Cerca le Santissime Risposte

sabato 1 dicembre 2018

Giocare a Poker con Gesù

 Il Texas Hold'em nel nome di Dio


Esimio Prof. Girolamo, mi chiamo Antonio, vengo da Milano e sono un cattolico con una grande passione per il gioco d’azzardo. Lo amo in tutte le sue forme;  baccarà, blackjack, roulette, pusoy, scommesse sportive, ma soprattutto amo il poker, principalmente nella sua variante americana del Texas Hold’em, ma anche nella classica e comunque emozionante, versione italiana a cinque carte.

Quattro anni fa, passai un brutto periodo di depressione a causa di una lunga e travagliata crisi matrimoniale, e così da episodico ed oculato frequentatore di casinò che ero, diligente conoscitore della letteratura tecnica, ma anche persona attenta ai valori della religione e della famiglia, finì per diventare più assiduo ed incauto, giungendo ad investire gran parte delle mie finanze in favore dell’unico pensiero ossessivo che mi voleva seduto ad un tavolo verde con un enorme stack davanti e due carte in mano.

Senza rendermene conto, però, il tempo volava via, e mia moglie un bel giorno se ne andò, lasciandomi sulla scrivania soltanto gli incartamenti per l’avvocato e la richiesta per assegni di mantenimento, che la sentenza puntualmente le elargì fin troppo generosamente. 
I miei affetti pian piano si diradarono, ma a me poco importava: nel mio rifugio scintillante mi sentivo libero, mi sentivo vivo. Al tavolo cessava ogni mia angoscia ed inquietudine; potevo finalmente distogliere il pensiero dalle mie tormentate afflizioni e rivolgerlo soltanto al calcolo probabilistico, ma soprattutto potevo annullarmi nell'estasi impetuosa della sorte, e naufragare in quella maestosa ondata di adrenalina che pervade l’anima al seguir dell’attesa euforica intimazione: “show down!”.

venerdì 5 ottobre 2018

Il bordello delle bambole: luogo di perdizione o di incontro col Signore?

 
«
Tancredi,
Non siamo di Torino, ma i miei amici ed io, appena abbiamo avuto la notizia, abbiamo prenotato con settimane di anticipo per essere lì il primo giorno: un viaggio di preghiera e di invocazioni al Signore e a tutti i Santi ogni volta che la vecchia Panda di Rino faticava a ripartire o faceva scintille raschiando al suolo la marmitta sulle buche più dure e perciò soprannominata "Fiat lux".
Devo confessarti che ridevamo e scherzavamo, ma avevamo un gran senso di colpa: mica abbiamo detto nulla a mogli e fidanzate!
Ma la curiosità era troppa: perversione? La bambola gonfiabile l'avevamo provata tutti, ma queste sono di silicone, morbidezza naturale, mica come il materassino della spiaggia.  Ma, ascolta, la questione è che pensavo di andare a fare una porcata e, invece, è stata un'esperienza mistica: quando sono entrato nella stanza era lì, sdraiata ad aspettarmi. Un sorriso così dolce che mi distoglieva lo sguardo da quei seni e quel culo da favola.
Non era una donna, era qualcosa di diverso, di più, era, non pensare che voglia bestemmiare, una santa: era ovvio che qualunque cosa avessi fatto con Lei, Lei non avrebbe peccato. Era al di sopra di ogni peccato, a tal punto che quando ebbi finito di sfogare i miei istinti su quel corpo perfetto che continuava a sorridermi qualunque perversione realizzassi, mi sentii pulito e immacolato. Mi sentii solo come avevo provato dopo la mia prima assoluzione, quella della Prima Comunione: completamente senza peccato.


giovedì 20 settembre 2018

Sacrifici umani e pedofilia nel nome del Signore


 
«
Carissimo fratello Tancredi,
nel momento in cui Santa Madre Chiesa è sconvolta da tanti presunti scandali di pedofilia, ad opera di tanti bravi sacerdoti e l’animo cristiano ne resta profondamente turbato, ci si rende conto che oltre al perdono e alla preghiera sarebbero necessarie chiare precisazioni che orientino un franco e cristiano dibattito su questo blog.
È per questo che mi rivolgo a te, caro fratello Tancredi, non solo affinché le tue sagge esegesi portino questi fatti sotto la giusta luce e la parola del Signore sia correttamente interpretata, ma anche per riscattare Santa Madre Chiesa dalle odiose calunnie che Le vengono malignamente e troppo spesso rivolte.
Diciamo innanzitutto che le presunte vittime di inesistenti violenze sono i seminaristi e i chierichetti.
E diciamo anche che la decisione di ammettere i primi allo studio della teologia e i secondi al servizio dell’altare di Cristo riveste una responsabilità enorme agli occhi della società e soprattutto agli occhi di Dio.
Chi assume questa responsabilità dovrebbe guardare come un padre in fondo agli occhi del suo figliolo, scorgervi l’innocenza di Gesù fanciullo e guardarsi bene dal corromperla.
Ma si può affermate che le tenere chiappe, fresche e rotondette di un fanciullo, non siano un elemento utile e sufficiente a capire la sua idoneità al servizio divino?
E chi potrà mai affermare che l’amore che può spontaneamente sbocciare fra un sacerdote e un suo discepolo non sia da considerare un dono del Signore?
Si può affermare che la manifestazione fisica di questo amore non sia un modo per onorare il Signore?


venerdì 3 agosto 2018

Riproduzione sessuata o asessuata? La nerchia e la fica come opera del Signore

«  
Cari fratelli esegeti,
Come è avvenuta la creazione degli organi riproduttivi? 
Genesi ci insegna che furono creati gli animali, poi l'uomo per servirli. Ma non ci parla di sesso o di come gli animali si potessero riprodurre.
Infine ci dice che Dio creò la donna, Eva, da una costola di Adamo perché non stava bene che la creatura prediletta del Signore cucinasse e facesse le pulizie in casa.
Quindi vuol dire che Adamo da solo non si poteva riprodurre.
Ma se non poteva Adamo, allora neanche gli animali?
Poi Adamo ed Eva mangiarono la mela, si accorsero di essere nudi, lo sguardo cadde su genitali ed evidentemente, non capendo subito a cosa servissero, decisero di nasconderli con la foglia di fico (scelta del cazzo, se per caso c'era il latte li voglio vedere che urla ...). Ma allora, prima di digerire la mela i genitali c'erano o non c'erano? Forse è che mangiare le mele migliora la vista ed Eva vide il cazzo piccolo solo dopo aver riacquistato tutte le diottrie? Ma no ... quelle sono le carote ...
Allora è la mela che fa spuntare il cazzo al maschio e produce un orifizio nella femmina?
Ho provato più volte a mangiare mele per farmi crescere il cazzo ... niente! Sempre piccolo rimane!
Eppure Adamo, quando era solo, senza compagna, non doveva certo avere protuberanze, a che pro? Per pisciare sarebbe bastato un buco, come Ken di Barby! 
E gli animali non dovevano mica riprodursi: c'era solo Adamo ed era probabilmente vegetariano! 
Voi esegeti che sapete tutto, aiutatemi a capire dalle scritture quando il Signore decise di creare gli attributi sessuali.
Devotamente Vostro
Pio
»

lunedì 28 maggio 2018

Big bang theory e ambiguità sessuale: la settimana della creazione

« 
Esegeti della mia cippa!
Ma non capite una mazza! Ma davvero credete che la Bibbia dica cose serie? Guardate la Genesi ad esempio: Dio prima crea la luce e poi il Sole e le stelle. Ma vi sembra possibile? E da dove usciva la luce? Dal nulla? Ahahahaha
E l’uomo? Maschio e femmina li creò vero? E basta? Ma se in natura esistono centinaia di specie animali in cui l’omosessualità è diffusa ed esistono persino specie di uccelli dove è normale l’adozione da parte di coppie omosessuali che salvano le uova di troppo dai nidi ove verrebbero abbandonate o buttate a terra per covarle e crescerne amorevolmente i piccoli? Ma vi sembra possibile credere ancora a un libro del genere? Un libro di favole scritto da pecorai ignoranti che fumavano roba strana e poi credevano di sentire il loro Dio che gli parlava dai cespugli.
Sveglia!!!!111
Teo
»

lunedì 23 aprile 2018

Giovanni o Maddalena? Drag queen e transessualità alle radici del Cristianesimo


« 
Cari fratelli e sorelle,  
ho letto di recente un articolo dove venivano analizzate le opere d’arte medioevali e rinascimentali che ritraggono nell’ultima cena una ragazza semi addormentata sulle gambe di Nostro Signore. L’ipotesi più ragionevole è pensare che si trattasse di Maria Maddalena. Ho poi trovato nei Vangeli che Gesù le voleva molto bene e in diversi scritti si dice che la baciasse sulla bocca.
Ma allora ha ragione Dan Brown? Era la sua fidanzata o addirittura sposa segreta? Potrebbero avere avuto la figlia di cui parla il romanzo? Cosa ne pensate?
Pio Bernardo
»

giovedì 1 marzo 2018

Come fanno i musulmani a conquistare le donne cristiane?

«
Caro Moreno,
mia sorella, Federica, ha sposato un musulmano! Adesso lei si fa chiamare Aisha, e non esce più di casa, se non raramente, e quando la vediamo è sempre intabarrata come un fagotto. Non sono neanche sicuro che sia mia sorella, non la riconosco più. Ma come è possibile che succedano cose del genere? Noi in famiglia avevamo cercato di dissuaderla dal frequentare uno straniero così rozzo e primitivo, ma lei non ha sentito ragioni. Era completamente impazzita per lui! Non riuscivo a capire cosa possano trovarci le donne in tipi simili, finché un amico mi ha rivelato che gli arabi musulmani sono dotati di un sesso enorme e di conformazione particolare, grazie al quale riescono a mandare in estasi le donne. Ecco perché molte donne occidentali rinunciano alla civiltà e si lasciano irretire da questi selvaggi, arrivando a rinnegare la loro cultura e a convertirsi a quella religione brutale.
Purtroppo di fronte a questi mezzi, temo che la conversione in massa di moltissime donne occidentali proseguirà fino al punto da estinguere sia la nostra civiltà, che la nostra santa e vera religione Cristiana. Poi con un papa così smidollato per gli islamici sarà un gioco da ragazzi annientarci. Non dovranno nemmeno sbudellarci, ci faranno fuori a colpi di cazzo!!!
Mi domando però come facciano questi maschi ad essere così dotati. È una caratteristica della loro razza?
Tu che hai l'illuminazione direttamente dal Signore Gesù, puoi spiegare questo fenomeno?
Dio ti benedica, sant'uomo.
Riccardo
»