Cerca le Santissime Risposte

lunedì 3 settembre 2012

Punire per educare nel nome del Signore



«
Gentili Fratelli in Cristo,
sono Pierluigi, ho 41 anni e sono padre del piccolo Adolfo (essendo nato il 30 Giugno) di 6 anni, che è sempre stato piuttosto bravo, ma adesso mi sembra che stia prendendo una brutta piega, e non vorrei che di questo passo finisse come un drogato. Domenica mattina, dopo la S.S.Messa, siamo tutti usciti sul sagrato a chiacchierare e a metterci d'accordo sull'attività settimanale, e mentre io parlavo con gli amici del Percorso Ecumenico, Adolfo (mio figlio) ha preso la bicicletta ed è entrato in Chiesa in bici correndo come un matto con la bici su e giù lungo le navate della Chiesa. Inoltre, in questa corsa su e giù, ci siamo accorti dall'odore che ha impestato tutto, che Adolfo ha sporcato tutta la Chiesa con le gomme della bicicletta con cui prima probabilmente aveva schiacciato delle feci canine oppure di un barbone (c'è pieno di barboni), sicché tutta la Chiesa odorava di quella cosa che non voglio nemmeno dire. Io all'inizio non sono riuscito a fermarlo, ma per fortuna Padre Cosimo lo ha colpito con un bello schiaffone in faccia, tanto che Adolfo è caduto dalla bici. Ma io dico, come si può fare una cosa del genere nella Casa del Signore?!?!?! Andare in bici nella Casa dell'Altissimo!!!! Dopo, arrivati a casa, gli ho picchiato le mani perché è con quelle che ha preso la bicicletta e anche i piedi perché è con quelli che pedalava, ma sarà stato sufficiente? Non l'ho picchiato anche sul sedere perché la cacca non l'aveva fatta lui, ma forse avrei dovuto?
Attendo con ansia i vostri consigli su come punirlo ed educarlo, perché non voglio che diventi come tutti quei giovani schifosi che si vestono con impudicizia, siedono per terra, parlano a voce alta, bevono e magari poi urinano nel vicolo. Piuttosto che avere un figlio così, non so cosa faccio.
Scusate ma sono agitato e ho fretta di risolvere la situazione.

»

Caro Pierluigi,
capisco perfettamente la tua agitazione: l'educazione dei figli è un compito molto importante e impegnativo che deve essere svolto con la massima attenzione, per garantire che essi crescano secondo la Via del Signore.
Un insuccesso in questo campo non può essere tollerato, dal momento che le conseguenze sarebbero irreparabili. Lo vediamo chiaramente leggendo il Deuteronomio, che indica come unico rimedio per chi si ritrova un figlio ribelle, debosciato e ubriacone, oppure una figlia ancora nubile che abbia perduto la propria verginità, di far lapidare i disgraziati dai propri concittadini.
Oggi la lapidazione non è più in uso, almeno nei Paesi civilizzati, come strumento di correzione (o per meglio dire come deterrente, dal momento che chi viene sottoposto alla lapidazione rimane ucciso), ma la prescrizione della Scrittura ci fa capire che un figlio rovinato è, appunto, irrecuperabile.

Come scongiurare, dunque, di trovarsi in una simile drammatica situazione? Bisogna agire subito, tempestivamente, prima che sia troppo tardi; e questo è ciò che tu stai saggiamente facendo, caro fratello in Cristo.

Leggiamo infatti nelle Scritture: Chi vuol bene a suo figlio spesso dovrà essere severo con lui, ma alla fine potrà essere contento. (Siracide,30,1). Concetto confermato anche qui: La follia è radicata nel cuore dei bambini, ma una severa educazione può strapparla. (Proverbi,22,15). Dunque, che l'educazione sia severa, senza lassismi inopportuni, fin dalla più tenera età: Tienilo alle strette fin da piccolo, se no diventa testardo e non ti ubbidirà più. (Siracide,30,12). E ancora: Chi non usa il bastone non ama suo figlio, ma chi l’ama si affretta a rimproverarlo. (Proverbi,13,24). Perciò: bastone e rimproveri, non bastone e carota! E senza paura di eccedere: Non temere di educare un ragazzo con severità; anche se lo batti con il bastone, non morirà. (Proverbi,23,13). D'altro canto, nel somministrare le punizioni non bisogna mai farsi trasportare dalla rabbia, ma ci si deve attenere ad una razionale applicazione della pena nella misura dovuta: Correggi tuo figlio finché c’è speranza, ma non arrabbiarti fino ad ammazzarlo. (Proverbi,19,18).

Ecco perciò che il castigo corporale non deve essere solo la punizione di uno sbaglio, ma una necessità in sé, per una buona educazione. È così che si previene la ribellione e i più gravi guasti che si possono produrre quando i figli raggiungono l'età della pubertà.

Devo anche metterti in guardia, caro Pierluigi, dall'errore in cui potrebbero indurti esegeti meno esperti e acuti. Infatti, nonostante nel Nuovo Testamento Gesù alle volte prenda a modello i bambini (“Il regno dei cieli assomiglia a loro”, “Se non cambiate e non diventate come bambini, non entrerete nel regno dei cieli”, etc.) e insista sull'amore e il rispetto dovuto ai bambini, chiaramente non intende affatto mettere in discussione i modelli educativi ben consolidati che erano in vigore ai suoi tempi.
Per esserne certi, leggiamo uno dei massimi Dottori della Chiesa, Sant’Agostino. Nel primo capitolo delle sue Confessioni, ricorda le pene corporali che ha subito a scuola e le derisioni dei suoi genitori quando se ne lamentava. Ma egli considera che queste punizioni gli sono state in definitiva benefiche, poiché la scuola gli ha permesso di incontrare Dio! Il Santo si oppone, sempre nello stesso capitolo, all'idea che traspare nei Vangeli: che i bambini possano essere innocenti. Gesù, dice Sant’Agostino, da parte sua, non ha certamente voluto parlare della loro innocenza ma solo della loro umiltà. Ed è proprio a questo punto, infatti, che Sant’Agostino inventa l'idea del peccato originale (“così piccolo e già così grande peccatore!” – dice parlando dei lattanti).

Quindi, caro fratello, hai fatto benissimo a punire a suon di ceffoni il piccolo discolo. Stento ad immaginare l'indignazione e la collera di Padre Cosimo per l'indicibile oltraggio subito dalla Casa del Signore a causa dell'opera perpetrata dal piccolo demonio.
In effetti, ci sarebbe da sospettare che sia stato proprio Satana, ad indurre Adolfo a correre con la bicicletta imbrattata di feci canine lungo le navate della Chiesa. Se così fosse, la bastonatura sarebbe ancora più opportuna, perché potrebbe aiutare a scacciare il Maligno.

In conclusione, caro e devoto fratello, mi rallegro e segnalo la tua condotta esemplare di ottimo genitore, che sia di esempio a tutti in questi tempi in cui sempre più giovani vengono abbandonati allo sbando, e finiscono per allontanarsi dalla Via del Signore e vivere nel peccato.

Che Gesù ti illumini sempre, tuo
Moreno

72 commenti:

  1. ci credo...lo chiami adolfo...se lo avessi chiamato adolfo benito mao le cose sì che avrebbero funzionato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma dai, sul serio... State scherzando? Sta roba è da igiene mentale...e cito: "Adolfo ha sporcato tutta la Chiesa con le gomme della bicicletta con cui prima probabilmente aveva schiacciato delle feci canine oppure di un barbone"... e allora???? Frustate il piccolo peccatore adoratore di Satana? Ma siete fuori di testa? Mi sa che a voi da piccoli vi hanno picchiato troppo sulla zucca!
      E poi per citare uno meglio di voi... "Lasciate che i bambini vengano a me" Non vi ricorda niente IPOCRITI! Professate l'amore ma praticate la violenza. Fatevi un esame di coscienza maniaci di Dio
      Killercarb

      Elimina
    2. porco dio se hai fatto bene, io gli avrei anche fatto mangiare le ruote della bici.
      non si può fare gli stronzi nella Casa del Signore ecchecazzo

      Elimina
    3. Ah, quindi oggi la lapidazione non si usa (quasi)più? Io on lo sapevo. Acciderbolina che peccato!

      Elimina
    4. Se ti senti tanto dispiaciuto per non poter assistere, di tanto in tanto, ad una bella lapidazione, ti suggerisco di fare un viaggetto in una teocrazia islamica come l'Arabia Saudita o l'Iran. In Arabia Saudita le esecuzioni in piazza a mezzo lapidazione sono abbastanza frequenti, e nel caso più sfortunato almeno una decapitazione con la scimitarra o uno schiacciamento col rullo si vedono quasi ogni venerdì.
      In Iran invece le lapidazioni sono più artigianali e sono organizzate spontaneamente dalla brava gente del posto, per cui sono molto più frequenti ma bisogna avere la fortuna di trovarsi a tiro per vedere e magari partecipare (penso che nessuno abbia nulla da obiettare se un turista vuole provare a tirare qualche pietra).
      Buon divertimento!

      Elimina
    5. Sì, confermo, sono gentilissimi e l'ultima volta che sono stato in Pakistan in vacanza mi hanno invitato alla cerimonia di lapidazione e mi hanno fatto lanciare un paio di pietre ad una bambina disabile, ma purtroppo ho mancato la mira...
      sembra facile e divertente, ma loro si allenano continuamente!
      Per questo noi occidentali utilizziamo tecniche più facili come la sedia elettrica, dove non serve avere buona mira!

      Elimina
  2. La ringrazio tantissimo sig. Moreno:
    avevo la coscienza appesantita da quello che mi sembrava un peccato gravissimo: tempo fa usai la mia vecchia mazza da baseball per correggere una cattiva azione di mio figlio allora novenne; oggi scopro che tutto ciò già rientrava nei precetti divini. Fortunatamente ho esitato in questi anni a confessarmi con il mio parroco perché avrei fatto la figura dell'ignorante.
    Che Cristo sia con Lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una presa per il culo vero? Ipocrita, vai a messa ad ascoltare i vangeli (che predicano AMORE, PERDONO e CARITA')e poi ti senti giustificato a picchiare tuo figlio perchè c'è scritto in un libro che risale all'età del bronzo? Ma stiamo scherzando? Sei da denuncia

      Elimina
    2. @ deckard90:
      fai bene a riprendere questa sottospecie di persona di Aquino. Però ho dei dubbi sul tuo suggerimento di fargli ascoltare i vangeli perché ad esempio ho letto questo:

      Matteo 18,6
      "Ma chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me, meglio per lui sarebbe che gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse gettato in fondo al mare."

      Anche nei vangeli quindi si predica la violenza ed addirittura la pena di morte per aver semplicemente scandalizzato dei bambini.
      Dobbiamo fare molta attenzione al fondamentalismo religioso basato su TUTTE le scritture antiche o più recenti che siano perché possono portare a forti distorsioni della realtà e della morale.

      Elimina
    3. Per i signori deckard90 e Giordano
      non risponderò alla vostra violenza verbale visto che già vi fate male da soli parlando in modo blasfemo delle Sacre Scritture.
      Voglio solo dire che quando arriverà il giorno del giudizio poi vedremo chi riderà per ultimo.

      Elimina
    4. sia ad Aquino che a padre Moreno, vorrei far presente che, nonostante la giusta spiegazione dei precetti biblici, sul fattore educativo dei fanciulli animosi di carattere, la stessa chiesa si è adeguata ad altri costumi. e spiace vedere un sacerdote che, di questi costumi non ne ha conoscenza, ritengo che padre Cosimo abbia sbagliato, nel mollare il ceffone al bimbo, non tanto per la pedalata fatta in chiesa. di cui il fanciullo magari non ne conosceva il divieto, ma per il fattore conseguente dell'odore lasciato, forse per una ruota sporca di feci canine.

      Come ormai è storicamente accertato, non era divieto ancora tempo fa, entrare in chiesa con i cavalli da parte della nobiltà, o portare a benedire animali e frutti della terra, nelle feste o sagre religiose, da parte dei villici, a cui non di certo abbondavano di vestiti della festa e di scarpe.

      Portavano mutande o raccoglitori di sterco, quegli animali che varcavano la casa di Dio??...e quegli stessi personaggi, a cui l'igiene non di certo era un pregio, non erano a loro volta odorosi di escrementi, a cui il conviver con le loro bestie unificava il profumo, e colorava i piedi del concime animale???.

      NON è che troppo lusso attualmente, arricchendo la struttura della chiesa, snatura la spiritualità della casa di Dio?. Non mi pare che, il nostro redentore Gesù Cristo portasse scarpe protettive, per evitare che si sporcassero i pavimenti del tempio, anzi se non sbaglio era obbligo essere scalzi nella casa di Dio,con tutte le odorose estremità che per vari motivi, ogni fedele che entrava portava.
      Penso che fosse stato meglio che, padre Cosimo conoscesse queste cose, affinchè usandone la logica, consigliasse al padre del bambino vivace, prima di non punirlo, e di avvisarlo per il futuro di controllare che le ruote della bici siano pulite, giachè ci sono altri profumi oltremodo fastidiosi che, vengono portati dai fedeli, profumi anche peccaminosi, tipo i Dolce e Gabbana, o i Versace. ma non per questo si possono bastonare o lapidare gli utilizzatori, che molte volte non sanno di peccare nella loro vanità.

      e poi se andiamo a voler guardare il pelo nell'Uovo, quante volte gli stessi genitori sono di esempio errato ai loro figli, interessandosi prima ai loro desiderata, anche per organizzarsi nella ricerca della fede, trascurandoli nei loro desideri di gioco con i genitori.

      Gesù stesso disse che, I FANCIULLI VENGANO A ME, ma a quei tempi la bicicletta non esisteva, altrimenti son sicuro che non li respingeva, anzi lui stesso li avrebbe guidati su una bici bianchi, simbolo di purezza. Mentre era contro chi nella sua casa, entrava per fare commercio o per mostrarsi più devoto, agli occhi degli altri fedeli.

      che il signore Gesù, illumini sia padre Cosimo, che lo scriteriato genitore per il futuro, altrimenti ogni volta che quel bimbo entrerà in chiesa, se la farà addosso dalla paura.

      Elimina
  3. Si può ridere e scherzare su tutto (e giuro che mi avete regalato ore di risate a crepapelle), ma su certi argomenti no!!! Se è uno scherzo è di pessimo gusto , se invece siete seri , siete malati, al prete bisognerebbe spaccare la faccia e al genitore spaccerei qualcosa d'altro a calci.... Sono sempre più contento e convinto della mia scelta di essere completamente ateo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto.su certe cose non si scherza

      Elimina
    2. Caro fratello, concordo pienamente!!!
      infatti qua si parla solo di cose serie: ci sono riferimenti biblici precisissimi che chiunque può andare a controllare e penso che nessuno sia in grado di confutare nell'eventuale "interpretazione".
      Pregherò perché nostro Signore Gesù Cristo ti illumini e ti conduca nella via della corretta lettura del Sacro Verbo.

      Elimina
    3. i riferimenti biblici infatti dicono infatti di lapidare, xkè non lo fate? anche se nn è piu in uso è la parola del signore no? barbarie in abbondanza...oppure xkè non rinnegate i professori ke insegnano che la terra orbita intorno al sole (giosue 10:12-13)? poi educare un figlio secondo i consigli di gente che non ha figli rasenta il ridicolo...a sto punto io potrei darvi lezioni di astrofisica...

      Elimina
    4. Magari potessimo rispettare pienamente la parola di nostro Signore. La società di oggi purtroppo sta degenerando e la legislazione il più delle volte va contro i divini precetti. Non tutti hanno la vocazione di diventare martiri e farsi imprigionare per una sacrosanta lapidazione.
      Preghiamo tutti insieme perché Cristo illumini i nostri politici affinché aderiscano pienamente alla Bibbia.
      Il Signore sia con te.

      Elimina
    5. bello, per tua informazione è maltrattamento di minore picchiare un bambino, ci sono altri modi per educarlo, senza contare che è reato, vergogna a chi ha scritto tali assurdità

      Elimina
    6. vi auguro di morire per il crollo di una chiesa

      Elimina
    7. Non esiste il tasto mi piace, vero? Mamma mia, come si può giustificare il fatto che un innocente bambino venga pestato per essere entrato in chiesa in bici? è allucinante!

      Elimina
  4. Ero tossicodipendente e la preghiera è l’unica cosa che mi sta salvando ed ero felice di invitare mia madre a pregare con me. Prima: paure, pretese, pensieri negativi... ero bloccata. Ma durante l’adorazione sentivo che lo Spirito Santo lavorava dentro ognuna di noi, e ci siamo poi parlate nella pace e nella gioia.
    Quando sono entrata in Comunità eravamo “lontane”, ci eravamo causate reciprocamente troppe sofferenze e tanto male. Piano piano qui a Lourdes la Madonna mi ha messo nel cuore il desiderio di perdonare mamma e papà: per tanti anni non mi sentivo più “loro figlia”. Domenica, durante la Santa Messa che ha concluso il ritiro dei genitori, Gesù mi ha chiamato a riconciliarmi: sentivo tanta gioia e gratitudine nel cuore, e per la prima volta dopo dieci anni ho abbracciato mia madre, le ho chiesto perdono e le ho detto con tutto il cuore: «Grazie mamma per la vita che mi hai dato, ti amo, grazie perché ci sei!»

    RispondiElimina
  5. cominciamo bene ...2 su 4

    RispondiElimina
  6. Se la Bibbia, o Sacro Verbo, o come volete chiamarla; interpretandola vi dice suicidatevi voi che fate? Vi ammazzate?! Qui rasentiamo il ridicolo!! Addirittura suggerire di bastonare il proprio figlio perché potrebbe essere sotto l'influsso di Satana? Ma siete da denuncia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo, Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, va' nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò». Abramo si alzò di buon mattino, sellò l'asino, prese con sé due servi e il figlio Isacco, spaccò la legna per l'olocausto e si mise in viaggio verso il luogo che Dio gli aveva indicato. Il terzo giorno Abramo alzò gli occhi e da lontano vide quel luogo. Allora Abramo disse ai suoi servi: «Fermatevi qui con l'asino; io e il ragazzo andremo fin lassù, ci prostreremo e poi ritorneremo da voi». Abramo prese la legna dell'olocausto e la caricò sul figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutt'e due insieme. Isacco si rivolse al padre Abramo e disse: «Padre mio!». Rispose: «Eccomi, figlio mio». Riprese: «Ecco qui il fuoco e la legna, ma dov'è l'agnello per l'olocausto?». Abramo rispose: «Dio stesso provvederà l'agnello per l'olocausto, figlio mio!». Proseguirono tutt'e due insieme; così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l'altare, collocò la legna, legò il figlio Isacco e lo depose sull'altare, sopra la legna. Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio. Ma l'angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: «Abramo, Abramo!». Rispose: «Eccomi!». L'angelo disse: «Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio». Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l'ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio. Abramo chiamò quel luogo: «Il Signore provvede», perciò oggi si dice: «Sul monte il Signore provvede». Poi l'angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta e disse: «Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio, io ti benedirò con ogni benedizione e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. Saranno benedette per la tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce». Poi Abramo tornò dai suoi servi; insieme si misero in cammino verso Bersabea e Abramo abitò a Bersabea (Genesi,22,1-19)

      Dunque, caro fratello, avresti forse denunciato Abramo perché era disposto a sacrificare il proprio figlio Isacco, per obbedire a Dio? Pensaci bene prima di scrivere blasfemie! Che il Signore ti guidi.

      Elimina
    2. 1) quello è un racconto, oltre a testo da te citato non ci sono altre prove di quello che è successo
      2) se qualcuno provasse a farlo ai giorni nostri, e affermasse di essere stato guidato da Dio che gli parlava, lo assolveresti?

      Perchè non provi tu a pensare, prima di prendere per vero quanto scritto in una raccolta di racconti di più di 2000 anni fa?

      Elimina
    3. si.

      (ps: non sono Anonimo di cui sopra)

      Elimina
    4. :-)))))))))))))

      Elimina
    5. Se qualcuno vuole uccidere un bambino giustificandosi dicendo che gliel'ha detto Dio, dovrebbe essere rinchiuso in carcere!
      Differente però è il caso in cui Dio gliel'ha veramente detto! In quel caso non vedo dov'è il problema, se Dio ti ordina di fare una cosa tu che fai, dici di no?

      Riccardo

      Elimina
    6. @Moreno
      Testi della Piramide di Wnas, formula 267
      Il tuo cuore a te, Osiride
      Le tue gambe a te, Osiride
      il tuo braccio a te, Osiride!
      Il cuore di Wnas è a lui stesso,
      le sue gambe sono a lui stesso,
      il suo braccio è a lui stesso.
      Sono ricomposte le sue gambe in terra, per il cielo.
      Ascende lui verso il cielo,
      ascende lui sopra il fumo di un grande incensamento;
      vola Wnas questo, come un uccello, atterra lui come uno scarabeo;
      vola lui come un uccello, atterra lui come uno scarabeo,
      in un trono vuoto in mezzo alla tua barca, o Ra.
      Alzati, togliti tu che non conosci la palude dei giunchi!
      Si siede Wnas questo nel tuo seggio.
      Che possa lui remare nel cielo sulla tua barca, o Ra.
      Pone un ostacolo, Wnas questo, alla terra, dalla tua barca, o Ra.
      Quando esci tu all'orizzonte,
      fa' che il suo scettro sia nel suo braccio,
      come uno che rema la tua barca, o Ra.
      Ascendi tu al cielo, è lontana la tua via dalla terra,
      lontana da sposa e da abito regale.

      Elimina
  7. Ricordo ancora con immenso piacere quando il mio babbo soleva legnarmi con verghe di quercia reatina. All'epoca ero un piccolo satanasso.. e babbo, grande fratello in Cristo Salvatore, non lesinava mai mazzate, anzi.. costruì illuminato e guidato da Nostro Signore, un macchinario collegando un motore diesel ad una puleggia ove collocava sapientemente le sue amatissime fascine di legno. La chiamava "la motobastonatrice". Oggi grazie al sacro bastone, sono un timorato di Dio e devoto alla via della luce. Volevo cogliere l'occasione per complimentarmi con questo blog che è fantastico e mi dona diverse ore di gioia e per salutare un mio caro amico che ci tiene tanto: Ciao Gesù!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il mio idolo

      Elimina
    2. Lusingato!
      p.s.: Ciao Gesù!!! ;)

      Elimina
    3. Sono quasi caduto dalla sedia! Era tanto che non ridevo così! xD

      Elimina
    4. "La motobastonatrice"....Genio divino! :D

      Elimina
  8. ma te sei tutto scemo!

    RispondiElimina
  9. no ma seriamente voi non ce la fate più.
    poi la gente si lamenta del fanatismo islamico, ma dannazione signori questo è fanatismo cristiano all'ennesima potenza!
    la bibbia è un libro, e come tale è stato scritto da uomini che vivevano in una certa epoca e con moralità differente rispetto alla società odierna.
    come potete voi suggerire a un padre certi comportamenti, indotti da un libro di più di 3000 anni? presa considerazione che Voi (mi riferisco a Moreno) padre di certo non siete?
    senza poi contare che Lei, signor Moreno sta istigando alla violenza nei confronti di un minore, tralasciando che in questa pagina, come scritto in basso (Ogni commento inappropriato oppure contenente istigazione alla pedofilia, alla violenza o all'odio sarà cancellato)non dovrebbe nemmeno scriverle certe cose.

    più leggo queste cose e più mi convinco di avere un cervello funzionante e sono fiero di essere ateo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio caro fratello, L'ateismo è peccato e presto finirai all'inferno. E ciò che mi scandalizza di più è che non capisci l'immensa trollaggine del blog...

      Elimina
    2. Sarà anche un libro vecchio di 3000 anni, ma è stato scritto con l'ispirazione dello Spirito Santo!

      Elimina
  10. aaaaarggghhhhh...sacilegiooo..un bimbo di BEN 6 anni che va in bicicletta nella casa di dio.....!!!! ma non si può..!!! non avete allertato la sacra inquisizione ??
    io spero tanto di non avere mai a che fare nella mia vita con dei malati di mente come voi...perchè credo che se vi incontrassi finirei i miei giorni...e non senza un briciolo di soddisfazione...nelle patrie galere..
    P.S. non ho bisogno di essere illuminato..a quello ci pensa l'ENEL..e nemmeno di una guida...non vado sui monti..tutto il resto sono solo fandonie per malati mentali senza speranza.
    cmq già che ci sono contatto un mio amico della Polizia Postale..vediamo che ne pensa di ciò che dite.

    RispondiElimina
  11. Citando Luca - E Gesù disse: “ Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno.” (Luca 23,24) -
    Vi chiedo : se Gesù chiede al Padre di perdonare coloro che lo stanno per crocifiggere, come puo' un buon padre voler educare il proprio figlio con la violenza?
    Non sarebbe più corretto perdonarlo e contemporaneamente fargli capire che quello che ha fatto è sbagliato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Perdono vale solo per gli adulti!
      Per i bambini serve l'Educazione Cristiana!

      Riccardo

      Elimina
    2. I bambini non possono capire cosa sia cristo! Non vi entra nella zucca! Siete davvero così idioti? Per questo bambino dio diventerà la ragione per cui è stato picchiato, e se ne allontanerà

      Elimina
    3. Caro Fratello, la storia stessa di Gesù Cristo nostro signore, ci insegna come sia giusto e doveroso applicare la bastonatura al discolo. Bambin Gesù infatti non poté mai avere sacre bastonature dal suo padre celeste e di certo Giuseppe non si sarebbe mai permesso di alzar la mano sul figlio diletto dell'Altissimo. E infatti cosa è successo?crocifisso a 33 anni il bricconcello. Il signor Adolfo ha fatto bene a bastonare come dovrebbero fare tutti i padri per evitare che i propri figlioli finiscano condannati a a morte.

      Elimina
  12. .. Padre Cosimo lo ha colpito con un bello schiaffone in faccia .. Che maleducazione. Un padre non dovrebbe permettersi di fare un gesto simile, io l'avrei denunciato.
    .. come si può fare una cosa del genere nella Casa del Signore .. come si può chiamare casa del signore un insignificante luogo fottutissimo costruito da fottuti uomini corrotti e accecati dal denaro?

    Andare in bici nella Casa dell'Altissimo!!!! .. Se veramente esiste un altissimo, credo stia altrove. Per sua fortuna.
    .. gli ho picchiato le mani perché è con quelle che ha preso la bicicletta e anche i piedi perché è con quelli che pedalava, ma sarà stato sufficiente? .. No, avresti dovuto chiamare un bravo psicologo e farti educare. Non sei in grado di fare il genitore.
    come punirlo ed educarlo .. Punirlo =/= Educarlo. Ignorante.
    non voglio che diventi come tutti quei giovani schifosi che si vestono con impudicizia, siedono per terra, parlano a voce alta, bevono e magari poi urinano nel vicolo .. No, infatti, bisogna pagare 5 euro per fare una sana pisciata e alimentare questo merdoso sistema economico.

    Piuttosto che avere un figlio così, non so cosa faccio. - Inizia a curarti.
    Scusate ma sono agitato e ho fretta di risolvere la situazione. - Va da uno psicologo, e non in chiesa, che è luogo di illusioni. O se proprio vuoi andare in chiesa, non permetterti di far passare cose astratte per veritiere a tuo figlio: il risultato sarà disastroso.

    RispondiElimina
  13. Siete malati. Se il vostro dio fosse reale e giusto il bastone lo userebbe per impalarvi. Paradossalmente questo bambino vivrebbe meglio da orfano.

    RispondiElimina
  14. Siete malati. Se il vostro dio fosse reale e giusto il bastone lo userebbe per impalarvi. Paradossalmente questo bambino vivrebbe meglio da orfano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ommioddio, quanto amore per questo commento!

      Elimina
  15. voi siete tutti matti! gianna

    RispondiElimina
  16. ragazzi ma non vi rendete conto che qui la gente sta solo trollando?
    p.s.: Ciao Gesù!!!

    RispondiElimina
  17. Ma voi state fuori! Siete da denuncia !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. io capisco che qui si trolli alla grande, ma certi argomenti non dovrebbero essere toccati neanche per scherzo....Se anche un solo malato di mente riuscisse a prendere sul serio le cagate che vengonoscritte qui e si sentisse giustificato nel menare un bimbo di 6 anni in quella maniera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Se anche un solo malato di mente riuscisse a prendere sul serio le cagate che vengono scritte" nella Bibbia...

      è la stessa cosa

      Elimina
    2. questo lo hai detto tu, caro....

      Elimina
    3. intendevo dire che la Bibbia è diffusissima e ci sono scritte le stesse cose che stai criticando del blog, come ad esempio:
      - Chi non usa il bastone non ama suo figlio, ma chi l’ama si affretta a rimproverarlo. (Proverbi,13,24)
      - Non temere di educare un ragazzo con severità; anche se lo batti con il bastone, non morirà. (Proverbi,23,13).
      - Correggi tuo figlio finché c’è speranza, ma non arrabbiarti fino ad ammazzarlo. (Proverbi,19,18).

      quindi se qualcuno malato di mente legge queste cose nella Bibbia potrebbe prenderle sul serio; è inutile perciò criticare questo blog che ha una bassissima diffusione e lasciar leggere la Bibbia (diffusissima) con conseguenze molto peggiori.

      Elimina
  19. O signùr ma come fate a prendervela???? Continuerò a ripeterlo, RisposteCristiane è l'apoteosi della satira....
    M.O.
    Spirano

    RispondiElimina
  20. Come si può postare su un sito/blog di chiesa come educare un figlio? Cosa ne sanno loro? Ma soprattutto come chiedere consiglio a una setta che pullula di pedofili e omosessuali (a contrario di quello che pensano proprio loro, essere omosessuali non è un male, è semplicemente un sbagliato chiedere a loro consiglio!) e sentire parlare di lapidazione nel 2012 solo perchè scritto nei libri fantasy che leggono loro??? E per un bambino che va in bici "nella casa dell'altissimo" (non bastava dire chiesa?)? :D

    Chiudo riportando una frase: "..e finiscono per allontanarsi dalla Via del Signore e vivere nel peccato."

    -"I peccatori bruceranno all'inferno per l'eternita!"
    -"E gli alri??"
    -"Gli altri chi??"

    Siete voi il peggio del peggio sperando che ci sia davvero una giustizia un giorno, e allora vi ricrederete!

    Saluti.

    RispondiElimina
  21. TROLL dei nuovi Troll10 settembre 2012 01:36

    E si, l'argomento questa volta è un po particolare, suscita l'indignazione di coloro che, (purtroppo) entrando in un quartiere malfamato, notano solo la prostituta sotto il lampione, non che è tutto il quartiere un covo di prostitute e di loro clienti.
    Sfaccettature di ogni diversità dei desideri, ma unificazione dello stesso perverso desiderio Umano, che esso sia fatto da giovani o vecchi, sposati o nubili, per sfogare capricci, o svuotare semplicemente i coglioni.

    Così è questo blog, che in senso ironico, mette in evidenza le contraddizioni che sussistono fra determinanti credenze religiose, le quali come le perversioni individuali, possono essere più o meno accentuate.

    Consiglio per chi ancora non lo ha capito: Di guardare l'insieme del blog, in tutti i suoi post, ed in particolare, notare in base all'argomento trattato le sagge risposte che, proprio leggendone l'antico testo biblico, portano al''esegesi della risposta ironica.

    scagliarsi contro, o minacciare denunce, dimostra la grande ignoranza; Per i credenti, di ciò che la loro dottrina attualmente prospetta. Per i non credenti o atei, la loro mancanza di confronto a prescindere, oscurandone la visione goliardica del blog.

    Ma come diceva il sommo Dante, nella sua magnifica DIVINA COMMEDIA, lasciate ogni speranza o VOI che entrate. Che si parli di santi o madonne, di Uomini e dei loro peccati, delle pene previste nei sacri testi, o negli attuali codici, anche questa è una COMMEDIA, ma fatta su ciò che viene definito DIVINO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci mancava solo il troll dei troll adesso ce li abbiamo tutti!

      Elimina
  22. Se qualcuno avesse tirato un ceffone a mio figlio, l'avrei picchiato e denunciato, ed è da pazzi pensare che Satana abbia indotto il bambino ad entrare in chiesa con la bicicletta, è ovvio che un bambino di 6 anni faccia marachelle, è un luogo di culto e come tale va rispettato ma sicuramente un bambino che non si rende conto di quello che fa non merita di essere picchiato per una cosa simile, bisogna piuttosto spiegargli le cose, una schiaffetto ogni tanto ci può anche stare ma prenderlo a bastonate o picchiarlo nel vero senso della parola direi anche di no, ma nessuno denuncia questo blog ai carabinieri? E poi, conosco "giovani allo sbando", come TU Moreno li chiami, che sono molto più intelligenti e svegli di quelli che vanno in chiesa. Non bisogna per forza educare i propri figli alla fede cristiana, non è un obbligo, è un optional, anche perchè molte persone crescono meglio senza cristianesimo, e lo dico per esperienza, mia e di altre persone che conosco da una vita. Vergognatevi a far passare la violenza su un bambino troppo vivace come giusta, e sono sicura che la colpa non è nè del bambino nè di Satana, ma dei genitori che non lo sanno educare, e i bambini non si educano con la violenza, se no crescono pieni di rabbia, i bambini si crescono con l'amore! Non sono una madre ma sono una figlia, e se scrivo è perchè ne so qualcosa. Ripeto, lo schiaffetto ogni tanto ci sta, ma voi siete matti da legare. Punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ricordo che nasciamo già con il peccato originale senza aver fatto niente, figuriamoci in sei anni cosa può fare satana (“così piccolo e già così grande peccatore!” Sant’Agostino).
      vorrei inoltre farti notare che non è da intelligenti scostarsi dalla legge divina "Non temere di educare un ragazzo con severità; anche se lo batti con il bastone, non morirà." (Proverbi,23,13)
      meglio una bastonata di un minuto che un'eternità di zolfo, fiamme e chi più ne ha più ne metta (come disse Holmes).

      Elimina
    2. Guarda Martina, a me i miei genitori mi hanno tirato su con le maniere dure: educazione rigida e punizioni corporali a nastro. Mi picchiavano con una riga da disegno di 60 cm in legno massello. Non ti dico il resto. Ebbene, hanno fatto benissimo! Adesso sono un cittadino probo, onesto, rispettoso, buon padre di famiglia, e pago persino il canone RAI! Vedi che i metodi di una volta funzionano!

      Elimina
    3. Le maniere forti servono! Un ramoscello d'ulivo cresce più robusto e vigoroso se ben sostenuto! Quindi quando vostro figlio commette dei peccati prendete le sue manine e chiudetegliele con decisione in un cassetto!
      Killercarb.

      Elimina
  23. Buonasera, che dire... non ho mai e poi mai pensato che la fantasia, chiamiamolo pure fanatismo estremo, oltraggiasse il nome del nostro Signore Gesù con insegnamenti blasfemi. Spero che l'umano non si renda partecipe di tanta volgarità.

    RispondiElimina
  24. Non so se mi fa piú ridere la "vicenda" di Pierluigi o tutta la gente che crede che le storie raccontate in questo blog siano vere! :)

    RispondiElimina
  25. Io già mi sono pronunciata sulla pagina fb quindi qui sarò molto più generale. Non ho mai sentito tante cavolate in vita mia..come se chi non viene preso a mazzate cresce criminale, scusate ma dove l'avete imparato questo?L'autorità si esercita in vari modi non certo con il maltrattamento che tra l'altro non unito ad una spiegazione (perchè ai bambini se non si spiegano le cose non capiscono il motivo della punizione) non serve a na mazza. Aggiungo che mi fate vergognare di essere cristiana, che è per gente insana come voi che le persone si allontanano, che siete pieni di voi stessi e molto superbi nel credere che quello che dite sia oro colato e che i vostri commenti ironici sono una grande mancanza di rispetto nei confronti di tutti quelli che come me esprimono quello che pensano in maniera educata e civile.

    RispondiElimina
  26. Ah quindi secondo la Bibbia posso bastonarlo quanto mi pare basta che non l'ammazzo?
    Pensavo che in quanto figlio mio, fosse di mia proprietà e che non ci fosse problema!
    Meno male che c'è la Bibbia a darci dei valori giusti e dei sani limiti, vuol dire che ci andrò piano con le mazzate!

    RispondiElimina
  27. Ma io non ci voglio credere. Le bastonate dovete prendervele voi, non i bambini. Fate ribrezzo.

    RispondiElimina
  28. salve a tutti, premetto che sono ateo ma credo che sia esistito un uomo talmente straordinario che dopo 2000 anni ancora si parla di lui, quest'uomo si chiamave gesù e ha insegnato al mondo l'amore e il perdono non le botte e le punizioni e chiunque dica di seguire i suoi insegnamenti dovrebbe attenersi ad essi e BASTA, niente interpretazioni niente distorsioni sadiche o altro, gesù era un uomo buono e non ha mai alzato le mani su nessuno, chi siete voi per fare altrimenti in suo nome?

    RispondiElimina
  29. Standing ovation agli autori del blog.
    Artisti preparati e geniali.

    RispondiElimina
  30. bella bufala! complimenti! Dani

    RispondiElimina
  31. dovremmo lapidare voi brutti cristiani bigotti porco dioooooooooooo

    RispondiElimina
  32. Bravi gli autori che la danno a bere a tutti i pessimi personaggi che cercano risposte sul blog!non hanno ancora capito che è una presa per i fondelli haha

    RispondiElimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.