Cerca le Santissime Risposte

venerdì 30 novembre 2012

Preghiera del mattino


«
Caro Moreno,
sono un devoto cristiano e ho sempre cercato di seguire la Via del Signore, come anche tu cerchi di fare, generosamente dispensando saggi consigli che aiutano i tuoi lettori a mantenersi sulla retta via.
Ti racconto la mia vicenda confidando che tu possa darmi una buona indicazione su come comportarmi per non rischiare di peccare.
Qualche mese fa, ho sposato la mia amata Susanna, ben s'intende in Chiesa. Premetto che, durante il fidanzamento, tra di noi c'era stata sempre perfetta armonia, al punto che vivevamo assieme già da un anno. Perciò, la cerimonia nuziale è stata solo la conferma della nostra profonda unione spirituale di fronte al Signore.
Però, proprio da quando siamo ufficialmente coniugi, ha iniziato a manifestarsi qualche piccola incomprensione. Infatti, quando eravamo fidanzati, Susanna non mancava mai di onorare le mie erezioni mattutine con un soave pompino, che eseguiva correttamente senza mai la minima dispersione del seme, che anzi inghiottiva avidamente; ma dopo il matrimonio improvvisamente ha iniziato a rifiutarsi di praticarmelo, sostenendo che, di prima mattina, il sapore dello sperma la disgusta e le indispone lo stomaco. Questo mi metteva di cattivo umore, perché restavo arrapato per tutta la giornata, e le fantasie erotiche sulla mia procace collega Daniela mi tormentavano e mi turbavano. Ma l'aspetto peggiore di questa situazione è che, dopo il pompino, avevamo l'abitudine di rivolgere insieme una fervida preghiera di ringraziamento al Signore; ma ora, niente pompino, e niente preghiera!
Questa mancanza di devozione mi faceva star male, ancor più dell'arrapamento insoddisfatto, perché mi sentivo lontano da Gesù. La situazione è continuata così finché un giorno la mia collega, vedendomi tanto nervoso e abbacchiato, mi ha preso in disparte e mi ha chiesto la ragione del mio drastico cambiamento: sempre allegro e giulivo sino ad un mese prima, e poi lunatico e triste. Perciò mi sono confidato con lei, pensando che, una ragazza con delle tette così generose, non poteva che essere comprensiva e gentile come una mamma. Non mi sbagliavo: Daniela si è presa tanto a cuore il mio cruccio, che ha voluto intervenire subito per aiutarmi a rimediare. Da allora, ogni volta che mi vede di malumore, Daniela mi chiede di accompagnarla all'archivio o al magazzino, posti di solito deserti, e appena siamo da soli mi apre la patta e abilmente esegue un gioioso pompino, con il quale mi rinfranca meravigliosamente. Devo dire che lei aveva la cattiva abitudine di sputare il seme, una volta terminato il pompino, ma io le ho spiegato che così facendo si commette un peccato gravissimo, e che è necessario che il seme non venga mai sprecato. Allora abbiamo trovato un rimedio anche a questo problema, e lei me lo passa tramite bacio, così io posso inghiottirlo: in fin dei conti, è tutta roba mia! Non manchiamo mai di dire una preghiera al Signore, dopo l'atto, per ringraziarlo del bene goduto, e così in qualche modo sono tornato alla devozione che ero solito praticare.
In conclusione, considerate le precauzioni che ho adottato con Daniela per evitare lo spreco del seme, posso essere abbastanza tranquillo che non sto facendo nulla di male e che il mio comportamento è corretto? Vorrei aggiungere che Daniela non si spoglia quando mi pratica il servizietto, e che non ci tocchiamo, fatto salvo il bacio necessario per trasferire il seme dalla sua bocca alla mia.
Grazie di cuore della risposta che mi vorrai dare, tuo fratello in Cristo,
Claudio

»

Caro Claudio, devoto fratello in Cristo, la sessualità è importante nella vita di un cristiano, come tante volte già ho avuto occasione di ribadire. Ma per sapere come comportarsi affinché la sessualità venga vissuta nel rispetto della Volontà di Dio, dobbiamo consultare la Bibbia, che contiene la Parola del Signore.

La Bibbia contiene davvero tutto quello che ci serve sapere nella nostra vita di cristiani, e anche molto di più, perché, a saperla leggere, ci possiamo trovare predizioni straordinariamente precise della vita personale di ciascuno di noi. Questa è stata la grande potenza dei Profeti!

Per iniziare, studiamo prima il tema negli aspetti più generali.

L'argomento sessuale si trova fin dalla Genesi, nella quale sono espresse essenziali verità teologico-spirituali. Il primo e secondo capitolo appaiono quasi paralleli, come scritti da mani diverse: ci sono infatti due diverse descrizioni della creazione. Nella prima è scritto che Dio crea l'uomo maschio e femmina. Nella seconda la donna è tratta dall'uomo. Nella prima si accentua la parità sociale e spirituale tra l'uomo e la donna. Nella seconda si evidenzia la complementarietà: l'uomo ha bisogno della donna e la donna dell'uomo: i due si uniranno e saranno una sola carne.
La sessualità è vista come unione indissolubile di due entità, due persone distinte, paritarie, ma diverse. I due diventano come una nuova persona. Già in questo aspetto la sessualità è piena creazione, è continuità dell'opera creatrice di Dio, perché dalla loro unione nasce una nuova persona, un "noi" che non è semplice "somma" delle due persone, ma opera nuova: i due saranno una sola carne, non più io, non più tu, ma solo noi. Ecco perciò, che la fellatio, atto sessuale nel quale la donna accoglie nella propria bocca il membro virile, diviene potente simbolo di quell'unione totale e profonda tra uomo e donna. Quale maggior senso di reciproca appartenenza, che accettare, da parte della donna, nella propria delicata cavità orale la virilità maschile, e da parte dell'uomo avere la fiducia che la sua preziosa appendice non verrà morsicata?

Ora, se la tua Susanna non è
sollecita in questo periodo - forse per un'indisposizione transitoria, devo credere, perché altrimenti non se ne spiega il motivo, ma un'ipotesi e un suggerimento per rimediare al problema te lo offrirò più avanti - a praticarti la fellatio nel momento in cui tu ne avresti maggior bisogno, cioè per smorzare la classica erezione mattutina, trovare un'altra donna che la sostituisca nello svolgimento di questo compito essenziale per l'armonia dei coniugi mi sembra un'ottima soluzione.

E qui entra in gioco l'analisi che ci permette di capire come le Scritture contengano predizioni e istruzioni precise che riguardano proprio il tuo caso personale.

La tua collega Daniela ha suscitato il tuo interesse grazie al suo portamento e al seno generoso. Questo è stato senza ombra di dubbio un Segno di Dio. Troviamo infatti scritto nel Cantico dei Cantici: Quanto sono belli i tuoi piedi dentro le calzature, o figlia del principe. Le curve dei tuoi fianchi sono quasi monili fabbricati dall'artigiano. Il tuo ombelico è una coppa tornita, non vuota di bevanda. Il tuo ventre è quale un mucchio di grano custodito dai gigli. Le tue coppe quali due caprioli gemelli. Il tuo collo torre d'avorio. I tuoi occhi son come le vasche di Hesebon alla porta di Bathrabin, il tuo naso quasi una torre da Libano che guarda a Damasco. Il tuo capo come la porpora del re, di perfetto lavoro. Quanto sei bella, e quanto ammirevole, carissima, in delizia. Il tuo portamento è di palma, le tue mammelle son grappoli d'uva. Ho detto salirò sulla palma e ne coglierò i frutti e saranno le tue mammelle come grappoli della vigna, quella bocca avrà profumo di mela. La tua bocca è come vino ottimo degno di essere bevuto dal mio diletto, d'essere gustato dalle sue labbra e dai suoi denti. (CdC 7, 1-10).

In questo passo viene descritta con ricchezza di dettagli una donna prosperosa dalle mammelle "come grappoli d'uva". Questa descrizione non potrebbe adattarsi alla tua collega Daniela? Lo vedi com'è grande la lungimiranza del Signore, che in un Libro antichissimo aveva già previsto quello che sarebbe accaduto millenni più tardi?
Anche il riferimento alla bocca che è "come vino ottimo degno di essere bevuto" è un'evidente allusione alla pratica che hai adottato, di bere il tuo seme dalla sua bocca. Dunque Daniela ti è stata inviata dal Signore, è un Suo strumento di guida e redenzione mandato proprio per mantenerti sulla retta Via e scongiurare che tu, preso dalla tristezza e dal malumore, possa attardarti in cattivi pensieri.

Leggiamo ancora: Che lui mi baci con i baci della sua bocca. Più dolci del vino sono le sue carezze, più inebrianti dei suoi profumi. Tu stesso sei tutto un profumo; vedi, le ragazze si innamorano di te! Prendimi per mano e corriamo. Portami nella tua stanza, o mio re. Godiamo insieme, siamo felici. Il tuo nome è più dolce del vino. A ragione le ragazze si innamorano di te! (CdC 1,1-4).
Ecco l'evidente allusione al vostro costume di appartarvi nei magazzini o nell'archivio della ditta: "portami nella tua stanza, o mio re".

Ma c'è molto altro ancora: Il tuo amore, sorella mia, è così bello, molto più dolce del vino! Il tuo profumo è più gradevole di tutti gli aromi. Le tue labbra sanno di miele, mia sposa, la tua lingua ha il sapore del miele e del latte. Le tue vesti hanno il profumo del Libano. Sorella mia, mia sposa, sei come un giardino recintato e chiuso, come una sorgente inaccessibile. Le tue nascoste bellezze sono un giardino di melograni, di frutti squisiti con piante di cipro, nardo e zafferano, cannella e cinnamoro, ogni specie di piante d'incenso, mirra e aloe e tutti i profumi più rari. Tu sei una sorgente di giardino, fontana di acque vive, ruscello che scende dai monti del Libano. Alzati vento del nord, vieni vento del sud, spandete i profumi del mio giardino. E tu amore mio, vieni nel tuo giardino, gusta i frutti squisiti! Sono venuto nel mio giardino, sorella mia, mia sposa. Raccolgo la mia mirra e le mie erbe profumate. Mangio il miele del mio favo, bevo il mio latte e il mio vino. (Cdc 4,10-16 6,1).
"Le tue nascoste bellezze": perché Daniela non si spoglia davanti a te, non ti fa vedere le bellezze del proprio corpo. "Sono venuto nel mio giardino", cioè allude al fatto che tu eiaculi nella bocca di Daniela, che era stata appena paragonata ad un giardino, e "bevo il mio latte e il mio vino" si riferisce palesemente al fatto che poi bevi il tuo stesso seme.

Perciò, caro Claudio, quale prova più evidente che il tuo comportamento è inappuntabile e del tutto consono al volere di Dio?


Vediamo adesso di studiare più in dettaglio l'inconveniente lamentato dalla tua Susanna nel momento in cui si dovrebbe disporre a praticarti la fellatio mattutina, gesto che ogni buona moglie cristiana dovrebbe essere sempre disponibile ad offrire al proprio coniuge. Riferisci che lei si lamenta per il cattivo gusto del tuo sperma. Non può essere che tu abbia cambiato abitudini alimentari, dopo il matrimonio? È un caso che succede di frequente. Perché ne faccio menzione? Ebbene, lo sperma di per sé è un ottimo alimento, nutriente e privo di controindicazioni. Esso contiene svariati oligoelementi, come acido ascorbico, calcio, acido citrico, fruttosio, magnesio, fosforo, potassio, sodio, sorbitolo, vitamina B12 e zinco. Insomma è un vero giulebbe. Vedi quant'è vero ciò che dice Gesù in persona, quando chiama lo sperma "acqua viva": Gesù le rispose: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: "Dammi da bere!", tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Gli disse la donna: «Signore, tu non hai un mezzo per attingere e il pozzo è profondo; da dove hai dunque quest'acqua viva? Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede questo pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo gregge?». Rispose Gesù: «Chiunque beve di quest'acqua avrà di nuovo sete; ma chi beve dell'acqua che io gli darò, non avrà mai più sete, anzi, l'acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore, gli disse la donna, dammi di quest'acqua, perché non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua». Le disse: «Va' a chiamare tuo marito e poi ritorna qui». (Giovanni 4,10-16). In questo passo, Gesù propone ad una donna di Samaria di insegnarle come praticare la fellatio per ottenere l'acqua via, ossia lo sperma da bere, che la nutrirà e la disseterà senza mai stancarla. Giustamente vuole convocare il marito della donna per istruirla sul modo corretto di praticare la fellatio al suo coniuge legittimo, ma la donna risponde: Rispose la donna: «Non ho marito». Le disse Gesù: «Hai detto bene "non ho marito"; infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero». Gli replicò la donna: «Signore, vedo che tu sei un profeta.» (Giovanni 4,17-19). Dunque Gesù non si scoraggia per l'indisponibilità del coniuge della donna, ma, molto probabilmente anche se nel Vangelo non è scritto esplicitamente, avrà acconsentito a che la donna praticasse la fellatio a lui stesso, pur di poterla educare al nobile gesto.

Bene, tornando al tuo caso particolare, è pur vero però che il sapore del seme maschile viene fortemente influenzato dalla dieta. Una dieta sbilanciata può determinare effetti spiacevoli sul sapore del seme. Per correggere questo problema, dovresti provare a consumare molta frutta, in particolare fragole, e limitare caffè e alcolici. Vedrai che Susanna sarà molto più disposta a praticarti la fellatio anche di prima mattina, una volta che avrà degustato il tuo sperma rinnovato nel sapore. Un altro piccolo accorgimento utile può essere accompagnare la deglutizione dello sperma con un sorso di sciroppo d'acero, che è un ottimo dolcificante naturale  e inoltre ha un effetto depurativo. Naturalmente puoi sempre continuare ad avvalerti anche dell'aiuto di Daniela, perché sarebbe un peccato non accettare quello che con tutta evidenza è un dono di Dio.

Un kiloJesus di benedittanza tanto sull'unione coniugale tua e di Susanna, quanto sul sodalizio devoto tra te e Daniela. Che Dio vi guidi sulla Sua Via!

Vostro Moreno

43 commenti:

  1. Non si fa così susanna!!! eh!!

    RispondiElimina
  2. Fratelli carissimi nella Gioia Domenicale,
    credo si debba ringraziare, a una sola voce come nel canto di osanna nella celebrazione domenicale del sacrificio dell'Agnello, fratel Moreno per le sue encomiastiche e fibrillanti di Genuina Fede parole ispirate che allietano il Giorno del Signore in questa domenica avventizia che ci mena santamente fino al giorno che gusteremo nella gioia del Signore nato da Vergine nella mangiatoia di Betlemme, Luce e Salvezza delle genti che professano la Vera Fede nel viluppo del Germinatoio Celeste che profonde e semina La Vera Sostanza delle cose sperate che ci patrimoniano del Sacro Depositum Fidei da cui traiamo la Forza per la Processione verso il Luogo dove l'uom s'etterna.
    E dobbiamo anche ringraziare la Santa Ecclesia che tutti ci mammifica nella Comunione dei vivi, dei morti e di quelli che purificano nella purificazione purgatorica, ché sanno di meritare la visione beatifica quando avranno espurgato, come le lumache nel cesto, i peccato che ancora li distolgono dall'asseverare con l'occhio indomito la Potenza munifica dell'Altissimo: sì, perchè solo una Chiesa come quella che ci è madre nella nostritudine della Parole poteva celebrare con parole sì solenni la compenetrazione delle carni erette nella spugnosità benedetta delle cavità santificate dal Precetto paolino. C'accusano di bigiotteria e di arretratume mentale e sessuale? Che possano arretrare inorriditi, costoro, ché di fronte alle parole del Cantico che fratel Moreno ha così sublimantemente monitorato nella loro entusiastica partecipazione si resta sbigottiti per la naturalità con cui Nostro Signore, che il Padre Suo e lo Spirito Santo ce lo conservino ancora a lungo, ha esaltato la bellezza dell'accoppiamento genitalico. No, fratelli carissimi, non chiniamo il capo come se fossimo colpevoli di chissà quale morigeratezza innaturale: e sbandierate come fosse un vessillo e un orifiamma la nostra propensione all'amplesso, perchè è quello che Dio vuole da noi. Certo, la carità, l'obbedienza, l'umiltà, il perdono: ma anche la gioia dell'amplessamento senza remore e senza verecondia, perchè così ci vuole il Signore: stillanti di umori pelvici, gocciolanti di liquidi genitali, chiazzati di stelle filanti di seme, gorgoglianti di fiotti spumeggianti nelle gole ilari, ebbri dopo aver libato dal pertugio orifiziale della nostra compagna di congiungimento o dall'asta tumescente che è il terminale fiottante della produzione testicolare.
    Noi godiamo e su di noi sorride il Padre Celeste, che benedisce la giusta mira del fratello eiaculante anche da tre metri e la profusione scrosciante della sorella che libera il suo fluido lattiginoso dalle ghiandole periuretrali nel momento supremo del godimento carnale.
    Lasciamo al mondo i suoi pregiudizi e abbandoniamoci fiduciosi al Sommo creatore, che non ci creò per ammuffire nella tristezza, ma per godere nella pienezza olezzante di umori e di spezie.
    Grazie, Fratel Moreno: che la tua bocca possa sempre traboccare di sperma frizzante e spumeggiante!
    Fratel Michele

    RispondiElimina
  3. Perciò se si fanno pompini a persone differenti dal legittimo consorte non si incorre in peccato purché ci sia l'ingoio? Meno male, mi sento sollevata. Può anche essere messo nel novero delle buone azioni che avvicinano al Paradiso? Pace e bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna contestualizzare, Monica: se si tratta di contribuire a salvare un'unione matrimoniale santificata da Dio, ogni eventuale infrazione minore passa in secondo piano. Inoltre non c'è proprio alcunché nella Bibbia che vieti il sesso orale: ho controllato ed è assolutamente certo, su questo l'esegeta Moreno ha perfettamente ragione.
      Viceversa, è altrettanto vero che versare lo sperma per terra è un peccato grave, che Dio ha punito con la morte almeno nel caso di Onan (questo lo sappiamo per certo perché è scritto nella Bibbia, ma chissà quante altre punizioni divine sono state somministrate per lo stesso motivo e noi non lo sappiamo perché non conosciamo i peccati commessi dalle persone).
      Quindi sarà cosa saggia che tu non abbia mai a commettere tale odioso peccato. Stai sempre attenta quando esegui il pompino a cogliere il momento magico, e bada di non versare gocciola del sacro sugo, come anch'io ho imparato a fare: ne va della tua vita terrena e soprattutto di quella eterna!
      Che Gesù ti assista.

      Elimina
    2. Grazie Fratel Moreno,per rischiarare le nostre menti obnubilate e smarrite nei vari Testi Sacri! Un abbraccio sincero Don Fecondo!

      Elimina
    3. io non sono cristiana.. ma gesù che si fa fare un pompino non se po' sentì! ma che cazzo state a dì??????????
      comunque. se chiamano CORNA, e basta, perchè questo è UN TRADIMENTO.
      se il mio ragazzo si facesse fare i pompini da una sua collega (anche senza tette a grappolo d'uva), glielo staccherei a morsi. e gli sputerei lo sperma in faccia. sempre che non sia peccato eh....

      Elimina
  4. State scherzando, vero? Cioè, via, non potete parlare sul serio...O__O

    RispondiElimina
  5. Seguace di Cristo15 dicembre 2012 09:50

    Non scherzano, ma certamente nulla di quanto scritto ha a che vedere con la volontà di Dio.

    Chi desidera conoscere la volontà di Dio, chiunque desideri conoscere Dio, può conocerlo leggendo La Bibbia, partendo dal Vangelo. In Essi (4 sono i vangeli), troverà la storia della vita Gesù Cristo, Figlio di Dio, Dio stesso fatto uomo, venuto nel ns mondo per salvarci da noi nostri stessi fallimenti.
    Egli è punto di riferimento al comportamento per chiunque creda in Dio.
    Dio è Santo è tutto quanto raccontato in questo sito è solo menzogna e inganno.
    Dio vi benedica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Seguace di Cristo, fratello in Gesù,
      rifuggi il modernismo, arma del Maligno. Le Sacre Scritture (SS) devono essere lette secondo il volere di Nostro Signore, benedetto sia il Suo Santo (SS) Nome, che ispirò dapprima la Bibbia e in seguito il Santo Vangelo. Prega, ordunque, e mondati dal peccato dell'eresia. Segui le SS e sii felice in Cristo. Il nostro gruppo di preghiera pregherà per la tua anima e la tua salvezza.
      Sia lodato Gesù Cristo,

      Elimina
    2. SS per indicare le sacre scritture è proprio azzeccato.

      Elimina
    3. Io sono sgomentata... ma come può un cristiano scrivere e dire certe cose... è un orrore, la santificazione dove la mettiamo??? qst vuol dire santificarsi?... il rispetto cristiano, la morale cristiana dov'è? a me sembra che si voglia x forza giustificare il sesso ad ogni modo... !! da sposati OK ma adesso leggere che non è peccato farsi fare un p.... da una che non sia tua moglie mi sembra troppo!!!! Noi siamo il tempio dello Spirito Santo. Dio è Santo, non può vedere il peccato xke i suoi okki sono troppo puri! e nn può leggere certe cose! NON AVETE LINGUAGGIO CRISTIANO. non basta citare le scritture x aver voi la ragione!!! La Bibbia deve essere interpretata nel contesto non a fantasia!!!! Cristo Gesù è morto per liberarci dal peccato e anche dalla perversione... non si fa cosi!!!

      Elimina
    4. Come ti permetti? Monello, guarda che si arrabbiano e il loro Jesus ti sodomizza con la sabbia (che tanto è lecito).

      Elimina
  6. Ti consiglio pratiche sessuali con un bue e un asinello sotto il natale..ti fa sentire come il bambinello beato ..aaaaa che bene

    RispondiElimina
  7. ahahahahaha
    esilarante !!!

    RispondiElimina
  8. Fratello carissimo Seguace di Cristo, che le benedizioni dell'Altissimo siano su di te e sulla tua famiglia e che si riversi sul tuo capo e su quello dei tuoi cari il beneplacito di Nostro Signore, in grande copia.
    Detto questo, non capisco: perchè per conoscere Dio si deve leggere la Bibbia partendo dal Vangelo? Forse che Egli ha scritto il Libro dei Libri partendo dal Vangelo? No, Egli iniziò dal Genesi e poi andò avanti secondo la ben nota trafila che noi tutti apprezziamo e conosciamo e che ci sembra ben dipartita secondo una successione che non lascia spazio a fraintendimenti. Lascia perciò che il tuo prossimo parta da dove si deve partire, cioè dall'inizio: altrimenti si perde il filo e si rischia di diventare un modernista, piaga satanica della Chiesa.
    Ti abbraccio sempre benfidente nella Fede comune che ci fa albergatori dello Spirito Santo, guida rocciosa negli accidenti e nelle traversie che la vita ci dissemina nel cammino di santità che tu lo possa percorrere in eterno.
    Alleluja!
    Fratel Michele

    RispondiElimina
  9. Voi siete deviati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amatissimo fratell'Anonimo, fratello in Cristo Nostro Signore in eterno,
      mai parole furono pronunciate più giustamente e più santamente: è vero, siamo deviati. Non parlo a nome dei fratelli che curano il blog, tale è la mia insignificanza di fronte alla loro sapienza e saggezza, ma in nome della Comune Fede che ci fa simiglianti ai figli dell'Altissimo, indegnamente seguaci di Colui che ci insegnò la Vita Eterna.
      Siamo deviati così come l'intendeva l'Apostolo delle Genti quando (Cor 1, 23) lanciò il grido immarcescibile "scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani": e tali siamo. Nel mondo ma non del mondo, questo è il nostro destino: epperciò deviamo dalle rotte del mondo, così battute e notorie e facili alla perdizione. No, a noi altro cammino è segnato, e orgoglio superbo è sperarne la conclusione: ma qual'altra strada potremmo seguire, dacché il Signore impresse nel nostro cuore il Sigillo, quello che l'immenso Pascal chiamò desiderio inesausto di Dio, nella Cui pace il nostro animo riposa.
      Ti ringrazio, fratello Anonimo carissimo al mio cuore, per aver ricordato questa verità suprema: siamo deviati, ma deviati verso l'Onnipotente e, speriamo, il Suo Premio indefettibilmente eterno.
      In grazie santificante,
      fratel Michele

      Elimina
  10. Eretici! Eretici! Metteteli al rogo!! Streghe!!!

    RispondiElimina
  11. Io amo tutti voi!!! Evviva Jesus

    RispondiElimina
  12. Certo che se la collega di Claudio è quella nella foto il peccato sarebbe stato non approfittare della sua gentilezza e disponibilità

    RispondiElimina
  13. Quindi fare un pom... con una collega non è peccato?
    Ma stiamo scherzando? Salvare il matrimonio? Ma cos'è sta cosa? Lui aveva solo desiderio di farsi fare un ... con una bella collega e basta! E' un traditore ed è pure giusto!!! Mah...

    RispondiElimina
  14. Cari confratelli, sono fratello Baldassarre, gioite! Come migliaia di anni fa la stella cometa condusse i re magi innanzi al Cristo oggi la stella cometa ha condotto me fra le pagine di questo sito....in merito al liquido seminale sono come voi profeta dell'assunto che essendo nettare di vita neanche una goccia debba andare persa e mi prodigherò nel catechizzare chi mi è accanto e non solo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi compiaccio caro fratello in Cristo, benvenuto sul nostro modesto blog tramite il quale cerchiamo di diffondere la Parola del Signore e di aiutare le pecorelle smarrite a ritrovare la Via della Salvezza.
      Un kiloJesus di benedittanza.

      Elimina
    2. questa sarebbe la parola dei signore ??????? non mi sembra...e neanche lo dimostri perchè la bibbia dice tutt'altro...vergognati e chiedi perdono!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. questa sarebbee la parola del signore????????' ma quando mai !!!!! non c'e nulla di cristiano in questo blog e te lo dimostro se rispondi e pubblichi le mie risposte e tutti vedranno che nella bibbi non c'e scritto quello che tu dici!!!!!!ma tutt'altro!!!!!

      Elimina
  15. Caro fratello Moreno
    Volevo ringraziarti perchè grazie al tuo splendido blog mi sono avvicinato alla fede cristiana che avevo sempre evitato come la peste.
    Se tutti i rappresentanti della chiesa cattolica fossero come te non ci sarebbe che una sola fede ad unire tutti i popoli.
    Ancora mille grazie e che il Signore sia con voi sempre!!!

    RispondiElimina
  16. Io Spero Vivamente che non ci siano persone che credano a questi " consigli" e che siano abbastanza svegli per capire che qui stiamo parlando di blasfemia pura.
    Roba da matti....

    RispondiElimina
  17. spero veniate denunciati al più presto; farò in modo di far arrivare direttamente alla curia, tramite delle amicizie all'interno della città del vaticano queste vostre bestialità; siete delle merde, moreno in particolare, non sei un prete sei solo un bastardo senza fede e patria, andresti schiavizzato e torturato, per non parlare di quella troia di mafalda. amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male che sei cristiano tu. Aspetta...scommetto che sei anche cattolico, vero?

      Elimina
    2. fratello Moreno Merda in Cristo, i Cattolici sono solo una delle tante accolite di credenti. Non hanno certo l'esclusiva sulla Parola del Signore che è Suo dono a tutti gli uomini di buona volontà. Noi amiamo tutti i Cristiani, ma fra di loro spesso non corr buon sangue. Pensa che i Pentecostali considerano i cattolici tutti massoni dannati al fuoco eterno e il vaticano la casa del demonio! Noi esegeti invece vi amiamo tutti, e amiamo anche te carissimo Moreno Merda.
      Che la Benedittanza del Signore ti ricopra appiccicaticcia e biancastra come la manna sulle capocce degli Ebrei che sbagliavano nel deserto!

      Elimina
  18. si bè certo perchè sicuramente al vaticano troverai molte persone intelligenti che capiranno la tua incredulità e prenderanno dei provvedimenti... ma prima cercheranno un modo per leggere nella bibbia, vangelo e libretti vari un modo per giustificare le loro scopate con i bambini.

    RispondiElimina
  19. Amabili Fratelli e Sorelle, tutti Voi, scopro con piacere solo oggi le Vostre meravigliose parole, profuse abilmente per redimere noi povere pecore e trarci in salvo dalla selva oscura.
    E ringrazio l'Onnipotente Celeste e gli Angeli tutti di avermi guidato da Voi, anzi di avermi condotto per mano fino ai Vostro consigli, di avermi guidato la mano, così come tante volte hanno fatto ahimé verso la selva oscura, ora, finalmente, a Voi.

    Suggo con piacere ogni parola scaturita dal Vostro genio e dal Vostro Amore per il Benedettissimo, e prego affinché mai mi possa mancare la vista per leggere le Vostre preziose indicazioni di remissione dal peccato, così come a Voi mai possa mancare il senno per continuare a guidarci attraverso i perigli della vita.

    Con il cuore leggero apprendo che la fellatio mattutina che pratico con devota puntualità sia al coniuge che al collega è da considerarsi rettitudine.

    In nome del valore anche da Voi professato che è la condivisione, mi permetto di aggiungere un piccolo ed umile consiglio, una piccola frivolezza per la quale mi auguro non me ne vogliate, indirizzato alle donne moderne ed impegnate che, come me, amano essere alla moda seppur senza rinunciare alla Vera Fede della pratica cristiana.

    Sovente, al fine di non sprecare il seme scaturito dalle fellatio mattutine, né di incorrere nel peccato di gola, nel momento in cui lo stesso zampilla, espongo gioiosa il mio viso ad esso e me ne lascio irrorare; quindi procedo a spalmarlo sulla pelle: il seme asperso è un'ottima maschera per il viso da lasciare in posa per 15 minuti circa. Le proprietà lenitive, idratanti e nutrienti sono ovviamente miracolose ed in periodi di crisi, inoltre, riduce i costi dei prodotti cosmetici.

    Prego per Voi tutti che vi accompagnino in ogni momento della giornata e della notte tutti gli Angeli in coro.

    Signora Gioia Celeste

    RispondiElimina
  20. poveri psicopatici vi aspetto tutti quaggiu'

    RispondiElimina
  21. Grazie Padre Moreno, nel leggerla mi sento sempre spiritualmente rinnovato. Provo affetto per lei e il Credo che riesce a trasfondere. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  22. Mi avete fatto scappare un sorriso con questi post. Grazie di esistere :) siete dei geni.
    Vergine Mary

    RispondiElimina
  23. Chissà se la cornuta Susanna è favorevole a questo metodo di 'salvezza matrimoniale' attuato dal marito...
    Non importa che si tratti di musulmani, cattolici, ortodossi, atei......perché quando hai detto uomini, hai detto tutto!
    Silvia

    RispondiElimina
  24. caro moreno voglio che mi spieghi la tua risposta non esiste nè in cielo nè in terra sono tutte falsità quelle che hai scritto!!! la bibbia condanna il sesso orale condanna l'adulterio condanna chi tradisce come fai a dare una risposta del genere?? il problema è che non è un mio pensiero ma è ciò che c'e scritto nella bibbia se si condanna il sesso orale come puoi approvare quello che c'e scritto nella lettera da questa persona ?? che vorrei sapere se la moglie facesse lo stesso con un altro che cosa penserebbe ??? gradirei una risposta e un discorso tra persone mature ma non persone cristiane perchè tu non lo sei e un giorno dovrai rendere conto di queste abominevoli risposte e cose che dici...

    RispondiElimina
  25. Caro padre Moreno, sebbene a mesi di distanza dalla tua pubblicazione, mi sento moralmente illuminato da tanta benevolenza. La passione che si manifestra tramite l'atto volto non già a provar piacere ma a sollevare l'infausto collega dal grave peso giornaliero rappresenta quanto meno un enorme affermazione di fede e amore verso il prossimo.
    Lungimiranza e rispetto caratterizzano la tua risposta. Illustrando passo dopo passo le sacre scritture proprio lì dove invitano l'Uomo e la Donna ad agire non fai altro che avvicinarci all'alto dei cieli.

    Ti ringrazio per la tua immensa disponibilità e rinnovo i saluti.

    Orfelio.

    RispondiElimina
  26. Da quanto si evince si può salvare anche una sorella con un abile e fraterno cunnigulus...ad essercene di più di sante cristiane disposte ad offrire un audace contributo al matrimonio in crisi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, caro fratello Anonimo, le vocazioni sono in calo e questo è universalmente riconosciuto. Speriamo ci sia una inversione di tendenza, e non unaa tendenza all'inversione! :D

      Elimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.