Cerca le Santissime Risposte

lunedì 3 giugno 2019

Ballbusting: espiazione o offesa al Signore?

«
Caro fratello Tancredi,
girando per il web ho scoperto interessanti siti religiosi facilmente selezionabili usando le parole chiave "ball busting". 
Vi si trovano video di peccatori che si fanno punire da sante ragazze le quali hanno ricevuto dal Signore la capacità di palleggiare e, invece di sprecarla giocando a football, adoperano questa vocazione per aiutare uomini, che hanno perso la retta via, a riconquistarla nel dolore, percuotendo ripetutamente i loro genitali con vigorosi calci fino a farli inginocchiare di fronte al Signore. 
Da come questi uomini ringraziano le ragazze, è evidente che questa forma di espiazione è potente e riesce a restituire il candore e la gioia al loro animo grazie alla contrizione e al dolore. 
Siccome ultimamente ho molto peccato rivolgendo le mie impure fantasie alle tette della sorella della mia fidanzata, pensavo, certo non di confessarle i miei reconditi desideri, potrebbe strapparmi i coglioni per molto meno, ma di chiederle di aiutarmi nel riavvicinamento al Signore prendendomi a calci nelle palle con qualche seduta di ball busting, magari indossando un completino come quello della foto che ti allego.
Pensi che quest'espiazione possa essere sufficiente? 
devotamente 
Tuo Andrea
»

Caro Fratello in Cristo Andrea, la questione che ci poni è controversa. Sicuramente il peccato di omissione è grave tanto quanto la menzogna, per cui l'espiazione del tuo silenzio deve porre sul piatto della bilancia della giustizia divina qualcosa di altrettanto potente.
L'espiazione nel dolore è certo una buona idea, ma occorre fare attenzione a non ricadere in grossolani errore che, anziché riavvicinarti al Signore, potrebbero, addirittura, allontanarti ulteriormente. 
Per cominciare, se analizzi bene i percorsi con cui il web ti conduce a queste pagine internet, scoprirai che la directory da cui attingi si chiama Fem Dom, ovvero dominazione (contraltare della sottomissione) della donna sul uomo. 

Fem Dom? Attenti figlioli! La femmina non deve dominarvi, l'ha detto San Paolo!
Ora, come tu ben saprai, San Paolo ci dice chiaramente che è la donna che deve essere sottomessa all'uomo e non il contrario: (Ef 5,24) E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto. 
Non è quindi assolutamente accettabile alcun atto di sottomissione da parte tua, né psicologica, tanto meno fisica. Potrai quindi supplire facendo in modo che la tua fidanzata ti colpisca solo a seguito di un tuo preciso ordine e mai di sua iniziativa: in questo modo eviterai la sottomissione psicologica. 
Riguardo a quella fisica invece dovrai accuratamente evitare le posizioni che ti potrebbero porre al di sotto di lei, quindi mai dovrai trovarti: 
  • sdraiato a gambe aperte mentre lei è in piedi pronta a calciare;
  • in ginocchio davanti a lei che, in piedi, ti guarda dall'alto in basso.
Se stai sdraiato a terra, non va bene! Sei in stato di sottomissione
Neanche in ginocchio va bene! Ci si inginocchia solo di fronte al Signore. 
Basta guardare le foto per capire come tali condizioni siano umilianti e moralmente inaccettabili agli occhi del Signore. La posizione migliore sarebbe dunque lei sdraiata e tu in piedi,  o comunque sopra di lei, posizione che, come puoi vedere dalla foto seguente, è sicuramente realizzabile.
Un potente calcio a piedi uniti dal basso in alto può sollevarti e avvicinarti al Signore
mantenendo la corretta posizione di supremazia sulla donna.
Ma ci rendiamo conto che colpire vigorosamente con la schiena a terra possa richiedere forza e potenza muscolare che non tutte le ragazze possiedono, per cui andrà bene anche che siate entrambi in piedi.
Entrambi in piedi è il giusto compromesso.
Andranno bene i calci ben assestati (a piedi nudi o con scarpe o stivali tacco 16, non è rilevante, l'importante è colpire con tutto l'amore di Dio!). Le immagini seguenti, sono estratte da animazioni educative utilizzate a scopo formativo dai pochi cristiani  presenti nelle parrocchie giapponesi già ai corsi della prima comunione: mostrale al tuo amore come se fossero un libretto di istruzioni.
Coi tacchi alti otterrai un certo effetto scenografico ...
 ... ma anche gli zoccoli da spiaggia andranno benissimo.
Per non parlare delle ginocchiate che potranno pur esse venire considerate utili allo scopo.
Grande ginocchiata in diagonale con rotazione del busto ...

... o classica ginocchiata dal basso il alto?
La tua amata potrà colpirti ripetutamente fino a quando non cadrai a terra, ma in quell'istante dovrà smettere per evitare che tu possa trovarti in stato di sottomissione di fronte a lei.
Quando rovinerai a terra nel dolore, la tua fidanzata dovrà smettere di colpirti.
Tutto ciò sarà indubbiamente grato al Signore come atto di tua devota espiazione, ma ...

Eh si: c'è un ma!
Leggiamo infatti la parola del Signore e scopriamo che i testicoli schiacciati o ammaccati non sono una bella cosa!
Se in conseguenza di una seduta di ball busting ti si dovessero malauguratamente produrre danni ai testicoli, sarebbe agli occhi del Signore grande disgrazia, infatti è scritto: (Dt 23,2) Non entrerà nella comunità del Signore chi ha i testicoli schiacciati o il membro mutilato.
Quindi non potrai frequentare la casa del Signore fino a quando non ti sarai perfettamente ristabilito: il Sacerdote, al quale dovrai confessare i tuoi peccaminosi pensieri e comunicare le tue modalità di penitenza, ti potrà accettare a messa solo a fronte di un certificato di recente visita andrologica a cui dovrai sottoporti dopo ogni seduta di ball busting, se poi vorrai recarti al desco del Signore.
Il controllo e un po' di smanettamento della prostata con due o tre dita potrà essere considerato parte dell'espiazione o premio da parte del Signore (a seconda di come la prenderai) e, nel caso in cui il sacerdote non considerasse il certificato abbastanza recente, per ammetterti a messa, potrà pretendere di effettuarti lui stesso il controllo prostatico. Non ci sarà alcun problema. 

Controllo prostatico direttamente in sacrestia!
I nostri novizi vengono educati in Seminario fin da piccoli con utili sessione pratiche condotte da sacerdoti più anziani: ti poggerà una mano sulla spalla, una sul fianco e con l'altra mano controllerà che sia tutto a posto.



Benedittanza
quanta i testicoli percossi nel nome del Signore
quanta le benefattrici che aiutano i nostri peccatori nell'espiazione indossando scomodi tacchi a spillo
quanta i testicoli schiacciati, riammessi alle sacre funzioni grazie al sacrificio dei nostri sacerdoti edotti di andrologia
Tancredi


sabato 9 febbraio 2019

Ma davvero le altre religioni sono un dono di dio?


«
Caro Fratello Tancredi,
ho letto sul giornale che papa Ciccio, dopo avere incontrato infedeli di ogni risma, ha affermato che "la pluralità di religioni è volontà divina".
Ma questo non è in contrasto con la nostra fede in un unico Dio?
Il dio degli eserciti non ci ordina di sterminare gli adoratori di falsi dei?
Liberami dal dubbio!
Devotamente
Renatino
»

Caro fratello in Cristo Renatino, indubbiamente tutto è volontà divina quindi anche l'esistenza di altre religioni. Ma, la scrittura, almeno l'antico testamento, impone all'uomo di combattere gli adoratori di falsi dei.

Nessuno doveva sopravvivere fra i miscredenti: (1Sam 22,19) Passò a fil di spada Nob, la città dei sacerdoti: uomini e donne, fanciulli e lattanti; anche buoi, asini e pecore passò a fil di spada; ma anche (Lv 26,30) Devasterò le vostre alture, distruggerò i vostri altari per l'incenso, butterò i vostri cadaveri sui cadaveri dei vostri idoli e vi detesterò e 
(Dt 7,5) demolirete i loro altari, spezzerete le loro stele, taglierete i loro pali sacri, brucerete i loro idoli nel fuoco

Il Cristianesimo, ovvero il nuovo testamento cosa dice? Intanto i vangeli sono la storia di Cristo che si presenta un predicatore ebreo; egli non vuole fondare una nuova religione, si proclama Figlio del Dio della religione vigente, quindi nulla rinnega: (Mt 5,17) Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. Mi sembra evidente che per Nostro Signore, il fatto di essere sceso e nato da una vergine non cambia le cose, anzi, portare a compimento potrebbe essere interpretato come massacrare e cancellare dalla storia tutti i non ebrei!
Vero è che dice, infatti, di amare il prossimo: (Mt 19,19) onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso, ma come mai il prossimo è associato alla famiglia? Gesù ci parla di chi ci è vicino, dice di non litigare e nel caso fare subito la pace con chi ci è vicino, ovvero i parenti, i concittadini e correligionari mica gli stronzi miscredenti e forestieri!
Il Cristianesimo nasce in modo evidente con san Paolo: forte di un colpo di sole che gli illumina la mente, egli scavalca il figlio del Signore parlando direttamente col Padre che gli detta un sacco di lettere che abbiamo ricevuto tutte insieme quindi o erano le brutte copie o non sono mai state spedite, ma la cosa certa è che egli si beccò per primo il compito di diffondere il verbo, ma anche il soggetto e il complemento oggetto fra i gentili, (At 22, 21) Va’, perché io ti manderò lontano, tra i pagani, che sarebbero poi i politeisti, stranieri rispetto agli ebrei (detti gentili perché evidentemente i perorai ebrei erano più grossolani e sgarbati dei romani, in effetti molto più educati, colti ed eleganti tanto da riferirsi agli stranieri con il termine opposto di gentili: barbari!).
Diffondere il verbo perché? per portare la salvezza: (1Cor 9, 16) È per me una necessità il farlo. Guai a me, se non evangelizzassi.

Il problema delle altre religioni diviene quindi che semplicemente non avranno la salvezza: non c'è per Paolino di Tarso più la necessità di passare tutti a fil di spada maschi e bambini, e trombarsi le femmine, come ordinava Dio padre agli antichi ebrei, ma è semplicemente dovere del buon cristiano salvare più anime possibile dalle fiamme dell'inferno convertendole alla Buona Novella: 
(Ap 21,8) Ma per i vili e gli increduli, gli abietti e gli omicidi, gli immorali, i maghi, gli idolatri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. Questa è la seconda morte
(1Cor 6,9) Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolatri ... 

Un giorno però qualcuno si pose il problema: ma qualcuno che non ha mai saputo nulla del cristianesimo come potrà salvarsi? La risposta fu: non sapendone nulla, se è buono sarà lo stesso salvo! Ma allora se gli racconto tutto, ma non riesco a convertirlo? Ma ovvio: lo mando all'inferno!
E vai! Questo è il recondito significato delle parole del Nostro Papa: questo è lo scopo divino della moltitudine di religioni!
Il paradiso è posto molto freddo e le anime salve si troverebbero a patire e battere i denti per l'eternità!
Ovviamente sui libri di fisica dei miscredenti leggerete un sacco di minchiate a proposito, tipo che il paradiso è più caldo dell'inferno! 
Essi citano (Isaia, 30:26) Inoltre, la luce della Luna sarà come la luce del Sole e la luce del Sole sarà sette volte tanto quanto la luce di sette giorni e lo interpretano affermando che il Paradiso riceve dalla Luna tanto calore quanto oggi se ne riceve dal Sole più 7 x 7 ovvero ulteriori 49 volte ovvero 50 volte in tutto portando la temperatura oltre i 500 gradi.
(Rivelazioni, 21:8) invece ci dice che i peccatori nell'inferno avranno la loro parte nel lago ardente di fuoco e zolfo che, fuso, ha una temperatura inferiore a 50 gradi.
Quello di cui non tiene conto il volgare fisico è che l'anima del credente dona continuamente tutto il suo amore e quindi calore a Nostro Signore e quindi ne ha bisogno di continuo!
Il credente dona al Signore tutto il suo calore: fortunatamente ci sono
i miscredenti che, ardendo fra le fiamme dell'inferno, riscaldano il suo cuore!
Ma ecco come alimentare le caldaie che producono il riscaldamento a circuito chiuso per il paradiso: diffondere il verbo senza convertire!

Benedittanza!

Quanta i devoti cristiani che rischiano di patire il gelo eterno fra le alture del Paradiso
Quanta la genialità del Papa argentino nel procurarci materiale da ardere
Quanta i miscredenti che, non più ignari della vera fede, potranno alfine ardere in eterno per scaldare i nostri cuori santi e benedetti

Tancredi

sabato 1 dicembre 2018

Giocare a Poker con Gesù

 Il Texas Hold'em nel nome di Dio


Esimio Prof. Girolamo, mi chiamo Antonio, vengo da Milano e sono un cattolico con una grande passione per il gioco d’azzardo. Lo amo in tutte le sue forme;  baccarà, blackjack, roulette, pusoy, scommesse sportive, ma soprattutto amo il poker, principalmente nella sua variante americana del Texas Hold’em, ma anche nella classica e comunque emozionante, versione italiana a cinque carte.

Quattro anni fa, passai un brutto periodo di depressione a causa di una lunga e travagliata crisi matrimoniale, e così da episodico ed oculato frequentatore di casinò che ero, diligente conoscitore della letteratura tecnica, ma anche persona attenta ai valori della religione e della famiglia, finì per diventare più assiduo ed incauto, giungendo ad investire gran parte delle mie finanze in favore dell’unico pensiero ossessivo che mi voleva seduto ad un tavolo verde con un enorme stack davanti e due carte in mano.

Senza rendermene conto, però, il tempo volava via, e mia moglie un bel giorno se ne andò, lasciandomi sulla scrivania soltanto gli incartamenti per l’avvocato e la richiesta per assegni di mantenimento, che la sentenza puntualmente le elargì fin troppo generosamente. 
I miei affetti pian piano si diradarono, ma a me poco importava: nel mio rifugio scintillante mi sentivo libero, mi sentivo vivo. Al tavolo cessava ogni mia angoscia ed inquietudine; potevo finalmente distogliere il pensiero dalle mie tormentate afflizioni e rivolgerlo soltanto al calcolo probabilistico, ma soprattutto potevo annullarmi nell'estasi impetuosa della sorte, e naufragare in quella maestosa ondata di adrenalina che pervade l’anima al seguir dell’attesa euforica intimazione: “show down!”.

venerdì 5 ottobre 2018

Il bordello delle bambole: luogo di perdizione o di incontro col Signore?

 
«
Tancredi,
Non siamo di Torino, ma i miei amici ed io, appena abbiamo avuto la notizia, abbiamo prenotato con settimane di anticipo per essere lì il primo giorno: un viaggio di preghiera e di invocazioni al Signore e a tutti i Santi ogni volta che la vecchia Panda di Rino faticava a ripartire o faceva scintille raschiando al suolo la marmitta sulle buche più dure e perciò soprannominata "Fiat lux".
Devo confessarti che ridevamo e scherzavamo, ma avevamo un gran senso di colpa: mica abbiamo detto nulla a mogli e fidanzate!
Ma la curiosità era troppa: perversione? La bambola gonfiabile l'avevamo provata tutti, ma queste sono di silicone, morbidezza naturale, mica come il materassino della spiaggia.  Ma, ascolta, la questione è che pensavo di andare a fare una porcata e, invece, è stata un'esperienza mistica: quando sono entrato nella stanza era lì, sdraiata ad aspettarmi. Un sorriso così dolce che mi distoglieva lo sguardo da quei seni e quel culo da favola.
Non era una donna, era qualcosa di diverso, di più, era, non pensare che voglia bestemmiare, una santa: era ovvio che qualunque cosa avessi fatto con Lei, Lei non avrebbe peccato. Era al di sopra di ogni peccato, a tal punto che quando ebbi finito di sfogare i miei istinti su quel corpo perfetto che continuava a sorridermi qualunque perversione realizzassi, mi sentii pulito e immacolato. Mi sentii solo come avevo provato dopo la mia prima assoluzione, quella della Prima Comunione: completamente senza peccato.


giovedì 20 settembre 2018

Sacrifici umani e pedofilia nel nome del Signore


 
«
Carissimo fratello Tancredi,
nel momento in cui Santa Madre Chiesa è sconvolta da tanti presunti scandali di pedofilia, ad opera di tanti bravi sacerdoti e l’animo cristiano ne resta profondamente turbato, ci si rende conto che oltre al perdono e alla preghiera sarebbero necessarie chiare precisazioni che orientino un franco e cristiano dibattito su questo blog.
È per questo che mi rivolgo a te, caro fratello Tancredi, non solo affinché le tue sagge esegesi portino questi fatti sotto la giusta luce e la parola del Signore sia correttamente interpretata, ma anche per riscattare Santa Madre Chiesa dalle odiose calunnie che Le vengono malignamente e troppo spesso rivolte.
Diciamo innanzitutto che le presunte vittime di inesistenti violenze sono i seminaristi e i chierichetti.
E diciamo anche che la decisione di ammettere i primi allo studio della teologia e i secondi al servizio dell’altare di Cristo riveste una responsabilità enorme agli occhi della società e soprattutto agli occhi di Dio.
Chi assume questa responsabilità dovrebbe guardare come un padre in fondo agli occhi del suo figliolo, scorgervi l’innocenza di Gesù fanciullo e guardarsi bene dal corromperla.
Ma si può affermate che le tenere chiappe, fresche e rotondette di un fanciullo, non siano un elemento utile e sufficiente a capire la sua idoneità al servizio divino?
E chi potrà mai affermare che l’amore che può spontaneamente sbocciare fra un sacerdote e un suo discepolo non sia da considerare un dono del Signore?
Si può affermare che la manifestazione fisica di questo amore non sia un modo per onorare il Signore?


venerdì 3 agosto 2018

Riproduzione sessuata o asessuata? La nerchia e la fica come opera del Signore

«  
Cari fratelli esegeti,
Come è avvenuta la creazione degli organi riproduttivi? 
Genesi ci insegna che furono creati gli animali, poi l'uomo per servirli. Ma non ci parla di sesso o di come gli animali si potessero riprodurre.
Infine ci dice che Dio creò la donna, Eva, da una costola di Adamo perché non stava bene che la creatura prediletta del Signore cucinasse e facesse le pulizie in casa.
Quindi vuol dire che Adamo da solo non si poteva riprodurre.
Ma se non poteva Adamo, allora neanche gli animali?
Poi Adamo ed Eva mangiarono la mela, si accorsero di essere nudi, lo sguardo cadde su genitali ed evidentemente, non capendo subito a cosa servissero, decisero di nasconderli con la foglia di fico (scelta del cazzo, se per caso c'era il latte li voglio vedere che urla ...). Ma allora, prima di digerire la mela i genitali c'erano o non c'erano? Forse è che mangiare le mele migliora la vista ed Eva vide il cazzo piccolo solo dopo aver riacquistato tutte le diottrie? Ma no ... quelle sono le carote ...
Allora è la mela che fa spuntare il cazzo al maschio e produce un orifizio nella femmina?
Ho provato più volte a mangiare mele per farmi crescere il cazzo ... niente! Sempre piccolo rimane!
Eppure Adamo, quando era solo, senza compagna, non doveva certo avere protuberanze, a che pro? Per pisciare sarebbe bastato un buco, come Ken di Barby! 
E gli animali non dovevano mica riprodursi: c'era solo Adamo ed era probabilmente vegetariano! 
Voi esegeti che sapete tutto, aiutatemi a capire dalle scritture quando il Signore decise di creare gli attributi sessuali.
Devotamente Vostro
Pio
»

lunedì 28 maggio 2018

Big bang theory e ambiguità sessuale: la settimana della creazione

« 
Esegeti della mia cippa!
Ma non capite una mazza! Ma davvero credete che la Bibbia dica cose serie? Guardate la Genesi ad esempio: Dio prima crea la luce e poi il Sole e le stelle. Ma vi sembra possibile? E da dove usciva la luce? Dal nulla? Ahahahaha
E l’uomo? Maschio e femmina li creò vero? E basta? Ma se in natura esistono centinaia di specie animali in cui l’omosessualità è diffusa ed esistono persino specie di uccelli dove è normale l’adozione da parte di coppie omosessuali che salvano le uova di troppo dai nidi ove verrebbero abbandonate o buttate a terra per covarle e crescerne amorevolmente i piccoli? Ma vi sembra possibile credere ancora a un libro del genere? Un libro di favole scritto da pecorai ignoranti che fumavano roba strana e poi credevano di sentire il loro Dio che gli parlava dai cespugli.
Sveglia!!!!111
Teo
»

lunedì 23 aprile 2018

Giovanni o Maddalena? Drag queen e transessualità alle radici del Cristianesimo


« 
Cari fratelli e sorelle,  
ho letto di recente un articolo dove venivano analizzate le opere d’arte medioevali e rinascimentali che ritraggono nell’ultima cena una ragazza semi addormentata sulle gambe di Nostro Signore. L’ipotesi più ragionevole è pensare che si trattasse di Maria Maddalena. Ho poi trovato nei Vangeli che Gesù le voleva molto bene e in diversi scritti si dice che la baciasse sulla bocca.
Ma allora ha ragione Dan Brown? Era la sua fidanzata o addirittura sposa segreta? Potrebbero avere avuto la figlia di cui parla il romanzo? Cosa ne pensate?
Pio Bernardo
»

giovedì 1 marzo 2018

Come fanno i musulmani a conquistare le donne cristiane?

«
Caro Moreno,
mia sorella, Federica, ha sposato un musulmano! Adesso lei si fa chiamare Aisha, e non esce più di casa, se non raramente, e quando la vediamo è sempre intabarrata come un fagotto. Non sono neanche sicuro che sia mia sorella, non la riconosco più. Ma come è possibile che succedano cose del genere? Noi in famiglia avevamo cercato di dissuaderla dal frequentare uno straniero così rozzo e primitivo, ma lei non ha sentito ragioni. Era completamente impazzita per lui! Non riuscivo a capire cosa possano trovarci le donne in tipi simili, finché un amico mi ha rivelato che gli arabi musulmani sono dotati di un sesso enorme e di conformazione particolare, grazie al quale riescono a mandare in estasi le donne. Ecco perché molte donne occidentali rinunciano alla civiltà e si lasciano irretire da questi selvaggi, arrivando a rinnegare la loro cultura e a convertirsi a quella religione brutale.
Purtroppo di fronte a questi mezzi, temo che la conversione in massa di moltissime donne occidentali proseguirà fino al punto da estinguere sia la nostra civiltà, che la nostra santa e vera religione Cristiana. Poi con un papa così smidollato per gli islamici sarà un gioco da ragazzi annientarci. Non dovranno nemmeno sbudellarci, ci faranno fuori a colpi di cazzo!!!
Mi domando però come facciano questi maschi ad essere così dotati. È una caratteristica della loro razza?
Tu che hai l'illuminazione direttamente dal Signore Gesù, puoi spiegare questo fenomeno?
Dio ti benedica, sant'uomo.
Riccardo
»

mercoledì 20 dicembre 2017

Ma che partita! Pensa a trombare invece, che Dio ti guarda!

«
Cari fratelli, sono attanagliato da un dubbio atroce: sono un peccatore? 
Vi spiego: l'altra sera mi ero già sdraiato sul letto con telecomando e noccioline, per seguire la partita di Champions della Juve che arriva mia moglie tutta in ghingheri, intimo nero, calze a rete e tacchi a spillo e comincia a strusciarmisi addosso.
Non ci crederete, ma non mi sia alzava neanche con l'argano!
Ero lì a pensare che l'arbitro stava per fischiare l'inizio, che dovevo sbrigarmi e invece sembrava che stessi facendo dei preliminari della Madonna (la Madonna era vergine, ma i preliminari li faceva, vero?).
Finalmente, raggiunta una consistenza lievemente barzotta glielo butto dentro e riesco ad avere una meravigliosa eiaculazione precoce: bello soddisfatto faccio un po' di scena madre, mi strappo i capelli e lei per consolarmi mi dice che può succedere a tutti, di non preoccuparmi e per distrarmi ... (!) ... mi accende la TV!
Mitico! Ho pensato: il Signore mi ama.
Ma dentro il cuore mi è rimasto il dubbio: e se avessi peccato?
Levatemi questo atroce dilemma!
Giacinto
»