Cerca le Santissime Risposte

martedì 9 dicembre 2014

Voglia di rimorchiare? Ecco il posto giusto per cuccare secondo le Scritture!

«
Cari Cristiani Illuminati,
vivo da giorni con certe apparizioni che non trovano risposte nella Scrittura, e mi seguono ovunque mi muova...

Nei sogni, nel buio, in qualsiasi posto in cui mi trovo da solo, una figura dai lineamenti molto simili a quelli che nelle incisioni più antiche sembrerebbero raffigurare il Liberatore Mosè, mi appare di fronte netta e chiara e non so come interpretarla, se come un demonio (?) o come un segno dell'Eterno, anche se non colgo il messaggio che mi vorrebbe mandare. 
La mia domanda è: devo rivolgermi a qualche esorcista o accettare la volontà dell'Altissimo nella sua Santa Incomprensione?
Grazie dell'aiuto che voi esperti potrete darmi.

»
 
Caro Fratello in Cristo,
Mosè è la figura sicuramente più rappresentativa dell’Antico Testamento, spesso indicata come modello premonitore delle virtù che avrebbero consentito di riconoscere il Salvatore.
Non poche infatti sono le cose che accomunano Mosè Liberatore al Cristo Redentore: sicuramente salta all’occhio che l’uno libera gli Ebrei dalla schiavitù degli Egizi, l’altro libera tutti noi dalla schiavitù del peccato, ma troppi sono i punti in comune per citarli tutti.
Evidentemente le tue visioni rappresentano un messaggio di Nostro Signore che ti suggerisce di comportarti come Mosè in una di quelle situazioni che lo accomunano al Suo Figliolo.
Occorre quindi capire qual'è la situazione in cui emulare Mosè e il buon Gesù.
Mosè era un israelita, ma dovette fuggire a vivere fra forestieri e tra questi scegliere la sua donna: leggiamo infatti (Esodo 2,15-21) … Mosè fuggì … nel territorio di Madian … si levò a difendere le ragazze e fece bere il loro bestiame. Tornarono dal loro padre e raccontarono tutto: «Un uomo … ci ha liberato … ha attinto per noi e ha fatto bere il gregge». Così Mosè fu invitato ed accettò di abitare con quell’uomo, che gli diede in moglie la propria figlia Zippora. 

Charlton Heston (Mosè) difende le ragazze al pozzo: 
se c'è una rissa mostrare i muscoli fa sempre un bell'effetto sulle femmine!
È prima di tutto su quest’atto di Mosè del donare da bere a donne bisognose e proteggerle presso la propria fonte, che Nostro Signore vuole richiamare la tua attenzione. Pare prassi comune che il maschio ebreo allora, e quindi oggi il cristiano, debba dissetare le femmine tramite un pozzo di cui prende il controllo grazie alla sua forza virile: come Mosè troviamo infatti anche Giacobbe con Rachele (Gen 29, 10-12): Quando Giacobbe vide Rachele, figlia di Làbano, … con il bestiame di Làbano, … Giacobbe, fattosi avanti, rotolò la pietra dalla bocca del pozzo e fece bere le pecore di Làbano ... Poi Giacobbe baciò Rachele …. Allora essa corse a riferirlo al padre.
Giacobbe ci prova alla grande con Rachele (Josef von Führich, 1836):  
secondo le Scritture la ragazza si ritroverà in bocca, in men che non si dica,
un buon mezzo palmo di lingua
L'antico testamento anticipa anche la parità dei sessi che San Paolo dichiara esplicitamente secoli dopo; troviamo infatti che Rebecca offre dalla sua fonte a Ezier (Gen 24, 16-28): la fanciulla era molto bella d'aspetto, vergine; nessun uomo l'aveva conosciuta. Lei scese alla sorgente, riempí la brocca e risalí. Il servo le corse incontro e le disse: «Ti prego, fammi bere un po' d'acqua della tua brocca». Lei rispose: «Bevi, mio signore …» … Quell'uomo la contemplava in silenzio, per sapere se il Signore avesse o no dato successo al suo viaggio. … E la fanciulla corse a raccontare queste cose a casa di sua madre.
Rebecca viene sempre raffigurata a seno scoperto (vedi anche l'immagine di copertina, quadro del Hayez del '700) per farci capire che le ragazze andavano al pozzo per sedurre i maschi!
Rebecca, con la scusa di dissetare il giovane Ezier, lascia cadere la spallina e mostra il suo bel seno sodo e virginale (Johann Karl '700)
Insomma, il pozzo e l’acqua sono sicuramente qualcosa di significativo nella simbologia ebraica.
Vediamo cosa rappresentano nell’Antico testamento e quindi cosa vuol dire per un uomo dare da bere dalla propria fonte a una donna, o viceversa (Proverbi 5,18): Sia benedetta la tua sorgente; trova gioia nella donna della tua giovinezza: cerva amabile, gazzella graziosa, essa s'intrattenga con te; le sue tenerezze ti inebrino sempre; sii tu sempre invaghito del suo amore!
Quindi queste ragazze si fanno riempire di “acqua di vita” dal “pozzo”, dalla “sorgente” dei loro belli; se i maschi sono invece assetati, sono le ragazze a farli inginocchiare alla propria "brocca".
In entrambi i casi, l'assetato si lascia circuire ed inebriare dalla bellezza o dalla forza di chi offre, colui che offre è sempre colpito dall'abilità nel lasciarsi dissetare: si tratta certo di sesso orale, anche perché altrimenti non avrebbe senso leggere che le ragazze subito dopo corrano a raccontare tutto ai genitori, non vai mica a raccontare che hai offerto un bicchier d'acqua!
È evidente che, come il pavone fa la ruota, questi uomini ebrei quando vedevano una bella ragazza, mettevano in mostra il loro“pozzo”; se arrivava un forestiero forte e muscoloso, le ragazze lasciavano cadere le spalline del vestito per mostrare la loro "brocca".
Se la ragazza era interessata se ne riempiva la bocca con voracità, magari prendendo fra le labbra anche il rubinetto, se il ragazzo era assetato si inginocchiava e suggeva dal becco della brocca virginale; in ogni caso, però, la ragazza poi correva a raccontare tutto ai genitori che costringevano i ragazzotti al matrimonio riparatore!
Ricordiamo adesso, come già accennato, che le azioni di Mosè sono premonizioni delle azioni di Cristo e quindi vediamo come si comportò Gesù in situazione analoga. Anche Gesù in effetti incontra una donna al pozzo, la samaritana; caratteristica di questa donna è che non si tratta di una vergine ancora da sposare come Siporrà, Rachele o Rebecca: questa è femmina di esperienza; Gesù infatti, che tutto sa, le dice (Gv 4,13-26) "hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito" e non aggiunge altro; grande lezione di virilità da parte di Nostro Signore che non aggiunge altro, proprio per insegnarti che il vero uomo non deve chiedere mai! Cosa accadde? Non solo, giustamente, Nostro Signore si trova una femmina esperta, ma fa in modo che sia lei a fare il primo passo: Signore, … dammi di quest’acqua, perché non abbia più sete! 
Il vero uomo non deve chiedere mai! 
Gesù al pozzo con atteggiamento disinvolto fa colpo sulla samaritana che pende dalle Sue labbra
Sempre saggi i consigli del Nostro buon Dio! Ma dove è oggi il pozzo? l'insegnamento di Nostro Signore è chiaro: tutto deve accadere al pozzo! Oggi però è diverso: il pozzo non è più luogo di incontro come una volta; in tutte le epoche storiche però è esistito un posto dove andarsi a dissetare e fare amicizia. Per molti anni gli uomini sono andati a bere in bettole e locande dove non era difficile incontrare giovani donne che avevano dell'altruismo fatto una missione, felici di bere insieme a loro senza impegnarsi troppo: il massimo della vita! Ma le ragazze da marito restavano relegate in casa: se volevi accasarti dovevi allora andarle a trovare e magari oltre a fiori e cioccolatini avresti potuto portare una buona bottiglia, vedi che si torna sempre al dissetare? Questa è la via giusta ti diceva il Buon Dio. 
Oggi però, fortunatamente, Nostro Signore ci ha donato l'happy hour per cui, almeno all'inizio, puoi evitare di frequentarle sul divano del salotto buono mangiando i biscotti della nonna! Puoi trovare invece dei bei locali dove muoverti disinvoltamente in mezzo agli altri sorseggiando un Negroni, una Caipirinha o un triste analcolico (inviso al Signore perchè non eleva lo Spirito nel sangue: senza la Grazia donata dallo Spirito difficilmente farai colpo su ragazze devote); potrai chiacchierare, farti apprezzare ed offrire da bere a splendide ragazze che probabilmente, come nei tempi antichi, se riconosceranno in te il loro principe azzurro, andranno comunque di corsa a casa a raccontarlo a papà!  
Happy hour, oggi e ieri il posto migliore per fare "conoscenza": tante ragazze e lo "Spirito" adatto
Vorresti rimandare quel momento? Ma Nostro Signore ti ha già dato la soluzione, non te ne sei accorto? 

Ti dice: “fai come Mosè!”; quale è la differenza con gli altri dissetatori e dissetati della Bibbia? Il messaggio è non solo trova ragazze per bere insieme, ma anche trovale straniere.
Le tue visioni di Mosè, se interpretate secondo un’attenta esegesi delle Scritture, ti indicano la retta via su come cherchez la femme, cercare le femmine: 
  • straniere, 
  • non ragazzine, ma donne di esperienza, 
  • meglio possibilmente polacche (sono le uniche cattoliche!).
 
Giovani badanti polacche vanno all'happy hour dopo il rosario illuminate dalla Grazia di Nostro Signore
Vuoi essere sicuro di rispettare il modello di Mosè? Sicuramente esiste nella tua città un locale che per volontà di Nostro Signore è stato chiamato il Pozzo: comincia a frequentarlo, fai amicizia, parla della tua fede, parla della missione assegnatati da Mosè in persona, portati una foto di Papa Wojtyla con l'autografo (se non ce l'hai, falsificalo, il Beato non se ne avrà a male, per le polacche è essenziale) e sicuramente farai colpo! 
 
Sicuramente vicino a casa tua c'è il "Pozzo" giusto
In questo modo saranno loro a chiedere di sorbire dalla tua "fonte" la tua “acqua di vita” togliendoti dall’imbarazzo di mostrare in pubblico il rubinetto del tuo “pozzo” per attirarne l’attenzione; tutto questo, con il grande vantaggio che le straniere, rispetto alle donne indigene, lasciano gli anziani genitori nelle loro lontane terre, per cui non correrai il rischio che vadano subito da papà a spifferare tutto.

Attento però, che Nostro Signore dice anche (Proverbi 5,20) Perché, figlio mio, invaghirti d'una straniera e stringerti al petto di un'estranea? Al momento opportuno ricorda la Parola, se non vuoi far piangere Gesù; sostanzialmente: mogli e buoi dei paesi tuoi!
"Mogli e buoi dei paesi tuoi!" (parola del Signore)
Benedittanza 
quanta i secchi d'acqua tirati su dal pozzo prima di poter svuotare la propria sorgente
quanta le vergini che attendono un principe azzurro che le disseti per presentarlo a papà
quanta le donne esperte che chiedono solo acqua, ma con molte bollicine

Tancredi

1 commento:

  1. fiaggu di cazzu e fiaggu di cazzone . Bevete sborra !

    RispondiElimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.