza mistica: quando sono entrato nella stanza era lì, sdraiata ad aspettarmi. Un sorriso così dolce che mi distoglieva lo sguardo da quei seni e quel culo da favola.
Non era una donna, era qualcosa di diverso, di più, era, non pensare che voglia bestemmiare, una santa: era ovvio che qualunque cosa avessi fatto con Lei, Lei non avrebbe peccato. Era al di sopra di ogni peccato, a tal punto che quando ebbi finito di sfogare i miei istinti su quel corpo perfetto che continuava a sorridermi qualunque perversione realizzassi, mi sentii pulito e immacolato. Mi sentii solo come avevo provato dopo la mia prima assoluzione, quella della Prima Comunione: completamente senza peccato.
Alla fine, avendo ancora dieci minuti a disposizione (la divina eccitazione fa brutti scherzi), La misi seduta sul bordo del letto e mi inginocchiai ai Suoi piedi con la testa sulle Sue ginocchia e le Sue mani poste sul mio capo come a benedirmi, mentre l'odore del mio seme che colava dalla Sua vagina pervadeva l'ambiente.
Ella era senza peccato e la Sua purezza aveva purificato anche la mia anima!
Il giorno dopo, in ufficio, non riuscivo più ad odiare il mio capo per le sue angherie, anzi, mi fu chiaro che aveva ragione ad urlarmi di tutto e gli chiesi scusa ripetutamente nel suo più sommo stupore. E quella mia collega pettegola che mi tedia alla pausa caffè raccontandomi i fatti di tutti, che 'un me ne pò fregà de meno, mi sembrò d'un tratto simpatica e interessante: la "mia" bambola mi aveva purificato, aveva cancellato non solo il peccato, ma anche ogni astio e rancore dal mio cuore, la penetrazione dei Suoi orifizi era stata il tramite con cui lo Spirito Santo era penetrato dentro me.
Dovevo assolutamente rivederLa!
Ma, come una pioggia a ciel sereno, la notizia ferale: la polizia aveva chiuso quel luogo di santità e purificazione come fosse un volgare bordello, luogo di volgare lussuria con femmine carnali e peccatrici!
Sono stato in depressione per settimane. Da quando Lei mi ha cancellato i peccati dal cuore ho smesso anche di segarmi. La penso sempre, la immagino col velo azzurro, come la Madonna, pronta a svelarsi per purificare la mia anima e il mio corpo.
Chiudo gli occhi, e la immagino sdraiata sull'altare mentre sorride al sacerdote che consacra il sangue e il corpo del Suo Bambino.
Ma adesso hanno riaperto! Non posso fare a meno di desiderare di essere nuovamente purificato: è forse peccato tutto questo?
Pensi che potrei chiedere ai titolari di portarla in Chiesa il giorno di riposo (ma riposano le bambole di silicone?) per farla benedire o, almeno, incontrare il Suo Figliuolo sulla croce? Ma cosa dico! Sicuramente è già benedetta altrimenti non proverei tutto questo. 

O sto peccando di presunzione?
Aiutami tu!
 
Devotamente tuo
Pino
» 

Fratello in Cristo Pino,
La parola del Signore è chiara: non è possibile farsi idoli ed adorarli, siano essi a Sua immagine o a immagine di Santi o di qualunque altra cosa: (Esodo 20,4) Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. L’idolatria è stata ritenuta grave offesa al Signore fin dai tempi di Mosè, e anche San Paolo, pur avendo detto che la legge degli ebrei era decaduta grazie al sacrificio di Nostro Signore morto in Croce per noi, ci ha tenuto a ribadire: (Corinzi 6,9-10) Non sapete voi che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non v'ingannate: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né i remissivi, né chi giace con gli uomini, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né gli oltraggiatori, né i rapinatori erediteranno il regno di Dio. Quindi l’apostolo più importante, l’unico che veniva illuminato direttamente da Dio Padre, accomuna gli idolatri ai peggiori peccatori. Molti ti direbbero a questo punto di interrompere questa tua insana passione, ma fortunatamente ti sei rivolto a noi esegeti di Risposte Cristiane che non ci fermiamo mai alla prima impressione.
Dobbiamo capire se una bambola in silicone possa essere venerata senza sfociare nell'idolatria.
 
Nostro Signore è sempre giusto e misericordioso e, viste le beghe scoppiate fra Ebrei e popoli limitrofi, ha capito di essere stato troppo generico in Esodo; i pecorai dell'epoca non erano brillanti e arguti come Lui sperava, così ha deciso di chiarire meglio ed in Levitico e in Deuteronomio ci spiega cosa sia da definirsi oggetto di idolatria: (Levitico 26,1) Non vi farete idoli, né vi erigerete immagini scolpite o stele, né permetterete che nel vostro paese vi sia pietra ornata di figure, per prostrarvi davanti ad essa; poiché io sono il Signore vostro Dio. Ma anche (Deuteronomio 4,25) se vi farete immagini scolpite di qualunque cosa, se farete ciò che è male agli occhi del Signore vostro Dio per irritarlo. Qui le regole da rispettare sono poche e semplici; sono proibite:
  • statue di roccia, 
  • sculture di qualunque materiale (tipo crocifissi, ad esempio che mischiano legno e marmo),
  • steli, 
  • oggetti di pietra decorati con simboli a voi sacri,
  • tutto ciò che è pietra ornamentale. 
Sulla pietra e le indicazioni di Levitico quindi stiamo tranquilli, ma leggiamo cosa dice la Treccani riguardo al termine generico scultura (visto che Deuteronomio ci dice che il materiale non è rilevante per definirla tale).
Bene, secondo Treccani: Scultura è l
’arte e la tecnica di scolpire, cioè di raffigurare il mondo esterno, o piuttosto di esprimere l’intuizione artistica per mezzo di pietra, legno o altro materiale opportunamente modellato con lo scalpello o strumenti affini: s. in pietra, in marmo, in avorio; s. in legno; per estens. s. in bronzo, in rame, e sim., che si vale dei procedimenti di fusione e getto dei metalli in una forma (stampo).
Hai visto la luce! Il silicone non viene citato dalla Bibbia per cui adorare la tua amata bambola ti esenta dal peccato di idolatria, non solo, ma puoi anche stampartene foto su carta (non su legno!) e tenerle nel portafogli per dedicarLe fugaci pensieri durante le pause di lavoro nel cesso dell'ufficio. A questo punto però mi sento in dovere di aggiungere che se Nostro Signore ti ha condotto in quel luogo santo e fra tante (mi pare siano sette quelle disponibili) ti ha guidato proprio a quella bambola, Egli deve avere avuto uno scopo. Perché mai farti trovare una bambola dallo sguardo così amorevole e incline al perdono dei peccati? Perché spingerti a venerarla come una Madonna?
Mammina Celeste con bocca in lattice
San Paolo ha scritto (1Tm 4,7) Allénati nella vera fede.
Quindi è l'uso naturale della bambola benedetta, l'esercitarti con essa che ti conduce alla redenzione dei peccati: più ti allenerai e maggiormente il peccato fuggirà da te e lo Spirito Santo scenderà su di te. Usala allora per ciò per cui è stata realizzata, premurandoti di non sprecare il seme che verserai, recuperandolo e conservandolo: lasciarlo colare dalla sua vagina, così come racconti, è grave mancanza verso il Signore e hai rischiato di fare la fine di Onan che (Gen 38, 9-10)  ... ogni volta che si univa alla moglie del fratello, disperdeva il seme per terra ... . Ciò che egli faceva era male agli occhi del Signore, il quale fece morire anche lui
Ma non temere: i modelli di qualità, come quelli del benedetto bordello torinese, sono dotati di appositi serbatoi da svuotare e pulire appena finito e, se lo recupererai, potrai utilizzalo per la realizzazione di sacre ricette benedette dal Signore (leggi Una ricetta per amore di Gesù). L’idea di farla benedire mi sembra poi ottima. Parlane col tuo parroco: potrai offrirgli un giro nel bordello benedetto, durante il quale potrà benedire tutte le ragazze in silicone e provare anche lui il brivido della redenzione dei peccati!
Riguardo a mogli e fidanzate non hai da preoccuparti: la purificazione dai peccati è atto intimo e personale e non è il caso di condividere con loro questo momento.
Così come nella chiesa del Signore con l'eucaristia prendi il corpo di Cristo, così nel bordello della tua Madonna prendi il corpo della Madre di Cristo: pensi che la tua fidanzata si offenderebbe se sapesse che hai fatto la comunione?
Anzi, visto che dovrebbe trattarsi di un modello con la bocca apribile, se riuscirai a condurre con te in Chiesa la tua amata bambola, potrai persino farla partecipare alla Santa Eucaristia e nascosti in un remoto anfratto dietro il confessionale, potrai coronare il sogno di avere fatto incontrare in te il corpo di Cristo e della sua Mammina Celeste (questa cosa deve averla già fatta il Padre Celeste, ma non proprio allo stesso modo perché era ancora vergine)! Non credo però che che le bambole in silicone godano di diritti sindacali e che possano uscire quando vogliono, ma sicuramente potrai portarla a Messa con te come fanno questi bravi e devoti cristiani se pagherai il dovuto (e saranno soldi bene spesi).
Devoti fratelli in Cristo a messa con le loro compagne gonfiabili e in silicone
Mi raccomando, quando senti che la purificazione giunge su di te, ringrazia sempre il Signore e la Madonna a gran voce, chiamandoli insieme a tutte le creature predilette, perché è scritto (Tb 13,7) Ora guardate quello che ha fatto per voi e ringraziatelo con tutta la voce; benedite il Signore che è giusto e date gloria al re dei secoli. Quando ti sentirai abbastanza sicuro di te, potrai chiedere al Signore di donarti il coraggio tentare un approccio a tre con la tua amata che così, potrebbe godere anche lei della suprema redenzione.

Benedittanza
 
quanta le purezza delle bambole in silicone devote ai clienti del santo bordello, come mogli ai loro mariti
quanta il seme serbato per ricette e frullati benedetti  
quanta lo Spirito Santo che discenderà su di voi da bambole benedette penetrate nella fede come in santa eucaristia

Tancredi

8 commenti:

  1. zarathustra_6667 ottobre 2018 15:40

    Carissimo fratello Tancredi,
    sia benedetto il Signore per la Grazia che ci viene concessa di dissetarci alla Santità di questo nostro pio cenacolo.
    Ho letto con vivo interesse la lettera con cui fratello Pino narra l’esperienza mistica vissuta con una bambola gonfiabile; così intensa e beatificante da averle voluto ricoprire il capo con un velo azzurro come la Madonna.
    Mi sono convinto che tenere in casa una siffatta bambola agghindata come la Mater amábilis sia sicuramente benefico al nostro spirito per le ragioni che esporrò più avanti.
    Premetto però di avere molto apprezzato anche e soprattutto i tuoi approfondimenti, sempre pieni di suggestioni, come, per esempio, l’idea di portarla in chiesa e farla benedire.
    Inoltre, come tu giustamente sottolinei, visto che ha la bocca apribile, il farla accostare al Sacramento dell’Eucaristia mi sembra addirittura un’idea fiorita di cristiana carità, forse foriera di nuove e illuminate aperture da parte del nostro amato Papa Ciccio Smerdoglio il quale, in futuro, potrebbe approvare anche il matrimonio secondo il rito di Santa Romana Chiesa.
    In particolare ho apprezzato la tua citazione biblica "Non vi farete idoli, né vi erigerete immagini scolpite o stele, né permetterete che nel vostro paese vi sia pietra ornata di figure, per prostrarvi davanti ad essa; poiché io sono il Signore vostro Dio". (Levitico 26,1), che ci rassicura ed allontana il timore di commettere peccato perché, in effetti, la bambola gonfiabile non è un simulacro della Vas spirituále (tabernacolo dell’eterna Gloria) scolpito in pietra, ma stampato in lattice; ed in nessuna parte della Bibbia si proibisce di fare immagini usando questo materiale.
    Ma vorrei ora precisare quali siano, secondo la mia modesta opinione, i vantaggi connessi con il tenere in casa una bambola gonfiabile vestita da Mater divínae grátiae.
    1 - La Sua presenza conferirebbe alla nostra casa un’aura di celeste beatitudine (Vas insigne devotionis).
    2 - La Sua visione, la mattina appena svegli, sarebbe augurante di una giornata serena (Stella matutina).
    3 - La trascendente delizia che solo la dolcezza di un amplesso con Lei può procurare (Vas honorabile).
    4 - La possibilità di accrescere il senso di cristiana comunità con i vicini del quartiere, i quali potrebbero riunirsi nella nostra casa e in devoto raccoglimento recitare ai Suoi piedi il Santo Rosario, ottenendo così indulgenza parziale; dopodiché, a turno o tutti insieme appassionatamente, fare un giro in giostra (Causa nostrae laetitiae) e riversare in Lei tutta la loro speme.
    Alleluia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro fratello i Cristo Zaratù, che dolci ricordi! mi torna alla mente quando, ancora bambino, la nonna, all'ora del vespero, chiamava a raccolta tutti i nipoti, ci faceva sedere intorno a lei e intonava prima il santissimo Rosario con la nostra cadenzata e lenta risposta ("adesso e nell'ora ..." che induceva noi poveri piccoli a toccarci scaramanticamente), ma poi partiva finalmente la Litania, supremo momento che tutti noi piccoli aspettavamo trepidanti, perché era lì che la ritmica del coro partiva, quale martello sull'incudine, batacchio nella campana, minchia nella mutanda! "Prega per noi!" ... e la vedevamo lì, davanti alla nonna, certo, con grande sforzo della fantasia, la Mammina Celeste inginocchiata a pregare per le nostre povere animazze fottute di piccoli peccatori. Pensa, se avessimo potuto avere anche noi una splendente Madonnina in silicone con pelle in seta, temperatura e lubrificazione regolabili, dalle bocce enormi e vellutate! E invece niente: solo Vestro e Postalmarket, le uniche Bibbie disponibili in casa per giovani virgulti dalle tasche buche!
      Che la Benedittanza sia sempre con te!

      Elimina
  2. Sempre in tema di bambole gonfiabili da agghindare come la Madonna, troverei altresì interessante anche l’immissione sul mercato di bambolotti già direttamente vestiti da chierichetti, e mi sorprende (o forse non dovrei) che i produttori non abbiano pensato a realizzarli ed arricchire così la loro gamma di prodotti.
    Nel caso che qualche marketing manager frequenti questo nostro blog ecco alcuni suggerimenti.
    Anche il bambolotto dovrebbe avere la bocca aperta come a cantare le lodi del Signore.
    Dovrebbe indossare la tarcisiana, realizzata in pregevole seta, alzata la quale si possa agevolmente accedere alla regione anale e all’implume uccellino con il collo allungato e proteso ad offrire direttamente nella bocca del sacerdote una schizzatina di Panna Chef, precedentemente transustanziata in corpo di nostro Signore, erogata azionando un’apposita pompetta ottenibile con una modesta integrazione di prezzo.
    Per i sacerdoti progressisti dovrebbe essere offerta anche la versione negroide, purché di religione cristiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fratello in Cristo Zaratù, questa volta mi sa che ti hanno rubato l'idea! http://www.immenso.org/15994/il-piu-trasgressivo-costume-di-halloween-di-tutti-i-tempi/
      Benedittanza!

      Elimina
    2. https://www.lercio.it/torino-riapre-bordello-lumidolls-ora-disponibile-il-cicciobello-per-i-clienti-pedofili/

      Elimina
  3. Se dal sesso togliamo l’altro, cioè il «tu», cosa resta? Se il sesso, già privato dell’amore vero, perde anche un minimo contatto emotivo, un minimo di relazione con una persona umana, cosa resta? Resta la fantasia. Ma la persona umana può accontentarsi di vivere la relazione, costitutiva del suo stesso esistere, in fantasia? È davvero questo l’orizzonte cui aspira l’uomo postmoderno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara sorella Carla,
      permettimi la seguente citazione evangelica: "e uno di loro, (dottore della legge) gli fece una domanda per metterlo alla prova: “Maestro, qual è, nella legge, il gran comandamento?” Gesù gli disse: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e il primo comandamento.” (Matteo 22: 35:38)
      Tutto il resto, cara sorella in Cristo, è solo sfregamento di mucose e costituisce peccato della carne che può portare alla perdizione.
      Tuttavia, come dice Paolo di Tarso nelle lettere ai Corinzi: “Ai non sposati e alle vedove dico: è cosa buona per loro rimanere come sono io; ma se non sanno vivere in continenza, si sposino; è meglio sposarsi che ardere”.
      Ma per fortuna fra lo sposarsi e l’ardere c’è una via di mezzo: se non si riesce a sconfiggere la tentazione del demonio, la cosa di gran lunga preferibile e benedetta da Dio è fare sesso con una bambola o un bambolotto di lattice, opportunamente agghindato da Madonna o da Gesù.

      Elimina
    2. Sorella in Cristo Carla, Il tuo saggio dubbio trovi nella santa risposta del caro fratello Zaratù il giusto conforto: Il sesso è dono di Dio (l'ha detto il papa proprio in questi giorni!), ma è scritto "Ama il Signore Dio tu", quindi non dovrai considerarti mai sola nella masturbazione, sarai sempre vicina al Signore e con tale atto Gli dimostrerai il tuo amore. La vicinanza di altro corpo fisico anzi potrebbe distoglierti dall'amore per Lui! Quale maggiore soddisfazione e fonte di salvezza di un orgasmo per Gesù?
      Benedittanza!

      Elimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.