Cerca le Santissime Risposte

venerdì 17 ottobre 2014

Gay e lesbiche, non temete gli omofobi: Gesù vi ama!



Cari Fratelli e Sorelle in Cristo, riceviamo molte lettere sul tema dell’omosessualità: è giunto ormai il momento di chiarire definitivamente la posizione di Nostro Signore. Qui sotto solo alcune delle lettere ricevute riassunte per dare spazio a tutti. 

«Salve, Sono un credente di nome Peter … so che la sodomia fra uomini è peccato, ma volevo chiedervi, ora che non ho una donna, sarebbe giusto sfogare le mie pulsioni facendomi masturbare da un uomo e facendo bere a lui il mio sperma e poi ricambiare io con lui? Se no mi suggerite qualche alternativa?
Grazie Peter» 

«Salve, … aiuto i miei amici e a volte anche dei perfetti sconosciuti a svuotare i loro testicoli non sprecando neanche una goccia. Secondo voi posso intendere questa mia passione per lo sperma come una missione per evitare ai miei fratelli di sprecare il seme? 
Attendo risposta; grazie illuminati»

«Cari Fratelli in Cristo, … sono un giovane ragazzo omosessuale, molte volte mi chiedo se sia opportuno frequentare la celebrazione Eucaristica … Per il seme che io ricevo nella bocca durante una fellatio e/o nell'ano durante un rapporto, vale lo stesso discorso che avete formulato per la donna (ossia della non dispersione) … ?
Filippo»
 


«Caro fratello in Cristo Moreno, mi chiamo Luca e sono omosessuale …. la pornografia … essendo gay mi aiuta alla masturbazione e agli esercizi del pene ... Aiutami ti prego a vivere la mia sessualità per non perdere la vita eterna.
Il Tuo fratello nella fede Luca»
 

«Buongiorno, mi chiamo Gabriele … ultimamente mi attraggono i ragazzi giovani. Io ho 45 anni, sposato con una vita sessuale regolare, … ma ultimamente quando sono in doccia in palestra con altri ragazzi di 16/17-20 anni mi viene una voglia matta di avere un rapporto orale passivo con loro. … Il solo pensiero di prenderglielo in bocca fino a farli esplodere mi manda al manicomio.
Gabriele»  

«Salve,
Sono una giovane cresciuta in una famiglia molto Cattolica, e non avevo mai conosciuto l'amore prima di qualche mese fa, quando il mio cuore ha cominciato a battere per una ragazza. Ora, non solo temo la reazione dei miei genitori a questo nostro amore, ma mi domando ... è forse sbagliato un sentimento tanto profondo e nobile, che ha dato alla mia vita un senso?
Grazie mille Gelsomina»

Cari tutti voi Fratelli e Sorelle in Cristo che ci scrivete sul tema dell'omosessualità,
dovete sapere che le indicazioni di nostra Madre Chiesa stanno cambiando: il Sinodo riunito ha emesso delle nuove
raccomandazioni pastorali in un documento detto
"relatio post discepationem". Tali raccomandazioni parlano di nuove aperture su molti temi fra i quali le unioni omosessuali; leggiamo le parole dei vescovi: la questione omosessuale ci interpella in una seria riflessione su come elaborare cammini realistici di crescita affettiva e di maturità umana e evangelica integrando la dimensione sessuale.
Giustamente il Sinodo ha effettuato un nuovo e serio percorso di analisi della Parola del Signore. In base a quanto emerso vorrei una volta per tutte chiarire che il peccato che i falsi cristiani omofobi chiamano sodomia e omosessualità non esiste; sono ben altre le perversioni di cui si preoccupa nostro Signore. Cominciamo dall’antico testamento, ovvero la Legge; come sappiamo, San Paolo ha chiarito nella lettera agli Efesini che (2:15) Cristo è morto per annullare tutto il sistema delle leggi ebraiche; quelle denominate leggi rituali, che gli antichi ebrei dovevano rispettare per potersi considerare popolo di Dio; San Paolo fu illuminato dal Signore che gli consentì di affermare che non è più necessario, grazie al sangue versato da Gesù sulla Croce farsi sbucciare il pisello e farselo ciucciare, ancora sanguinante,
dal Rabbino, infatti (Rom 2:28-29) la circoncisione non è quella visibile nella carne; ... la circoncisione è quella del cuore, nello spirito, e non nella lettera.
Ma dove è il confine fra rituale e morale, fra lettera e cuore? San Paolo e San Pietro hanno chiarito nelle loro lettere che per i gentili non vi sono più vincoli riguardo
all'utilizzo di tessuti misti, ai cibi, al modo di cuocerli, quindi gli atei che sfottono dicendo che i gamberetti e i tatuaggi sono ancora proibiti sono ignoranti; ma sono solo queste le cose consentite rispetto al passato?
Cosa è offesa alla morale, e quindi peccato grave contro Nostro Signore, e cosa è contro la ritualità? Negli Atti degli Apostoli parlando dei gentili si dice (Atti 15:20) solo si ordini loro di astenersi dalle sozzure degli idoli, dalla impudicizia, dagli animali soffocati e dal sangue. (Atti 28,29) Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi, di non imporvi nessun altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenervi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalla impudicizia. 
Direi che, visto che oggi i cristiani non venerano idoli (ai tempi dei Romani non era così) e gli animali non vengono macellati per soffocamento, alla fine rimane solo un obbligo: astenersi dall'impudicizia.
Ma cosa diceva la Legge antica sull’omosessualità? Occorre capire se il divieto di omosessualità rientra o no nell'astensione dall'impudicizia e quindi se si conferma non ostante il sacrificio di Cristo.
La Legge degli Ebrei diceva
(Levitico 18:22) Non avrai relazioni carnali con un uomo, come si hanno con una donna: è cosa abominevole. (Levitico 20:13) Se uno ha relazioni carnali con un uomo come si hanno con una donna, ambedue hanno commesso cosa abominevole; saranno certamente messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro, quindi la Legge puniva i rapporti omosessuali con la morte perchè erano abominevoli non perchè impudichi. 
Cosa vuol dire abominio? Ogni dizionario ci insegna che non vuol dire peccato, ma vergogna; chi è colpevole non è quindi sottoposto a un marchio morale, ma ad un marchio sociale
Ci si vergogna di fronte agli uomini.
Ci si sente in colpa nei confronti di Dio!
Gli omosessuali quindi, erano messi a morte, perché la comunità considerava il loro comportamento contrario al rafforzamento dell'immagine virile del popolo di Israele.
Se lo avessero considerato peccato, sarebbe stato usato ben altro termine!
In fondo il maschio sposato senza prole, per esempio, godeva anche egli di scarsa stima sociale, ma non per questo veniva considerato un peccatore e lapidato! In realtà il fatto di avere rapporti omosessuali, disobbedisce al comandamento principale di crescere e moltiplicarsi tanto quanto vi disobbedisce il maschio sterile, ma allora perché la legge rituale colpiva gli omosessuali e non gli sterili?
Perché Nostro Signore non voleva che fra i pastori ebrei, che passavano la maggior parte della vita in transumanza lontano dalle femmine, si diffondessero in modo eccessivo abitudini sessuali che avrebbero potuto portare all’estinzione del popolo eletto (non per niente veniva lapidato anche chi praticava la zoofilia, altra grande piaga dei popoli di pastori); ricordiamo infine che, secondo le Scritture, gli ebrei erano sempre in guerra e perpetravano continui eccidi sterminando popolazioni intere, eccitati da Nostro Signore che pompava gli animi incitando stermini di ogni tipo; di solito venivano risparmiate solo le vergini:
(Num 31:17,18) uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che si è unita con un uomo; ma tutte le fanciulle che non si sono unite con uomini, conservatele in vita per voi; le vergini erano utilissime perchè occorreva che si facessero molti figli (di padre certo!) per recuperare rapidamente le perdite subite in battaglia (da qui anche l'introduzione della poligamia di cui abbiamo già parlato in Poligamia e gangbang: cosa ne pensa nostro Signore?).
Il sentimento profondo e l’innamoramento fra maschi non è quindi negativo per nostro Signore se non ostacola la crescita e il buon nome del Suo popolo prediletto, anzi un virile affetto erotico fra i guerrieri è gradito perché può esaltarne l'eroismo come ci racconta Omero nell'Iliade.
 Achille e Patroclo: aiutato dal rigor mortis, un ultimo pompino prima della sepoltura
Viene infatti esaltato anche nella Bibbia un legame infelice, perché osteggiato dalle famiglie, fra uno dei più grandi guerrieri di Dio e il suo più caro amico, Davide e Gionata: Io sono in angoscia a motivo di te, Gionata, fratello mio; tu mi eri molto caro, e l'amore tuo per me era più meraviglioso dell'amore delle donne (2 Sam. 1, 26); di tale vicenda ci ha già parlato ampiamente in Sesso gay nella Bibbia Profundo Martinez.
David e Jonatan: danzano abbracciati dopo aver sconfitto Golia
Notiamo invece che nell’Antico Testamento non si parla assolutamente di lesbismo. Esso era certo noto, infatti nei popoli limitrofi era largamente praticato e se ne scrisse molto, spesso accettandolo ed esaltandolo, spesso criticando aspramente tale pratica; il termine deriva infatti dal nome dell'isola di Lesbo dove viveva la più grande poetessa dell'antichità che aveva dedicato la maggior parte delle sue opere alle ragazze che amava. Fra gli Ebrei, era addirittura così ampiamente tollerato che Nostro Signore non ritenne opportuno parlarne nelle Scritture; questo, ragionando a posteriori, per una serie di buone ragioni: 
  • prima di tutto, in tale pratica erotica, non avviene versamento e quindi spreco di seme, cosa aborrita da Nostro Signore;
  • non essendo praticata la penetrazione (strapon, fisting ad altre pratiche intrusive sono nate in tempi moderni per vivacizzare le trame dei film porno e renderli più avvincenti per il pubblico del genere che è prettamente maschile), veniva garantita la verginità e quindi l'identità di una eventuale successiva paternità rimaneva certa;
  • Le donne durante la transumanza restavano sole, ma erano comunque sposate al loro pastorello che a fine stagione sarebbe tornato a fecondarle, eccitato come una bestia proprio per non aver potuto sfogare la sua libidine per un lungo periodo durante il quale avrebbe avuto a disposizione solo altri maschietti e vogliose pecorelle (che le pecorelle gradissero essere trombate dai pastori e li provocassero ancheggiando voluttuosamente nei prati è cosa nota e ovvia, infatti Nostro Signore sapendolo per certo aveva indicato agli Ebrei quale giusta pena la lapidazione sia del pastore che della pecora) ;
    Agnellino provocante seduce un ingenuo pastorello
  • gli intensi orgasmi che le donne si procuravano fra loro sgrillettando e ciucciandosi reciprocamente il clitoride, facilitavano la risalita del seme e la procreazione, cosa particolarmente utile, specie dopo un rapporto frettoloso con i loro maschi, certo eiaculatori precoci non essendo di razza latina;
  • il rapporto erotico fra due maschi è cosa sgradita a Nostro Signore in quanto ne indebolisce l'immagine e il ruolo di maschio padrone nei confronti della donna, cosa essenziale per il funzionamento di una società patriarcale; al contrario, il rapporto fra due donne, di per se già sottomesse al maschio, non metteva in discussione la dominazione maschile anzi la esaltava in quanto evidenziava la necessità per la donna di supplire in qualche modo alle lunghe assenze dei mariti;
  • la donna non perdeva il suo onore virile in una relazione sessuale con un’altra donna, anzi, da sempre vedere due lesbiche all'opera eccita i maschietti e la loro massiccia produzione di seme, quindi tale tipo di rapporto, non essendo di ostacolo alla procreazione, era ed è ancora certo grato a Nostro Signore.

Quindi il rapporto lesbico non disobbediva al comandamento principale di crescere e moltiplicarsi, mentre ingropparsi fra maschi e inchiappettare pecorelle era, per la legge sociale, giustamente proibito da Nostro Signore ai pastori del tempo, perché gli antichi Ebrei erano noti per la tendenza a preferire fustacchioni e morbide pecorelle alle loro racchie barbute, quindi era meglio stroncare sul nascere quelle tendenze.
Leggiamo infine le poche parole dell'Antico Testamento che glorificano un rapporto lesbico all'inizio della storia del popolo del Signore; nel libro di Rut troviamo la storia dell’amore tra Rut e Noemi, nuora e suocera; Noemi già vedova, Rut sempre sola col marito lontano a pascere greggi, probabilmente soddisfacevano reciprocamente i loro bisogni nel nome del Signore e lo facevano così bene che, alla morte dell’uomo che le univa (figlio di Noemi,  marito per Rut), rimasero legate indissolubilmente l’una all’altra tramite una passione fisica e un sentimento così profondi da superare le barriere di età, appartenenza etnica e tradizione religiosa: (Rt 1,16) Rut replicò: "Non insistere con me che ti abbandoni e torni indietro senza di te, perché dove andrai tu, andrò anch'io, e dove ti fermerai, mi fermerò; il tuo popolo sarà il mio popolo e il tuo Dio sarà il mio Dio". 
Rut e Noemi teneramente abbracciate durante il loro lavoro
Vediamo ora cosa ha detto Gesù sull'omosessualità: in realtà poco o nulla, per cui sicuramente Egli non ha considerato l’argomento degno di nota; come abbiamo letto nell’articolo di Egidio LGBT e Cristianesimo: Gesù era Gay?, potrebbe persino essere che l’omosessualità non fosse disdegnata dagli apostoli! Gesù comunque ha detto che (Matteo 19,12) vi sono infatti eunuchi che sono nati così dal ventre della madre; la possibilità di nascere maschi senza testicoli è così bassa, che certamente Nostro Signore non si riferiva a tale anomalia fisica, ma al fatto di nascere con una diversa tendenza sessuale; non sembra quindi che Nostro Signore fosse particolarmente contrariato dall’esistenza di eunuchi nati così dal ventre della madre.

Secondo i nuovi omofobi cristiani è però soprattutto il Nuovo Testamento da considerare per capire che l’omosessualità è peccato contro Nostro Signore;
leggendo insieme le sue lettere, sfatiamo questo falso mito: San Paolo non era omofobo.
San Paolo nella tanto citata Lettera ai Romani in realtà affronta un unico grave problema con cui si scontravano le ristrette comunità di cristiani da poco convertiti alla vera fede costretti a convivere con i pagani: l’idolatria. Il santo afferma che, dopo tanta predicazione, i pagani (1:20-23) non hanno alcun motivo di scusa perché, pur avendo conosciuto Dio, non lo hanno glorificato né ringraziato come Dio, ma si sono perduti nei loro vani ragionamenti e la loro mente ottusa si è ottenebrata. Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti e hanno scambiato la gloria del Dio incorruttibile con un'immagine e una figura di uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili.
Riassumendo, la colpa di cui si sono macchiati è adorare immagini umane e di animali ovvero idoli; è per questa colpa che Dio li ha puniti! Come li ha puniti? (1:26-27) li ha abbandonati a passioni infami; infatti, le loro femmine hanno cambiato i rapporti naturali in quelli contro natura. Similmente anche i maschi, lasciando il rapporto naturale con la femmina, si sono accesi di desiderio gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi maschi con maschi, ricevendo così in se stessi la retribuzione dovuta al loro traviamento. Ha cioè fatto si che vivessero in modo ignominioso le relazioni omosessuali; San Paolo non dice che tutte le relazioni omosessuali sono ignominiose, ma che quei pagani idolatri in quanto idolatri vivevano in modo ignominioso le loro relazioni omosessuali! Cosa vuol dire ignominioso? Studiate la lingua italiana: non vuol dire peccaminoso! Vuol dire infamante, disonorevole, vergognoso: è il tipico giudizio che potrebbe essere espresso per chi non rispetta una legge rituale, non per chi non rispetta una legge morale! E come sappiamo San Paolo, riferendosi alle leggi rituali, ha detto nella Lettera agli Efesini (2:15) Cristo è morto per annullare tutto il sistema delle leggi ebraiche! La retribuzione per il traviamento è proprio l’ignominia, non le fiamme dell’inferno in cui cadranno per ben altro motivo: l’idolatria!
Il Santo, sempre nella Lettera ai Romani, puntualizza che gli idolatri furono puniti non per l’omosessualità, ma (1:28-31) poiché non ritennero di dover conoscere Dio adeguatamente
, e di conseguenza Dio li ha abbandonati alla loro intelligenza depravata ed essi hanno commesso azioni indegne: quali sono le azioni indegne? Certo non l’omosessualità, ma l’essere colmi di ogni ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d'invidia, di omicidio, di lite, di frode, di malignità; diffamatori, maldicenti, nemici di Dio, arroganti, superbi, presuntuosi, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia; queste sono le colpe di cui l’idolatria li ha macchiati, non l’omosessualità, ma il modo di viverla!
Qualcuno potrebbe allora dire: si, vero, ma allora come mai San Paolo ha detto anche che la legge non è stata istituita per il giusto, ma per gli empi e i ribelli, per i malvagi e i peccatori, per gli scellerati e i profani, per coloro che uccidono padre e madre, per gli omicidi, per i fornicatori, i sodomiti, per i rapitori, per i falsi, per gli spergiuri, e per qualsiasi altra cosa contraria alla sana dottrina (1Ti 1:9-10)? e ancora: Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né depravati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né calunniatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio (1 Corinzi 6:9-10).
Ma è questo il punto chiediamoci, quale è il significato della parola sodomiti? il santo indicava quelle persone che agivano come gli abitanti di Sodoma; e cosa ci narra la Bibbia dei Sodomiti? (Genesi 19:4-8) Prima che si fossero coricati, gli uomini della città, i Sodomiti, circondarono la casa: giovani e vecchi, la popolazione intera venuta da ogni lato; e chiamarono Lot, e gli dissero: "Dove sono quegli uomini che son venuti da te stanotte? Menaceli fuori, affinché noi li conosciamo!" E
gli ci parla proprio degli abitanti di città pagane colpevoli di pederastia (inchiappettavano i ragazzini! Quale perversione è peggiore di circuire ed abusare di un minore?), ci dice che si comportavano proprio (Giu 1:7) come Sodoma e Gomorra e le città vicine, che come loro si erano abbandonate alla fornicazione e si erano date a perversioni sessuali contro natura, sono state poste davanti come esempio, subendo la pena di un fuoco eterno.
I Sodomiti erano colpevoli perchè popolo inospitale che: 

  • maltrattava i viaggiatori di passaggio,
  • ne abusava sessualmente,
  • praticava per di più, su questi forestieri, violenza di gruppo! 
Ciò che viene deprecato da San Paolo è quindi la violenza, l’abuso, la volontà di provare piacere fisico non associato a sentimenti positivi di amore, ma al contrario, al senso di potenza derivante dalla sottomissione e dal dolore del posseduto, il peggio del demoniaco! Niente a che fare con l’omosessualità, se vissuta nella Grazia con spirito cristiano!
Omofobi! Non arrampicatevi sugli specchi! Imparate dal Sinodo a leggere e capire la Parola del Signore senza mettere
in bocca a Dio e a San Paolo suo apostolo, falsità e ipocrisie dovute alla vostra repressione sessuale!

Adesso finalmente possiamo rispondere a tutti i giovani che ci hanno scritto.

Peter: tu sei un eterosessuale, ti innamori delle femmine, ma siccome sei un po’ sfigato queste non ci stanno. Hai allora pensato bene di farti culattone per necessità … NO! Tu non sei attratto dagli altri maschi, la tua è quindi lurida perversione, peccaminosa e perversa, esattamente quella di cui parla San Paolo: pentiti, fatti delle pippe, vai a puttane premunendoti sempre con il certificato sostitutivo di libello di ripudio di cui ha parlato Mafalda in Transessualità conforme alla Volontà di Dio, ma niente perversione!

Giovane bevitore di sperma: dove hai letto che bere seme senza conttato è peccato? Leggi qui cosa ne dice Moreno in Un cristiano può ingoiare il seme altrui? : se non c’è contatto fisico e non ti ecciti a guardare l’altro che si masturba non c’è peccato! Porta avanti la missione che ti ha assegnato Nostro Signore e salva le anime di tutti i segaioli che conosci ingoiandone il seme!

Filippo: la dispersione del seme è sempre invisa a Nostro Signore per cui è bene che venga sempre ingerito; come abbiamo spiegato nelle Risposte in Breve, l’assunzione del seme dal corpo per via intestinale, riporta il principio vitale nel sangue rimettendolo in circolo ed evitandone lo spreco: ingoia sempre tutto, bravo, continua così e prendi l'eucaristia senza problemi!

Luca: se sei innamorato di un ragazzo non avere paura apriti a lui! Ma non sprecate mai il seme! Se proprio vuoi guardare dei porno, fa che vengano da siti cristiani; non posso darti il link, ma se cerchi con google, se ne trova facilmente uno con video girati dagli studenti di una scuola per mormoni.

Gabriele: cerca di capire se sei diventato omosessuale, cerca di capire se potresti innamorarti di uno di quei ragazzi che guardi nello spogliatoio della palestra; se è così è un dono del Signore: rispetta la Sua volontà e apri, non solo la bocca, anche il cuore, ad uno di loro, rilassati e lascia che anche lui si apra a te, apritevi a vicenda ed il Signore vi benedirà, altrimenti, senza sentimento, sei un pervertito e finirai fra le fiamme dell’inferno!

Gelsomina: finalmente una brava ragazza che mi riempie il cuore di gioia! Apri il tuo cuore e il tuo corpo alla tua innamorata! Nostro Signore benedice il vostro amore come ha benedetto quello fra Rut e Noemi. Siate felici ed amatevi!

 
Auguri e figli maschi (ma anche femmine, lesbiche, gay, bisex e transgender)! 
Per tutti voi: ricordate che tutto deve essere a gloria del Signore quindi dedicate ogni orgasmo, ogni momento di piacere, ogni abbraccio con la persona che amate di qualunque sesso siate, a Nostro Signore!  
 "... e ricordate gente chiunque siate e qualunque lavoro facciate per tirare avanti e sopravvivere, 
c'è sempre qualcosa che vi rente tutti simili, voi, me, gli omofobi, tutti quanti:
tutti hanno bisogno di qualcuno, tutti hanno bisogno di qualcuno da amare ..."

Benedittanza 
quanta la tenerezza nelle sguardo di due giovani omosessuali cristiani innamorati
quante le mani di gay e di lesbiche che si sfiorano di nascosto sotto i banchi di scuola con gli occhi al crocefisso
quante le gocce di sperma di segaiolo salvate dalla dispersione nelle gole di giovani santi

Tancredi

18 commenti:

  1. La mia perversione omo è quella di leccare il buco del culo del mio partner Gianni ,dopo averlo spalmato di gorgonzola che impastato con la saliva, lavorato con la lingua e secrezioni fecali diventa una cremina molto profumata.
    Gianni eccitato si troddia addosso e mi fa un raspone !

    RispondiElimina
  2. Gira e rigira essere omosex vuol dire mettersela in culo con un cazzo davanti !

    RispondiElimina
  3. Finalmente un concilio come Dio comanda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, caro reverendo Don Fecondo.
      Benedittanza a fiumi scorra su tutti: ghei, trans e lesbiche comprese!

      Elimina
  4. Cocco Palmerio17 ottobre 2014 16:12

    La strada è tracciata è quella della comprensione e del discernimento di cosa vuole Dio per queste situazioni. Non ci potrà mai essere una norma generale, ma casi singoli esaminati dal vescovo, al quale demandare una soluzione.

    RispondiElimina
  5. ...rullo di tamburi... ecco a voi la proverbiale ipocrisia dei cattolici in tutta la sua magnificenza plurimillenaria..!!

    Qui si stanno cercando cavilli nelle scritture nell'imbarazzante tentativo di dare luce diversa all'intolleranza cieca e ignorante che ha sempre contraddistinto questo "credo".
    Fossimo stati sotto il regime fascista ora nessuno tra questi "illuminati" avrebbe mai e poi mai avuto il coraggio di esporsi i questi termini, anzi, avrebbero scritto in totale consenso con le ideologie omofobe inveendo e condannando l'omosessualità in tutte le sue forme..
    I tempi, grazie a Dio (quello vero.. non quello che si diverte coi geneoicidi e vende le mogli e le figlie come schiave delle "puah!" scritture) sono cambiati e i cattolici avvertono ora il rischio di mostrare solo la loro incompatibilità di idee (..quando mai i cattolici hanno avuto un'idea?? è scritto! è scritto! è scritto!.. il cervello non serve..è scritto!!!)
    Il medioevo è finito!! e questi qui solo nel 2014 accennano ad un minimo di tolleranza su un blog scrauso e "dubbio" (ancora non è chiaro se questo blog sia reale o sarcastico), ma rigorosamente arrampicandosi tra le righe di un libro scritto, chissà da chi, più di duemila anni fa, quando impalare gente, inchiappettare asini e vendere mogli e figlie come schiave era cosa normale..!

    La volontà del Signore.. Il Signore vuole.. Dio vuole...vuole quello che dite voi!!!
    nessuno l'ha mai visto, nessuno l'ha mai udito.. giusto qualche zoticone ignorante e puzzolente che dopo aver inchiappettato dieci pecore sentì parlare i cespugli.. ma chi cazzo se ne frega di cosa vuole un cespuglio!!

    Lo stesso Tancredi scrisse:

    "Egli aveva deciso di aspettare che si generasse il suo popolo prediletto, un branco di pastori dediti alla razzia, allo stupro etnico, alla zoofilia, all’omosessualità e allo spargimento di sangue sui campi di battaglia: gli Ebrei. (...) mettevano a rischio la continuità del popolo eletto, per cui l’Onnipotente decise di imporre, ma solo a questo scopo, delle regolette come, non spargere il seme, non inchiappetare pecore e non inchiappettare maschi: certo con una certa prepotenza verso quei poveri pastori che in transumanza per mesi non vedevano altro che culi di pecore e di maschi."

    fonte:
    http://rispostecristiane.blogspot.it/2014/09/il-soffocone-e-gradito-al-signore.html#comment-form

    benissimo...!!
    Pare però che le cose sono cambiate da un pezzo, se non ve ne siete accorti.. forse perchè troppo presi dal contare i soldi delle offerte o sedotti da qualche cherichetto di 8 anni..

    Se il popolo di Dio non è altro che "un branco di pastori dediti alla razzia, allo stupro etnico, alla zoofilia, all’omosessualità e allo spargimento di sangue sui campi di battaglia" ebbene NOI italiani, europei, gente di oggi, gente del futuro, gente civile civilizzata istruita e intelligente, NON LO SIAMO!! perciò di queste regolette apposite per gli incivili e i selvaggi...NOI non sappiamo cosa farcene... è roba ridicola!!!

    Visto che usate dei cespugli come uno smartphone recatevi al più presto in qualche rovo spinoso e dite al vostro Dio di occuparsi di più delle catastrofi e delle atrocità del mondo e di smetterla di mettere becco tra le questioni amorose private della gente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Trigger!
      Comincio veramente a pensare che tu sia inconsapevolmente un illuminato dal Signore: troppa è la luce che filtra tra le tue parole! Troppo sottili i caratteri scuri che si stagliano sul verbo luminoso che ci porti!
      E quale consonanza di intenti!
      Leggiamo insieme fratelli le parole, mi si conceda, dell’Illuminato Lector!
      Con quale coraggio ci riporti alle brutture del Fascismo razzista e omofobo; quanto ha dovuto subire la Chiesa dal vile concordato imposto da Mussolini! Cosa fare, si chiese allora il Sinodo, mantenere nella pace i credenti subendo soprusi, accettando di rimandare la lettura pubblica della vera interpretazione delle scritture su temi quali l’omosessualità e il divorzio per assecondare la deriva autoritaria del fascismo o ribellarsi correndo il rischio di una persecuzione da parte di camicie nere senza Dio? Accettare la misera elemosina che oggi ha il nome di 8x1000 o pretendere la giusta riscossione delle intere tasse della penisola?
      Ma tu chiaramente ci illumini e indichi la via del retto seguita dai sinodi negli anni continuando a subire da governi falsamente democratici, ma sempre fascisti, asserviti al fascismo americano e alla sua mano armata in Italia, la Mafia a cui la Chiesa ancora fino a ieri è stata costretta, ribadisco costretta, a rendere omaggio facendo inchinare nientepopodimenochè la Madonna ai loro balconi! Anche qui cosa avreste fatto voi avreste detto ai fedeli “disobbedite alla mafia” rischiando una strage o avreste accettato denaro sporco di sangue , certo a malincuore, per spenderlo però per fini importanti e sacri come il sostentamento del nostro amato clero?
      Ci fai quindi notare come i gusti cinematografici di Nostro Signore non siano affatto nei secoli mutati: certo, si è stufato a vedere sempre gli stessi attori e gli stessi panorami, per cui possiamo certo immaginarlo stravaccato sul divano col telecomando in mano, ma le stragi di Ebrei nel film del secolo scorso non sono più effettuate dai Romani, ma dai Tedeschi! Certo finalmente ha deciso di cambiare sceneggiatore per cui da un poi le vittime dei genocidi non sono più gli Ebrei: un film commissionato apposta dal padreterno di qualche anno fa è stato per esempio “hotel Ruanda” e per renderlo più commovente, pensa la grandezza di Nostro Signore, ha fatto accadere veramente i fatti narrati dal film! Incommensurabile la potenza di Nostro Signore. Adesso ha addirittura ordinato al suo sceneggiatore di predisporre fatti reali rivoltando completamente la trama usuale: colpi di scena a raffica ed effetti speciali da non dirsi: gli oppressi non sono più gli Ebrei, sono diventati gli oppressori! Solo Nostro Signore sa ideare trame così avvincenti! Il film deve ancora uscire, ma aspettatelo, guardate i trailer che è certo in arrivo.
      Ma il nostro Trigger continua a stupirci facendoci notare l’attualità della Bibbia sulla condizione della donna: ancora oggi infatti vendere le mogli e le figlie come schiave, lanciare loro l’acido sul volto se non accettano di sposare il pretendente a prescindere dei loro gusti e opinioni, stuprare bambine e simulare suicidi d’onore per impiccagione sono eventi all’ordine del giorno in grandi continenti: anche qui cambia solo lo scenario dei film perchè evidentemente Il buon Dio si annoiava, in affeti ha creato un pianet enorme perché girare solo a Hollywood, c’è anche Bollywood!
      Sottolinei quindi l’importanza delle Sacre Scritture. Come ben sai infatti, per qualche migliaio di anni Nostro Signore ha chiamato alcuni suoi servitori prediletti, chiamandoli spesso profeti, per dettare loro la sua volontà. Grossa fatica per il buon Dio, perché erano un orda di analfabeti, ma poi ci prese gusto ed, in effetti l’Antico Testamento è un bel mal loppone! A un occhi distratto potrebbe sembrare che ci siano incongruenze e inesattezze, ma si tratta di atei malfidati e senza Dio, cosa vogliono capire, non dovrebbero neanche avere il diritto di leggerla la Bibbia!

      Elimina
    2. (seconda parte)
      Rendendosi conto che era un po’ un casino decise però di mandare giù suo figlio a cancellare la colpa del peccato originale. Come dice la parola stessa non era un peccato banale, in effetti molto particolare: avere disobbedito e, secondo alcuni, mangiato una mela, secondo altri la mela rappresenta il sesso, secondo altri ancora avere preteso di capire e conoscere (l’ambiguità sta appunto nella parola “conoscenza” che quegli ignoranti usavano sia per il sapere che per il trombare, così hanno probabilmente frainteso il buon Dio) sta di fatto che, siccome ognuno diceva la sua, il Figliolo che, dal secolo scorso lo si sa per certo perché lo ha detto un Papa, è nato senza parto cesareo pur mantenendo intatta la verginità della sua Mamma santissima, è sceo fra noi, ha raccontato un sacco di storie, ma non ha concluso niente se non farsi inchiodare al fine di espiare le nostre colpe (che in effetti non è poco). Il Vecchio, pardon, Nostro Signore però aveva bisogno che si facessi chiarezza nelle Sacre Scritture, per cui, insoddisfatto del lavoro del suo figliuolo e dei suoi dodici apostoli, ha deciso di illuminarne un altro: San Paolo che, scrivendo lettere a destra e a manca come un esaltato grafomane, ha finalmente fatto capire a tutti noi cosa andava salvato e cosa si poteva evitare di continuare a rispettare della Bibbia. Il lavoro era eccelso! Nostri Signore era così soddisfatto che ha chiamato l’apostolo che Il suo figliuolo amava più di ogni altro, quello un po’ femmineo ritratto sempre abbracciato a Gesù e gli ha dettato l’Apocalisse in cui San Giovanni, questo il suo nome, dice appunto, in mezzo a tante profezie, che non si può aggiungere più nulla alla Bibbia: Dio aveva capito che oramai era perfetta e se non avesse imposto questo vincolo, sarebbero arrivati migliaia di esaltati a voler aggiungere un capitolo!
      È essenzialmente questo il motivo per cui serviamo noi Illuminati: tutte le cose nuove che il buon Dio vuole dire oggi le può aggiungere solo per nostra interpretazione di quanto già scritto, per non contraddire suo genero.
      Divertente quindi il dubbio che ti diverti a sollevare sul nostro blog: in effetti molti hanno in passato pensato che non fossimo veri cristiani, ma basta vedere la nostra conoscenza delle scritture per ricredersi.
      Infine chiudi con una meravigliosa esaltazione della fede! Nostro Signore per bocca si San Paolo infatti ha detto che ciò che conta è la grazia che Lui getta a manciate su di noi come un pissing a spruzzo dalle nuvole, solo chi ne è bagnato avrà la fede mentre chi cercherà di capire sarà escluso dal regno dei cieli.
      Concludi ricordando che è quindi essenziale liberare il clero dalla schiavitù del 8x1000, portare quindi molti soldi alle chiese cristiane, anche non cattoliche, basta che siano tanti, in modo che siano veramente libere di dire la propria e non siano dipendenti dal potere temporale. Che motivo c’ di farsi truffare e portare i soldi a gente come Wanna Marchi in cambio di un sale falsamente miracoloso quando si può godere del miracolo del sangue di San Gennaro e della Madonne chi piangono invece chiaramente autentici al di là di ogni dubbio!
      Ricordi dunque di affidare i bambini senza remore al nostro clero che saprà accudirli in tutto aprendo tutte le possibili vie per fare penetrare in loro lo spirito santo! Qualcuno avrebbe forse paura di affidare un figlio a un prete? Stolto blasfemo!
      Infine suggerisci lo smatphone come strumento per avvicinarci al Signore: suggerimento che Risposte Cristiane prenderà seriamente in considerazione: stiamo infatti già pensando di sviluppare un APP per preghiera automatica sul modello dei messaggi automatici della madonna che puoi trovare in uno dei nostri post.
      Benedittanza Fratello e iscriviti al nostro forum cliccando i tre omini in cima alla pagina per discutere do questi e altri temi.
      Benedittanza!

      Elimina
    3. ossignoreiddio ... quanta pena nel mio cuore!

      Elimina
    4. Moreno e Tancredi..Grazie ora mi sento piu' libero e voglioso perchè so che amare i maschi veri e fungere da loro ''scarico'' (se fatto con amore) mi salvera' dalla dannazione..Io li amo tutti(specialmente quelli non palestrati e curati come femmine) anche se sono maschio e virile(e bello) non mi piacciono gli altri gays ma solo i MASCHI adorati..Grazie di credere in noi!Vi benedico tutti...Vostro fratello ..anche se diverso!

      Elimina
    5. Fratello anonimo in Cristo, ricorda però di osannare sempre il nome del Signore quando ricevi un Suo dono! magari subito dopo va bene lo stesso perchè come sai è maleducazione parlare con la bocca piena. Benedittanza!

      Elimina
  6. quindi l'8X1000 sarebbe una sorta di abbonamento al cinema.. pagandolo si avrebbe diritto a spettacoli da baraccone come Il Sague di San Gennaro, La Madonna Piangente, Il Segreto Nascosto di Fatima, Le Madonne Appaiono Solo Sue Volte, Full Metal Jesus, Gesù Giuseppe e la Malafemmina, Natale con i Buoi, ecc..cos'altro avete in cartellone??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per i miscredenti dovrebbe essere il lavorazione "apocalipse now reloaded". voci di corridoio: meglio pentirsi!

      Elimina
    2. Io sto male per tutti quelli come te. La prego mi dica che lei stia scherzando. Dio Dio Dio.... Cosa ti fa credere che esso esista?

      Elimina
  7. Porco Dio nell'alto dei cieli aiutami...

    RispondiElimina
  8. Cari fratelli, aprite gli occhi: L'omosessualità è condannata da Dio Onnipotente e l'atto di ingoiare il seme è uno spreco dello stesso. Quando Gesù ci dice che il seme non va "buttato per terra" non è letteralmente cosi! Significa che il seme non va sprecato e che va utilizzato solo come via per procreare! E questo non lo dico io ma milioni di Sacerdoti in tutto il mondo con anni e anni di esperienza e miracoli a dosso! Vi prego, non peccare in questo modo traendo conclusioni tutte vostre da argomenti trattati già da nostro Signore. Le conclusioni di tali argomenti, oltretutto, ce le offre il Signore. Dunque non peccato in questo modo e tornate da Dio! Non ragionando secondo quello che il vostro istinto o il vostro desiderio vi dice ma secondo quello che DIO dice. Pregherò per voi. Sia in eterno lodato Cristo. Amen.

    RispondiElimina
  9. Fratello Tancredi sa quello che dice e noi ci fidiamo di quello che Lui e Moreno ci dicono di fare!Gli altri sacerdoti vogliono metterci in catene,ma grazie alle persone illuminate ora anche il seme del maschio puo' essere condiviso fra maschi vogliosi senza peccato.Il seme è quanto di piu' buono un fratello possa offrire a una sorella o fratello.Non fossilizatevi coi vostri pensieri omofobi e oscurantisti!Reazionari che non siete altro..lasciateci ancora una volta sperare perche' questa vita sia eterna perche' sia una vita d'amoreeeeee..
    NON DIMENTICATELO!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello Anonimo in Cristo, che la benedittanza di Nostro Signore possa colatr abbondantemente sulla tua capoccia come un enorme bukkake di santità!

      Elimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.