Cerca le Santissime Risposte

lunedì 3 giugno 2019

Ballbusting: espiazione o offesa al Signore?

«
Caro fratello Tancredi,
girando per il web ho scoperto interessanti siti religiosi facilmente selezionabili usando le parole chiave "ball busting". 
Vi si trovano video di peccatori che si fanno punire da sante ragazze le quali hanno ricevuto dal Signore la capacità di palleggiare e, invece di sprecarla giocando a football, adoperano questa vocazione per aiutare uomini, che hanno perso la retta via, a riconquistarla nel dolore, percuotendo ripetutamente i loro genitali con vigorosi calci fino a farli inginocchiare di fronte al Signore. 
Da come questi uomini ringraziano le ragazze, è evidente che questa forma di espiazione è potente e riesce a restituire il candore e la gioia al loro animo grazie alla contrizione e al dolore. 
Siccome ultimamente ho molto peccato rivolgendo le mie impure fantasie alle tette della sorella della mia fidanzata, pensavo, certo non di confessarle i miei reconditi desideri, potrebbe strapparmi i coglioni per molto meno, ma di chiederle di aiutarmi nel riavvicinamento al Signore prendendomi a calci nelle palle con qualche seduta di ball busting, magari indossando un completino come quello della foto che ti allego.
Pensi che quest'espiazione possa essere sufficiente? 
devotamente 
Tuo Andrea
»

Caro Fratello in Cristo Andrea, la questione che ci poni è controversa. Sicuramente il peccato di omissione è grave tanto quanto la menzogna, per cui l'espiazione del tuo silenzio deve porre sul piatto della bilancia della giustizia divina qualcosa di altrettanto potente.
L'espiazione nel dolore è certo una buona idea, ma occorre fare attenzione a non ricadere in grossolani errore che, anziché riavvicinarti al Signore, potrebbero, addirittura, allontanarti ulteriormente. 
Per cominciare, se analizzi bene i percorsi con cui il web ti conduce a queste pagine internet, scoprirai che la directory da cui attingi si chiama Fem Dom, ovvero dominazione (contraltare della sottomissione) della donna sul uomo. 

Fem Dom? Attenti figlioli! La femmina non deve dominarvi, l'ha detto San Paolo!
Ora, come tu ben saprai, San Paolo ci dice chiaramente che è la donna che deve essere sottomessa all'uomo e non il contrario: (Ef 5,24) E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto. 
Non è quindi assolutamente accettabile alcun atto di sottomissione da parte tua, né psicologica, tanto meno fisica. Potrai quindi supplire facendo in modo che la tua fidanzata ti colpisca solo a seguito di un tuo preciso ordine e mai di sua iniziativa: in questo modo eviterai la sottomissione psicologica. 
Riguardo a quella fisica invece dovrai accuratamente evitare le posizioni che ti potrebbero porre al di sotto di lei, quindi mai dovrai trovarti: 
  • sdraiato a gambe aperte mentre lei è in piedi pronta a calciare;
  • in ginocchio davanti a lei che, in piedi, ti guarda dall'alto in basso.
Se stai sdraiato a terra, non va bene! Sei in stato di sottomissione
Neanche in ginocchio va bene! Ci si inginocchia solo di fronte al Signore. 
Basta guardare le foto per capire come tali condizioni siano umilianti e moralmente inaccettabili agli occhi del Signore. La posizione migliore sarebbe dunque lei sdraiata e tu in piedi,  o comunque sopra di lei, posizione che, come puoi vedere dalla foto seguente, è sicuramente realizzabile.
Un potente calcio a piedi uniti dal basso in alto può sollevarti e avvicinarti al Signore
mantenendo la corretta posizione di supremazia sulla donna.
Ma ci rendiamo conto che colpire vigorosamente con la schiena a terra possa richiedere forza e potenza muscolare che non tutte le ragazze possiedono, per cui andrà bene anche che siate entrambi in piedi.
Entrambi in piedi è il giusto compromesso.
Andranno bene i calci ben assestati (a piedi nudi o con scarpe o stivali tacco 16, non è rilevante, l'importante è colpire con tutto l'amore di Dio!). Le immagini seguenti, sono estratte da animazioni educative utilizzate a scopo formativo dai pochi cristiani  presenti nelle parrocchie giapponesi già ai corsi della prima comunione: mostrale al tuo amore come se fossero un libretto di istruzioni.
Coi tacchi alti otterrai un certo effetto scenografico ...
 ... ma anche gli zoccoli da spiaggia andranno benissimo.
Per non parlare delle ginocchiate che potranno pur esse venire considerate utili allo scopo.
Grande ginocchiata in diagonale con rotazione del busto ...

... o classica ginocchiata dal basso il alto?
La tua amata potrà colpirti ripetutamente fino a quando non cadrai a terra, ma in quell'istante dovrà smettere per evitare che tu possa trovarti in stato di sottomissione di fronte a lei.
Quando rovinerai a terra nel dolore, la tua fidanzata dovrà smettere di colpirti.
Tutto ciò sarà indubbiamente grato al Signore come atto di tua devota espiazione, ma ...

Eh si: c'è un ma!
Leggiamo infatti la parola del Signore e scopriamo che i testicoli schiacciati o ammaccati non sono una bella cosa!
Se in conseguenza di una seduta di ball busting ti si dovessero malauguratamente produrre danni ai testicoli, sarebbe agli occhi del Signore grande disgrazia, infatti è scritto: (Dt 23,2) Non entrerà nella comunità del Signore chi ha i testicoli schiacciati o il membro mutilato.
Quindi non potrai frequentare la casa del Signore fino a quando non ti sarai perfettamente ristabilito: il Sacerdote, al quale dovrai confessare i tuoi peccaminosi pensieri e comunicare le tue modalità di penitenza, ti potrà accettare a messa solo a fronte di un certificato di recente visita andrologica a cui dovrai sottoporti dopo ogni seduta di ball busting, se poi vorrai recarti al desco del Signore.
Il controllo e un po' di smanettamento della prostata con due o tre dita potrà essere considerato parte dell'espiazione o premio da parte del Signore (a seconda di come la prenderai) e, nel caso in cui il sacerdote non considerasse il certificato abbastanza recente, per ammetterti a messa, potrà pretendere di effettuarti lui stesso il controllo prostatico. Non ci sarà alcun problema. 

Controllo prostatico direttamente in sacrestia!
I nostri novizi vengono educati in Seminario fin da piccoli con utili sessione pratiche condotte da sacerdoti più anziani: ti poggerà una mano sulla spalla, una sul fianco e con l'altra mano controllerà che sia tutto a posto.



Benedittanza
quanta i testicoli percossi nel nome del Signore
quanta le benefattrici che aiutano i nostri peccatori nell'espiazione indossando scomodi tacchi a spillo
quanta i testicoli schiacciati, riammessi alle sacre funzioni grazie al sacrificio dei nostri sacerdoti edotti di andrologia
Tancredi