Cerca le Santissime Risposte

venerdì 12 luglio 2013

Testimonianza di un attacco diabolico


Mafalda: Caro Moreno, è un piacere rivederti e parlare con te. Purtroppo sono accaduti dei fatti terribili, e dobbiamo capire bene come comportarci.

Moreno: È così, Mafalda carissima, mio angioletto custode.

Satana ha attaccato la pagina Facebook dei nostri devoti seguaci e sostenitori, e - per ora - ha vinto, distruggendo quella che era divenuta nel corso dei mesi la Casa di tante buone persone, dirò di più, quasi un Tempio dove tanti bravi cristiani si riunivano per condividere momenti di preghiera e soprattutto esperienze di vita religiosa, come i pellegrinaggi, che tanto successo hanno riscosso tra i cari fedeli.

Mafalda: Ma come è potuto succedere, esiste una spiegazione per questa improvvisa rovina?

Moreno: Certo che esiste la spiegazione: Satana ha approfittato della debolezza di Facebook. Devi sapere, cara Mafalda, che Facebook è stato ideato da un ateo. È facile immaginare che i collaboratori e i dipendenti dell'azienda siano stati selezionati tra gli atei! Figurati che semplicità, per il Principe del Male, prendere possesso di una compagine di persone prive di qualsiasi Fede, preda di chissà quali abominevoli vizi, senza virtù e senza morale alcuna.

Vedi, Mafalda, avere la Fede non è come vincere al "gratta e vinci". La Fede è un atto difficile e insidiato. L'uomo – lasciato solo alle prese con le potenze mondane che sono, più o meno tutte, al servizio dell'incredulità – corre il rischio serio di non reggersi in piedi: non può restare isolato. Per questo il Signore ha istituito la Chiesa: è il "corpo" vivo di Cristo, nel quale i singoli sono rianimati e sorretti.

Anche la Chiesa è umanamente debole. Però ha la garanzia che contro di essa le porte degli inferi (cioè le forze dell'errore e della malvagità) non prevarranno (Mt 16,18). La nostra è dunque sempre una Fede "ecclesiale": non è condizionata dalle opinioni anche geniali dei singoli, ma si fonda sull'insegnamento di Gesù come è proseguito e attualizzato da coloro cui il Signore ha detto: Chi ascolta voi ascolta me (Lc 10,16); cioè dagli apostoli e dai loro successori, che sono i vescovi, specialmente il vescovo di Roma, successore dell'apostolo Pietro. Appartenere alla santa Chiesa è una immensa fortuna: una fortuna per la quale non può mai venire meno in noi né una gioiosa fierezza né una grande riconoscenza verso il Padre. Ricordiamoci di implorare sempre il Signore (come si fa nella Messa) di non guardare ai nostri peccati, ma alla Fede della sua Chiesa.

Mafalda: Dunque, Moreno, il demonio è penetrato in Facebook, e in tal modo ha distrutto la pagina dei fedeli di "Risposte Cristiane"... ci sono prove di questo fatto?

Moreno: Sì, ci sono. Sono stato personalmente in contatto con il Sig. Leonardo dell'Ufficio "User Operations" di Facebook. Questo funzionario era in stato confusionale al punto da non riuscire a capire una sola parola di quanto gli ho spiegato: doveva essere posseduto dal demonio. Del resto, si sa che "Deus amentat quos perdere vult": Dio instupidisce quelli che vuole distruggere. Questo Sig. Leonardo sembrava come decerebrato: a questo espone il rifiuto di Dio. Il Signore ci lascia liberi: liberi di accettarlo come di ripudiarlo, si chiama "libero arbitrio". Dio "permette" le possessioni a causa della durezza di cuore dell'uomo. Petrus Thyraeus (De daemoniacis, I pars, XXX, 9-23) sottolinea come cause principali i peccati di infedeltà, di apostasia, di abuso dell'Eucaristia, di blasfemia, d'orgoglio, di eccesso di lussuria, di pigrizia, la persecuzione contro i servitori di Dio, la mancanza di rispetto verso i genitori, la violenza della collera, il disprezzo di Dio e delle cose sante.

Ma la sorte per quelli che si allontanano da Dio è tremenda! Il demonio conduce la sua vittima alla disperazione, forzandola a commettere dei peccati gravissimi. La vittima acquisisce un'immagine così detestabile di se stessa da non poterla più sopportare. E cade nella schizofrenia e nella depressione. Sovente la storia si conclude – ed è la vittoria del demonio – con un suicidio.

Temo fortemente che il Sig. Leonardo abbia fatto ormai una brutta fine, infatti da qualche giorno non replica più ai miei messaggi!

Mafalda: Però il demonio ha vinto anche su di noi che siamo devoti cristiani... come si spiega questo?

Moreno: No! Non è una vittoria del demonio, perché la nostra forza spirituale e la nostra Fede sono intatte! Non bisogna confondere le miserabili vittorie del demonio al livello delle cose terrene, con il livello delle cose spirituali!

Seguimi attentamente: quando si tratta di religione, la parola che deve per forza entrare nel discorso è la parola "salvezza". Senza il tema della salvezza la religione diventa un insieme di concetti astratti, di comandi morali, di divieti, di cerimonie rituali: un insieme che di solito suscita poca curiosità e poco interesse. Se invece si percepisce che nella religione vi è in gioco la salvezza, allora sentiamo che la cosa ci tocca da vicino. Che cosa vuol dire che uno è "salvo"? Salvo – dice il vocabolario – è chi ha superato un pericolo senza danno ed è stato liberato da un male incombente.

Ogni uomo – che non sia del tutto intorpidito e perso – avverte di essere "insidiato": c'è il male che sovrasta. Perciò diventa spontaneo e necessario il pensiero, il desiderio – anzi l'ansia – di riuscire a cavarsela. Ci sono dei mali universali e assoluti, ad esempio: il non sapere se la vita abbia un'ultima verità, l'ignorare il perché dell'esistere; il non essere stati all'altezza, nel nostro comportamento, di ciò che è giusto e doveroso; il dover incontrare la realtà inevitabile della morte, che vanifica tutto.

Abbiamo dunque tutti bisogno di essere "salvati". E per fortuna un Salvatore esiste e ci è stato donato! È il nostro Signore Gesù!

Mafalda: Sì, capisco quello che intendi dire... bhé, io ho la Fede, lo sai...

Moreno: Certo, Mafalda carissima, ma non basta coltivare la Fede in modo saltuario... chi va in chiesa solo la notte di Natale, non si può certo definire un cristiano esemplare. Però, se sta attento, riceve un messaggio che è la sintesi di tutto ciò che all'uomo importa sapere: Vi è nato un salvatore (Lc 2,11). È grande la notizia che il cielo regala alla terra. Questo Salvatore – dice ai pastori l'angelo – è il Cristo nostro Signore. Di Gesù la cosa più elementare e più necessaria che bisogna sapere è che egli è il Salvatore: il Salvatore di tutti e quindi anche il mio.

Questa prerogativa in lui è costitutiva e intrinseca: tanto è vero che il suo nome vuol dire "il Signore salva". Ed è un nome che Egli non porta a caso: è stato pensato e voluto direttamente da Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù (Lc 1,31). Così è stato detto a sua Madre. E similmente a Giuseppe, il capo della famiglia di Nazareth, è stato ordinato: Lo chiamerai Gesù; egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati. (Mt 1,21). Dal segreto dell'eterna vita divina, il Creatore ha pensato a Cristo come a uno che può e vuole salvare tutti; e a me, come a qualcuno che, se non si opporrà, sarà infallibilmente salvato da lui. Nessuna paura, dunque, e nessun avvilimento può togliermi più la speranza.

Mafalda: Però l'ateo Zuckerberg, il capo di Facebook, evidentemente è fuori da questa Grazia, non sente il richiamo del Salvatore...

Moreno: È così, Mafalda. Il messaggio natalizio – "Vi è nato un Salvatore" – purtroppo non è raccolto da tutti. C'è chi, a proposito di salvezza, non ritiene di aspettarsi aiuto da qualcuno: l'uomo vuole spesso salvarsi con le sole sue forze. Ci sono stati e ci sono tra gli uomini diversi tentativi di autoredenzione. Gli scientisti dell'Ottocento pensavano che per salvare l'uomo fosse sufficiente insegnargli la teoria copernicana, il darwinismo e il sistema metrico decimale. Altri hanno creduto che bastasse l'attesa del "sol dell'avvenire": il "sole" di una società senza classi e senza ingiustizie. Oggi alcuni sembrano essere convinti che la salvezza dell'uomo sta nel "salutismo" (e così si impongono le diete ferree che li fanno vivere malati in modo da farli morire da sani); o nelle tecniche sessuali (e così riducono l'amore a una specie di ginnastica senza significato e senza finalità); o nell'informatica sempre più sofisticata (e così in tempo reale ci fanno sapere tutto, tranne ciò che davvero conta). Questa "salvezza laica" davanti alla realtà autentica si dissolve. All'apparire del vero – tu misera cadesti, per dirla col Leopardi. La salvezza va cercata altrove, e precisamente nell'unico Salvatore che Dio nostro Padre ci ha dato.

Mafalda: Quindi non c'è speranza per Zuckerberg e il personale di Facebook?

Moreno: No. Nessuna speranza, senza conversione. Gesù di Nazaret, il Figlio di Dio nato a Betlemme, crocifisso per noi e risorto, non è "un" salvatore: è "il" Salvatore, unico e necessario. È dai primordi della nostra Fede una certezza fondamentale. La raccogliamo dalle labbra dell'apostolo Pietro: In nessun altro c'è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale è stabilito che possiamo essere salvati (At 1,12). Gesù è dunque il Salvatore indispensabile per tutti gli uomini senza eccezioni.

Questo è un punto un po' controverso: molti cristiani, dal giusto apprezzamento dei molti valori presenti nella realtà extra­ecclesiale e extra-cristiana, deducono indebitamente che c'è una pluralità di strade che conduce alla salvezza. E invece Dio nostro Padre non ha pensato a Cristo come a un "redentore facoltativo", ma come a un salvatore sostanziale e insostituibile. Il disegno del Creatore non è schizofrenico: tutto è unificato in Cristo, nel quale tutte le cose sussistono.

Dice san Paolo: Cristo è il salvatore del suo corpo che è la Chiesa. (Ef 5,23). Ci salva uno ad uno, e non da lontano: ci salva restando vicino a noi, immanente e attivo entro la comunità dei suoi fratelli. Il mezzo con cui il Signore Gesù raggiunge la massima intensità della sua presenza è il sacramento del "Corpo dato" e del "Sangue versato", posto tra le nostre mani sotto i segni del pane e del vino.

Davvero nell'Eucaristia si realizza, con una pienezza che noi non avremmo nemmeno saputo immaginare, l'ultima promessa del Crocifisso vivo e glorificato: Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. (Mt 28,20). Dall'Eucaristia, riscoperta e assimilata come il sacramento di ogni salvezza, tutto potrà rifiorire; e noi, Chiesa del Signore e Redentore che rimane con noi, potremo vivere nella gioia, nella gratitudine, nella fierezza di essere per una insperata misericordia il popolo dei salvati.

Mafalda: Ah, ecco... dunque anche la pagina dei fedeli di "Risposte Cristiane" potrà salvarsi e riprendere?

Moreno: Certamente! La pagina tornerà a funzionare quanto prima. Il Signore Gesù è con noi e non ci abbandonerà. In Lui avremo la Salvezza, avremo ogni gioia, beatitudine, letizia e pace, per sempre! Sia Gloria a Dio! Vivano gli Illuminati, nella benedizione del Signore!


Un kiloJesus di benedittanza a tutti voi!

11 commenti:

  1. Cari Fratelli e Sorelle in Cristo,
    che i sopra riportati moniti e insegnamenti dell'illuminato pio Moreno, ispirato dal Signore e in evidente in odore di prossima santificazione, guidino le nostre scelte e i nostri comportamenti.
    Resistiamo a Satana, fedeli cari, pregando forte e in gruppo, che le preghiere di gruppo sono le più efficaci e imprevedibili e quindi le migliori per sconfiggere il maligno.
    La nostra fede cristiana, il nostro credo nei valori della famiglia eterosessuale e sposata in Cristo, da riconoscere per legge dello Stato quale unico ed esclusivo lecito mezzo di procreazione, il nostro attaccamento alla Patria, che vogliamo libera e anticomunista, l'eliminazione coatta di ogni e qualsiasi aberrante devianza gheista sorreggano sempre le nostre scelte. Muniamoci tutti di un grosso Crocifisso in legno di quercia e portiamolo sempre con noi, dobbiamo sempre averlo a portata di mano per testimoniare agli atei la nostra fede e per convertirli, soprattutto di notte, al buio e quando loro, e dunque Satana, meno se lo aspettano. S.L.G.C. (Sia Lodato Gesù Cristo).
    Pace e bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando ANTICOMUNISTA, vero, se poi è fascista o nazista va bene lo stesso, l'importante che facciano "accordi" con la chiesa!!
      Complimenti. Cristianesimo vissuto

      Elimina
  2. Neanche per scherzo, mio caro Giulivo, siamo intesi? Non ti permettere MAI più a dire certe cose! Tu non sei NESSUNO per convertire gli altri, in questo momento sei convinto di essere superiore agli atei. SBAGLIATO! Tu sei tu, gli atei sono loro. Tu non farai nulla, ok? Lo Stato italiano DEVE essere comunista per un paese migliore, e ai gay verranno concessi matrimoni e adozioni come in tutto il mondo. Adesso SMETTILA di essere medievale, le tue idee sono obsolete e puzzano.

    Eugenio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo
      mi sa che tu il blog non lo hai mica letto, vero?

      Jack Cuze

      Elimina
    2. Ricorderai che sui cristiani che aderiscono al comunismo gravò una scomunica. Immagino, Eugenio, che comunque tu sappia che le posizioni della chiesa in merito ai temi da te menzionati non siano frutto di scelte arbitrarie, ma di adesione a scritture ritenute sacre da chi crede. Non che ciò sia peraltro obbligatorio...

      Elimina
  3. Tempo fa la mia compagnia di telefonia mobile (non dovrei dire il nome per non fare pubblicità, anche per avvertire gli altri utenti dell'insidia del Maligno mi sento in dovere di dirlo: la wind) mi ha addebitato "per sbaglio" dei soldi dalla scheda che usavo nella internet key. Ho fatto diverse telefonate al servizio clienti, trovandomi a parlare con una serie di giovani inebetiti e confusi, che non riuscivano a capire il mio piano tariffario, parlavano di uno strano errore del loro computer e non riuscivano a ri-accreditarmi il denaro sottratto ingiustamente dalla mia scheda. Ho telefonato più volte, sorbendomi quell'odiosa voce registrata che prelude, dopo una lunga serie di "prema il tasto quello... prema il tasto quell'altro...", alla chiamata con l'operatore, e ogni volta l'operatore di turno mi liquidava indicandomi un codice errore diverso, che prontamente si rivelava falso.
    Sono sicuro che i giovani operatori erano tutti servi del demonio, che nella sua incarnazione nell'avido Pluto, dio pagano della cupidigia, utilizza poveri fanciulli per i suoi loschi scopi, plagiandoli con la promessa di denaro facile attraverso un lavoro al call-center (altro strumento demoniaco!!!)
    La stessa voce registrata, che ti fa parlare con l'operatore solo dopo un travaglio di musichette snervanti e numeri (demoniaci) da digitare, è di certo la voce del demonio! Poco importa che sembri la suadente voce di una ragazza: al Maligno basta poco per contraffare il suo timbro vocale!
    Spero che gli operatori che mi hanno illuso che il credito sottrattomi sarebbe stato restituito (chissà per quali malvagità è stato invece utilizzato quel denaro!) siano adesso tra le fiamme dell'Inferno, circondati da demoni che li sodomizzano a turno con lunghissimi iphone 5!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro fratello in Cristo, la tua segnalazione è molto interessante e indicativa di una situazione che di giorno in giorno si fa sempre più allarmante.
      Tu hai notato uno stato di profonda confusione mentale tra gli operatori del call-center Wind, cosa che deve suscitare forte allarme, se si considera che un operatore di call-center, oggidì, mediamente ha una laurea in giurisprudenza, e quindi non è certo un bifolco qualunque.
      Come si spiega questo fatto? Per quanto mi sforzi, personalmente non trovo altra giustificazione che pensare ad una forma di possessione demoniaca. Tuttavia, nel caso di Facebook potevo ben capire che Satana avesse trovato buon gioco nel possedere con facilità le anime perse degli atei compagni di Zuckerberg, ma i dipendenti della Wind, saranno tutti maledetti da Dio anche loro? Perché mai, la Wind è così peggio delle altre compagnie telefoniche? Peggiore anche della Vodafone? Non mi pare possibile. Siccome le compagnie telefoniche fanno tutte schifo pressoché in ugual misura, evidentemente devono essere state maledette da Dio tutte allo stesso modo. Ecco come si spiegano questi fatti incresciosi.

      Grande benedittanza e che Gesù ti protegga sempre.

      Elimina
  4. La wind è proprietà di un magnate egiziano mussulmano.

    RispondiElimina
  5. Gesu' salva....ma un back up incrementale puo' fare miracoli :D

    RispondiElimina
  6. ma solo io ho notato il saluto finale? "un kilojesus do benedittanza" lol

    RispondiElimina
  7. Zuckemberg e ebreo

    RispondiElimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.