Cerca le Santissime Risposte

venerdì 3 agosto 2018

Riproduzione sessuata o asessuata? La nerchia e la fica come opera del Signore

«  
Cari fratelli esegeti,
Come è avvenuta la creazione degli organi riproduttivi? 
Genesi ci insegna che furono creati gli animali, poi l'uomo per servirli. Ma non ci parla di sesso o di come gli animali si potessero riprodurre.
Infine ci dice che Dio creò la donna, Eva, da una costola di Adamo perché non stava bene che la creatura prediletta del Signore cucinasse e facesse le pulizie in casa.
Quindi vuol dire che Adamo da solo non si poteva riprodurre.
Ma se non poteva Adamo, allora neanche gli animali?
Poi Adamo ed Eva mangiarono la mela, si accorsero di essere nudi, lo sguardo cadde su genitali ed evidentemente, non capendo subito a cosa servissero, decisero di nasconderli con la foglia di fico (scelta del cazzo, se per caso c'era il latte li voglio vedere che urla ...). Ma allora, prima di digerire la mela i genitali c'erano o non c'erano? Forse è che mangiare le mele migliora la vista ed Eva vide il cazzo piccolo solo dopo aver riacquistato tutte le diottrie? Ma no ... quelle sono le carote ...
Allora è la mela che fa spuntare il cazzo al maschio e produce un orifizio nella femmina?
Ho provato più volte a mangiare mele per farmi crescere il cazzo ... niente! Sempre piccolo rimane!
Eppure Adamo, quando era solo, senza compagna, non doveva certo avere protuberanze, a che pro? Per pisciare sarebbe bastato un buco, come Ken di Barby! 
E gli animali non dovevano mica riprodursi: c'era solo Adamo ed era probabilmente vegetariano! 
Voi esegeti che sapete tutto, aiutatemi a capire dalle scritture quando il Signore decise di creare gli attributi sessuali.
Devotamente Vostro
Pio
»

Caro fratello in Cristo Pio,
Come sappiamo noi devoti credenti, la Bibbia è stata dettata parola per parola dal Signore ai nostri Profeti.
Ma cosa accadde di preciso? Adesso ... non diciamo che la storia debba essere andata a finire come nel gioco del telefono senza fili che facevamo da bambini sussurrandoci nell'orecchio, ma sicuramente qualche problema ci sarà stato, non neghiamocelo!
Innanzi tutto nell'ascoltare e capire.
Poi nel trascrivere, ché magari non erano disponibili all'istante gli strumenti per farlo e la memoria è una brutta bestia.
Qualcuno obietterà "l'uomo esiste da centinaia di migliaia di anni: aspettare un 2000 anni per fare si che un qualunque profeta preso per strada potesse avere in tasca uno smartphone con registratore incorporato non poteva essere una buona idea?"
Cazzate da scientisti tutti logica e distintivo!
Famoso scientista tutto logica e distintivo
Il Signore agisce quanto è ispirato: se ha voglia di dettare non è che deve aspettare, lo fa quando cazzo gli pare, mica è a nostra disposizione!
E così qualche centinaio di anni prima di decidere di mandare il suo figliuolo a farsi inchiodare, decise di dettare la storia delle prime fasi dell'universo: le basi scientifiche senza le quali né Einstein, né Hawking avrebbero mai cavato un ragno da un buco.
Niente di religioso quindi, in verità, solo un po' di scienza.
Qui si comincia a capire come stavano le cose: voleva dare qualche accenno perché i futuri scienziatei (dannati alle fiamme dell'inferno per il bene dell'umanità) avessero qualche indicazione utile da cui partire.
Niente di eccessivamente preciso, quindi, solo qualche spunto di riflessione.
Ma dettato seriamente, un buon best seller scientifico divulgativo da stare in testa alle classifiche di vendita per millenni!
Best seller si, ma scientifico ... 'na cippa! 
Ho capito ! ... non è che tutti devono essere il migliore della classe in fisica o in biologia! Ma proprio al Signore doveva capitare lo studente scarso? Così fu e, per quanto il Signore si possa essere impegnato a dettare qualcosa di chiaro, semplice ma senza errori, ci ritroviamo a metterci delle pezze ... .
Se poi, addirittura provi a immaginare che lo studente fosse non solo scarso, ma anche un pecoraio che andava a lezione, ma il libro non l'aveva neanche comprato per cui ascoltava senza vedere le figure ..., se poi ce lo immaginiamo, a fare finta di stare a sentire il vecchio annuendo ogni tanto mentre pensava alle chiappe della sua pecora preferita ... 
Eh si! è proprio così che deve essere andata: il Signore dettava e il redattore di Genesi pensava alla gnocca della pecora. 
Niente di male, per carità! Ma, insomma, un po' di rispetto, qua si parla della prima volta nella storia che Dio cercava di spiegare la "riproduzione", sapete ... le api ... i fiori ... .
Il poveraccio già ricorda poco, poi può trascrivere gli appunti solo quando rientra a casa dalla transumanza, e infine ci si mettono di mezzo i traduttori che si inventano la storia della "costola" sbagliando a interpretare il termine ebraico che invece vuol dire "metà"!
Ne esce fuori un gran casino: certo la riproduzione, sessuata e asessuata, voi siete moderni e vi ricorderete di averla studiata  ... VI RICORDATE DI AVERLA STUDIATA VERO?! No? ... eppure sul libro delle superiori c'era, statene certi! Beh, pensate, se non ricordate una mazza voi, che minchia dovrebbe avere ricordato un cazzo di profeta più di 2000 anni fa? 
Eppure in quei tempi, ben più antichi della vostra gioventù, c'erano solo il vecchio con la barba che spiegava, sperando che il profeta prendesse appunti (vecchio sciagurato!), e un profeta cazzone. 
Certo Egli credeva di avere dettato tutto correttamente:
  • il brodino Knorr,
  • proteine e aminoacidi (per la gioia dei bicipiti dei culturisti),
  • virus e batteri (per la gioia degli antivax), 
  • poi forme di vita più complesse, i pesci, i rettili, gli uccelli, i dinosauri, le scimmie,
  • infine gli umani. 
E la riproduzione?
  • all'inizio metodi semplici come separazione e partenogenesi, 
  • poi le uova da fecondare dopo l'emissione, senza contatto fra i partner (il maschio si doveva segare sulle uova: DOPPIA LIBIDINE!), 
  • e finalmente sesso sfrenato e colpi di minchia da tutte le parti fra mammiferi che il groviera a confronto è un catino d'olio! 
Doppia libidine papale!
Ma il tipo faceva solo finta di prendere appunti e quando alla fine Dio dice "bene la prossima settimana portami un riassunto decente che ti do il voto eh!" ... "ma sei scemo? Io stavo a contare le pecore! Sai che culo mi spaccano se ne porto una di meno a casa?" e mo' so' cazzi! 
Il povero profeta ebbe quindi un compito a casa molto preciso: descrivere come vengono fuori i due sessi di Adamo ed Eva; ma non ricorda, fa confusione con le forme di vita primordiali, si ricorda che da bambino aveva tagliato un verme a metà ed erano sopravvissuti tutti e due i pezzi, cerca di ricordare, e decide che probabilmente il Signore ha fatto con Adamo come lui da bambino col verme: "riproduzione asessuata per separazione"!
Ma sapete quale è il bello?
Il Bello è che la Bibbia è comunque verità, quindi la storia si adegua retroattivamente alle parole del profeta!
Noi sappiamo bene che l'uomo e la scimmia evolvono da un progenitore primordiale comune, sappiamo che la riproduzione sessuata e i mammiferi esistevano da centinaia di migliaia di anni prima che spuntasse l'uomo sulla terra, da quando apparvero i primi mammiferi, ma ... ma il profeta ha scritto Genesi che diviene verità per il solo fatto di essere dichiarata parola del Signore!
E allora l'umano, la prima volta che viene riprodotto, è per opera del Signore, quindi niente sesso, ma separazione, proprio come un verme! (quando le signore si lamentano dei maschi affermando che sono dei vermi, sappiano che è proprio così: c'è un antico retaggio scritto nel codice genetico per colpa del profeta).
La storia, nel paradiso terrestre quindi andò esattamente come dice la Bibbia per volontà del Signore che si adegua a se stesso: 
Il Signore che era sia maschio che femmina, praticamente un ermafrodito ((Gen 1, 27 )"E Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò: maschio e femmina li creò.") si fa una sega, o sega in due Adamo (non è ben chiara la traduzione).
D.:"Adamo vieni qua che ti faccio riprodurre
A.:"Papi, che fai con quell'affare dentellato di metallo? non mi piace un cazzo!
(non è chiaro cosa fosse l'affare dentellato, poteva essere la sega, una vera sega di acciaio temperato e manico in legno, o la sega che si fece il Signore, in questo caso poteva essere la minchia infatti, dato l'ermafroditismo di Dio, il "se la fica avesse i denti" diviene duale e ci ritroviamo con una minchia dentata) 
D.:"Non preoccuparti ... dormi!
(Gen 2, 21) "Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò"
... mazzata sulla capoccia ... (non c'erano anestetici in paradiso)
(Gen 2, 21-22) "gli tolse una delle costole e richiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio formò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo".  
Ma come abbiamo già detto "costola" è la traduzione errata di "metà". Quindi la versione corretta è: "lo tagliò a metà e richiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio formò con la metà, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo".
Notiamo peraltro che è la parte anteriore della donna completamente ricostruita ago e filo dal grande chirurgo plastico Nostro Signore,  quindi se una donna oggi vuole "rifarsi", non fa altro che seguire l'istinto della sua progenitrice: non lamentatevi e pagate!
Sta di fatto che segandolo a metà, non esce proprio un taglio netto e viene fuori un qualcosa che favorisce l'incastro, infatti leggiamo: 
(Gen 2, 24) "Per questo l'uomo ... si unirà a sua moglie, e i due saranno un'unica carne."
La sega di Dio
Capiamo quindi dal testo che qualcosa spinge quelle carni che il Signore aveva segato l'una dall'altra, a incastrarsi di nuovo fra loro
Non è scritto, ma a questo punto risulta ovvio, che, verso metà del taglio, il Signore, oramai di una certa età, non avendo più la mano fermissima, svirgola un po', cosicché ad Adamo viene fuori un'escrescenza, mentre ad Eva un buco, esattamente in corrispondenza l'uno dell'altra: fu così, dunque, che vennero creati a minchia e u sticchiu (di origine siciliana era il profeta), cosa che, date le buone caratteristiche dell'incastro, praticamente perfetto, spingerà i due a stare fisicamente uniti infilzandosi l'un l'altra per più tempo possibile, in modo da nascondere al mondo gli effetti della mano tremolante dell'anziano!
Benedittanza

quanta la scarsa voglia di prendere appunti degli studenti
quanta l'ispirazione scientifica derivante dalle Scritture
quanta la voglia arrapante di ripristinare l'incastro del divino errore

Tancredi

 


10 commenti:

  1. La Bibbia non vieta il piacere sessuale, anzi, mostra che si tratta di un dono che Dio fa alle persone sposate. Egli creò gli esseri umani “maschio e femmina” e definì quello che aveva fatto “molto buono” (Genesi 1:27,31). Quando unì il primo uomo e la prima donna in matrimonio disse: “Dovranno divenire una sola carne” (Genesi 2:24). Con queste parole si riferiva sia al piacere dell’intimità sessuale che al forte legame emotivo che si sarebbe instaurato.
    La Bibbia descrive così il piacere che i mariti traggono dal matrimonio: “Rallegrati con la moglie della tua giovinezza [...] Le sue proprie mammelle ti inebrino in ogni tempo. Sii di continuo in estasi per il suo amore” (Proverbi 5:18,19). Dio desidera che anche le mogli traggano piacere dai rapporti sessuali. Infatti la Bibbia dice: “Marito e moglie dovrebbero soddisfare i bisogni sessuali l’uno dell’altra” (1 Corinzi 7:3).
    Dio limita i rapporti sessuali all’ambito coniugale, come mostra Ebrei 13:4: “Il matrimonio sia onorevole fra tutti, e il letto matrimoniale sia senza contaminazione, poiché Dio giudicherà i fornicatori e gli adulteri”. Chi è sposato dev’essere fedele al proprio coniuge e mantenere l’impegno preso. Inoltre deve riconoscere che il massimo piacere non deriva dal soddisfare egoisticamente se stesso, ma dal seguire questo principio biblico: “C’è più felicità nel dare che nel ricevere” (Atti 20:35).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto sorella in Cristo Genevieve, che la benedittanza del Signore ti ricopra!

      Elimina
  2. Carissimo fratello Tancredi,
    parlando delle innumerevoli difficoltà che si incontrano nella vita, un mio vecchio amico americano soleva affermare che “EVEN WHEN YOU SHIT YOU HAVE TO MAKE AN EFFORT” ed io capisco quanto sia arduo, anche per voi esegeti, il tentativo di decifrare la volontà del Signore.
    Nella tua esegesi tu smonti la bizzarra teoria della costola ed esponi chiaramente il concetto che Dio abbia creato Eva recidendo Adamo in modo così chirurgicamente preciso affinché i rispettivi organi genitali – concavo e convesso - potessero compenetrarsi in modo da formare un’unica carne (Gen 2,24).
    È vero però anche che un’unica carne può essere formata anche dall’incastro di un convesso con un diverso concavo posizionato a pochissima distanza dal primo. E allora come la mettiamo? Come la mettiamo soprattutto se ad ospitare il convesso è il concavo di una creatura appartenente allo stesso genere?
    Non vorrei dare l’impressione di non considerare te sufficientemente giudizioso (so che è Dio che ti guida), ma non credi che don Massimo Biancalani potrebbe dare qualche chiarimento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro fratello in Cristo Zaratù, come abbiamo scritto più volte Gesù ama i gay! http://rispostecristiane.blogspot.com/2014/10/gay-e-lesbiche-non-temete-gli-omofobi.html
      Dio ha fatto le scatole di LEGO. Dentro ogni scatola ci sono i pezzi giusti per costruire un ben determinato progetto, un treno, un missile, un castello, ma Dio ci ha dato il libero arbitrio e possiamo mischiare i LEGO per inventare nuovi progetti e nuovi incastri.
      Pensa quante meravigliose escrescenze e quanti orifizi benedetti ci ha donato il Signore: il corpo umano è un groviera e tapparli tutti è una sfida.
      Se Don Massimo è riuscito in quest'intento, il Signore gliene renderà sicuramente merito.
      Benedittanza!

      Elimina
  3. intanto che voi discutete per dirimere queste elevate e sacre questioni teologiche e per non attendere nell'ozio, posso avere con spedizione espresse il bambolotto KEN nella foto da sodomizzare e\o con cui fare le perversioni piu abominevoli?
    Giusto per restare in "tema" religione cattolica e "usi e costumi" dei religiosi. :-DDD (a leggere i giornali)
    Poi sappiamo tutti che "teologicamente" i bambolotti KEN con cui fare atti impuri (di nascosto) creano meno problemi a lungo termine dei bambini. ;-)

    RispondiElimina
  4. Madonna luetica, cosa aspettate a scrivere una nuova egesesi? L'Italia se ne sta andando a bagasce ed ha bisogno del verbo del cane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello Anonimo in Cristo, sarai presto esaudito <3
      benedittanza!

      Elimina
  5. Carissimo fratello Tancredi,
    nel momento in cui Santa Madre Chiesa è sconvolta da tanti presunti scandali di pedofilia, ad opera di tanti bravi sacerdoti e l’animo cristiano ne resta profondamente turbato, ci si rende conto che oltre al perdono e alla preghiera sarebbero necessarie chiare precisazioni che orientino un franco e cristiano dibattito su questo blog.
    È per questo che mi rivolgo a te, caro fratello Tancredi, non solo affinché le tue saggie esegesi portino questi fatti sotto la giusta luce e la parola del Signore sia correttamente interpretata, ma anche per riscattare Santa Madre Chiesa dalle odiose calunnie che Le vengono malignamente e troppo spesso rivolte.
    Diciamo innanzitutto che le presunte vittime di inesistenti violenze sono i seminaristi e i chierichetti.
    E diciamo anche che la decisione di ammettere i primi allo studio della teologia e i secondi al servizio dell’altare di Cristo riveste una responsabilità enorme agli occhi della società e soprattutto agli occhi di Dio.
    Chi assume questa responsabilità dovrebbe guardare come un padre in fondo agli occhi del suo figliolo, scorgervi l’innocenza di Gesù fanciullo e guardarsi bene dal corromperla.
    Ma si può affermate che le tenere chiappe, fresche e rotondette di un fanciullo, non siano un elemento utile e sufficiente a capire la sua idoneità al servizio divino?
    E chi potrà mai affermare che l’amore che può spontaneamente sbocciare fra un sacerdote e un suo discepolo non sia da considerare un dono del Signore?
    Si può affermare che la manifestazione fisica di questo amore non sia un modo per onorare il Signore?
    Giovenale ci ricorda che “Maxima debetur puero reverentia” (ad un fanciullo di deve il massimo rispetto), ma si può dire che l’amore per un fanciullo sia in sé poco rispettoso? Io dico che è esattamente il contrario: l’amore che è la generosa donazione di sé per la gioia dell’altro, è la forma più alta del rispetto.
    Il VENITE ADOREMUS non è forse una esortazione a venire e poi ad adorare Dio?
    La frase che Gesù rivolge ai suoi discepoli “Sinite parvulos venire ad me” (Marco 10,14) non può dare adito ad equivoci. Il tenero amore che con questa frase Gesù dimostrava verso i fanciulli evidenzia il desiderio che essi “venissero” su di Lui in una specie di Bukkake ante litteram.
    Preghiamo affinché la benedittanza, appiccicaticcia, biancastra e abbondante, scenda sulle nostre teste nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fratello in Cristo Zaratù, le tue sante parole saranno presto oggetto di un nuovo articolo sul tema che ardentemente solleciti!
      Benedittanza!

      Elimina
  6. osservando la foro di ciccio merdoglio (vedi sopra) si potrebbe pensare che lo sperma gli sia andato di traverso.

    RispondiElimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.