Cerca le Santissime Risposte

Caricamento in corso...

domenica 14 settembre 2014

Ora di Religione, educazione sessuale e scuola pubblica: cosa ne pensa Nostro Signore?

«
Cari Fratelli Illuminati,
Sta per iniziare la scuola per cui penso sia il caso di riflettere su come meglio utilizzare il tempo dei nostri ragazzi. Lo scorso anno si parlava di estendere a tutte le scuole di ogni ordine e grado l'eliminazione delle ore di arte e disegno. Effettivamente, come peraltro la maggior parte degli insegnamenti scolastici, si tratta di materie inutili.
Spesso opere blasfeme con donne e uomini nudi in pose lascive e concupiscenti sono mostrate ai bambini su libri mal scritti fianco a fianco con architetture di chiese e sculture a sfondo religioso mescolando in modo molto irriverente sacro e profano!
Cosa succede invece oggi? Il nuovo governo comandato da un ragazzetto che pensa di rabbonire i credenti facendo circolare le sue foto giovanili vestito da boy scout e da chierichetto fa circolare un documento intitolato La buona scuola: facciamo crescere il paese dove, non solo si dice che l'arte è materia importantissima per sviluppare la creatività, ma la parola religione non appare neanche una volta!

Il blasfemo libello del governo sul futuro ateo della scuola del peccato
La creatività? Follia e blasfemia: è Dio che crea, non gli uomini; occorre invece sviluppare la capacità di sottomettersi e servire il Signore!
Incrementare la storia dell'arte? Assurdo! Bisognava abolirla per salvare le anime dei nostri piccoli o, meglio, attribuirne l'incarico all'insegnante di religione che così avrebbe avuto a disposizione altre due ore settimanali; ovviamente l'insegnante dovrebbe comunque sentirsi libero di dare maggiore importanza all'insegnamento della fede; avrebbero potuto finalmente avere più tempo per le verifiche orali invece che farle scritte, quando si sa che i religiosi hanno una preferenza spiccata per l'approfondimento orale che consente di arrivare al cuore dei fanciulli e porvi il seme della fede.
L'arte certo ha diritto ad un suo spazio, ma solo per le opere a sfondo prettamente religioso, la bellezza in se di una Madonna o di un crocifisso per esempio del Masaccio non sono rilevanti, è importante invece il numero di credenti che grazie all'artista si sono potuti convertire alla vera fede; il nome dell'artista, la data di nascita e l'epoca non devono essere discriminatorie per il voto, sicuramente invece la chiesa in cui l'opera è esposta e la vita del santo a cui è dedicata, quelli andranno ripetuti a memoria.
Ho provato ad esporre tale idea ai fratelli della mia parrocchia, ma la cosa ha suscitato perplessità.
Cosa ne pensate voi Illuminati?

Devotamente vostro
Cristiano Esposito

»
Caro fratello in Cristo Cristiano,
Capisco la tua buona volontà, ma anche la perplessità dei tuoi parrocchiani.
Sei un buon cristiano, ma non essendo guidato dalla luce del Signore come noi Illuminati, la tua idea nella sua ingenuità non individua e non corregge l'assunto di fondo errato: l'insegnamento della religione, seppure con maggiori spazi, resterebbe comunque murato in un ghetto scolastico, rimanendo una materia senza voto, ininfluente sulla media scolastica e, di conseguenza, poco rispettata e poco studiata dai ragazzi.
Nostro Signore fortunatamente ci guida e illumina la nostra strada: è perciò che con sicurezza possiamo affermare che è necessaria invece una rivoluzione culturale a 90 gradi e, quindi, che gli atei pieghino le loro schiene di fronte alla fede abbassando il volto di fronte ai credenti e ai religiosi a lungo messi da parte.

La lezione di educazione fisica insegnerà agli atei a piegare la schiena
Occorre lottare perché il documento blasfemo di cui ci hai parlato sia radicalmente modificato, ma non tanto ambire a piccole migliorie, quanto per riprendere il controllo del completo ciclo educativo come propugnano da tempo i fratelli gesuiti; bisogna quindi procedere all'abolizione di entrambi i ghetti entro il cui recinto l'insegnamento della fede è oggi costretto: la scuola privata e l'ora di religione nella scuola pubblica.
L'insegnamento di Nostro Signore è l'unico che conta (Is 48, 17)
Dice il Signore, tuo redentore, il Santo d'Israele: «Io sono il Signore, tuo Dio, che ti insegno per il tuo bene, che ti guido per la strada su cui devi andare.» E come può essere possibile che a fare da tramite per tale insegnamento si accettino insegnanti miscredenti?
Bisogna semplicemente procedere all'assegnazione della gestione della scuola pubblica italiana direttamente alla Chiesa Cattolica; occorre perciò una modifica del Concordato, peraltro ormai datato; in base a questo nuovo Concordato, la scuola pubblica intanto non sarà più pubblica: aboliamo il termine pubblico, che potrebbe far credere, per antitesi agli atei di avere il diritto di aprire una scuola privata miscredente; la scuola unica e statale (ovvero finanziata con le tasse di tutti i cittadini essendo giusto che anche i miscredenti finanzino la crescita culturale del paese), dovrà essere gestita direttamente dal nuovo Ministero per la "Istruzione Religiosa, dei Seminari e dell’Esegesi" (ex pubblica istruzione, università e ricerca) con un Ministro scelto direttamente dal Vaticano, che diventerebbe automaticamente il Primo Ministro in quanto contemporaneamente anche Ministro del Signore infatti occorre che i controlli siano esercitati da un'autorità religiosa (Mt 21,24): Entrò nel tempio e, mentre insegnava, gli si avvicinarono i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo e dissero: «Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?». I sacerdoti controllano perché non sanno che Gesù insegnava per volontà del Padre, ma fanno bene a controllare: nessuno può insegnare nel tempio e nella scuola del Signore, se non è stato prescelto dai suoi vicari! E poi, basta questo lassismo illuminista e laicizzante della curia asservita a provveditorati scolastici atei, comunisti e femministi: d'ora in poi solo insegnanti religiosi in abito talare, infatti Nostro Signore ci dice degli insegnanti infedeli (Ez 22,16) ... violano la mia legge, profanano le mie cose sante. Non fanno distinzione fra il sacro e il profano, non insegnano a distinguere fra puro e impuro e ancora (Mc 12, 38) Diceva loro nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi ...» cioè dagli insegnanti laici. E cosa dice la Scrittura sul da farsi nei confronti degli insegnanti miscredenti? (Gv 9,34) Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori.
Ma soprattutto, niente femmine a insegnare come dice San Paolo: (1Tim 2,12) Non permetto alla donna di insegnare né di dominare sull'uomo; rimanga piuttosto in atteggiamento tranquillo. Le suore potranno collaborare alle lezioni, ma solo come supporto al sacerdote.
A tale scopo dovranno essere azzerate le graduatorie di tutte le materie ed ammessi all'insegnamento solo sacerdoti: la fede dovrà essere messa in evidenza dai programmi ministeriali di tutte le materie; ghettizzarla in una materia minore senza voto è infatti un'offesa al Signore! Per chi non lo sapesse è la tanto decantata a parole multidisciplinarietà, mai messa in pratica.
I programmi scolastici di tutte le materie andranno opportunamente rivisti da una commissione di esperti nominata dal nuovo Ministro:
Italiano: ovviamente alcune ore saranno dedicate alla sintassi e alla grammatica come si è sempre fatto, si tratta di una formazione essenziale, peraltro propedeutica allo studio della Bibbia e della Messa in latino.
Viene invece abolita l'antologia, oggi tempo perso a studiare poeti atei come Leopardi; viene sostituita con lettura e comprensione delle Sacre Scritture e delle vite dei Santi.
Lingua straniera: abolita, basta il latino! la carta geografica che vi mostriamo, oltre ad illustrare i programmi di geografia, dimostra inequivocabilmente a Nostro Signore che, grazie a Lui, abbiamo superato a pieni voti l'era iniziata con la torre di Babele in cui era stata punita la nostra arroganza. A livello di specializzazione, dopo le scuole superiori, solo a fini teologici verranno studiati greco antico, ebraico antico e sanscrito.
Informatica: purtroppo il mondo del web non può essere facilmente messo sotto controllo religioso, quindi lo studio degli strumenti informatici viene insegnato solo ai futuri sacerdoti nell'ambito degli studi teologici in seminario, il computer messo in mano a menti deboli e inesperte può essere strumento del demonio e portare alla perdizione.
Arte (religiosa): sicuramente come tu dici fratello l’arte non va eliminata come tentano di fare oggi i politici atei e corrotti, l’arte religiosa, le grandi architetture delle chiese gotiche e romaniche nel medioevo, del neoclassicismo, le grandi sculture e i grandi quadri a sfondo religioso vanno studiati e le storie dei santi rappresentate nelle opere imparate a memoria.
Storia: i programmi vanno rivisti ponendo l’accento sulla storia della chiesa; particolare rilevo va dato alle conversioni di massa operate in passato dai santi eserciti benedetti dal papato, i ragazzi si commuoveranno studiando l’estinzione di popoli blasfemi ed eretici quando entrati a contatto con la vera fede, per opera della spada di cavalieri guidati dal Signore come i Catari, o per opera del Signore stesso che ha usato i suoi paladini come veicoli inconsapevoli di germi e malattie innocue per i credenti, ma fatali per i pagani, come gli Incas! Per pluralismo si potrà parlare degli ortodossi, dei copti, anche della riforma protestante, ma indicandone i difetti rispetto alla vera fede che prende la sua forza dall'infallibilità papale su cui, purtroppo per loro, gli altri cristiani non possono contare.
Matematica, Fisica e scienza: come è noto, tutto è già nella Bibbia, ma una buona formazione scientifica può servire se indirizzata a dimostrare che la verità che scende dalla fede è insita nei numeri creati dal Signore; ad esempio nei licei scientifici il programma di fisica di terza dovrebbe essere dedicato allo studio della spiritodinamica unidimensionale e alla consacrazione dei gas perfetti; una volta capito come la scienza abbia dignità solo se asservita alla fede, “impara l’arte (matematica) e mettila da parte”; solo gli scienziati vaticani potranno continuare i loro studi.
Filosofia: solo il pensiero dei santi e dei filosofi antichi amati dai santi. Dei filosofi atei e maledetti solo i nomi a memoria perché i giovani possano evitarne gli scritti alla sola vista delle copertine dei libri.
Latino: finalmente si potrà procedere al corretto insegnamento della lingua del Signore; solo latino medioevale e solo scritti religiosi. Basta poeti profani e poetesse omosessuali! Una volta a regime si potrà finalmente tornare alla messa in latino in tutte le chiese!
Geografia: studio dei soli paesi dove è diffuso il cristianesimo. Sulle cartine del planisfero le aree abitate da pagani verranno segnate come non rilevanti. Le aree protestanti e ortodosse, leggermente ingrigite, ma visibili, le aree mussulmane saranno sostituite con l'oceano (sicuramente Nostro Signore provvederà prima o poi a correggere il problema).
Geografia delle religioni
Ginnastica: esercizi che ricordino la passione di Cristo e la preghiera: attrezzare le palestre con rampe in salita e farle percorrere ai giovani con una pesante trave sulle spalle; alzarsi in piedi e inginocchiarsi sui ceci ripetutamente; saltellare con le braccia aperte a rappresentare la croce che viene piantata in cima al Golgota; a fine lezione, siccome i bambini non hanno senso dell’igiene, doccia col prete di ginnastica che controlla se i ragazzi si lavano bene i genitali (solo fino a 12 anni, di quelli più grandi ci si fida abbiano imparato).
Educazione Sessuale: i giovani crescono senza sapere le cose basilari in campo sessuale e poi arrivano impreparati all'adolescenza cadendo immancabilmente nel peccato e nelle gravidanze, che sarebbero ben gradite a Nostro Signore se non ci fosse il rischio che molte bambine vadano ad abortire con ulteriore peccato mortale! Quindi, dai 4 ai 12 anni, tutti i pomeriggi il prete di educazione sessuale farà esercitazioni pratiche individuali e di gruppo; almeno una interrogazione individuale a settimana a tutti i bambini, da tenersi a porte chiuse per non violare la privacy del piccolo; l'insegnamento basilare riguarderà la natura peccaminosa del sesso prematrimoniale sotto i 12 anni, il fatto che si tratta di grave peccato e le pulsioni fra minori che non vanno assecondate: le lezioni incoraggeranno i ragazzi ad affidarsi e lasciarsi accogliere invece fra le braccia esperte di un religioso che saprà reindirizzare verso la fede e chi la rappresenta gli istinti dei giovani: non vorrete certo che i vostri giovani vengano edotti da una qualsiasi sciacquetta in tacchi a spillo o peggio laureata in medicina?
Scandalosa lezione di sesso: la mela proibita, l'energia della materia e il divertimento
associati da una lasciva e ambigua insegnante per di più femmina e non religiosa!
 
Un'ultima parola infine sugli istituti professionali: come è noto per un corretto instradamento al mondo del lavoro, le precedenti riforme avevano introdotto il principio dell'alternanza scuola-lavoro; sacrosanta riforma che aveva consentito agli imprenditori in difficoltà di disporre di mano d'opera gratuita e, al tempo stesso ai giovani di abituarsi a lavorare senza percepire alcun salario, superando così il concetto di mercificazione dell'uomo ed imparando a produrre per il piacere di essere utili alla collettività. Bene: la nuova riforma dovrà indirizzare tali attività in prima istanza alle strutture gestite dalla Chiesa Cattolica in modo da favorirne lo sviluppo e la crescita delle relative quote di mercato, in seconda istanza alle funzioni di supporto ai sacerdoti e allo svolgimento delle mansioni di chierichetto, solo in ultima istanza ad attività presso aziende di proprietà di imprenditori di comprovata fede cattolica.

Ovviamente la Chiesa dovrà essere molto rigida nella scelta degli insegnanti: un sacerdote che non abbia una istintiva attrazione e volontà di amare con tutto se stesso i bambini, che non senta il dovere di mettere la testa dentro di loro, non sarà considerato adatto all'insegnamento di nessuna materia ed, in particolare, dell'educazione sessuale. D'altra parte, cosa può garantire al meglio la laicità della scuola unica statale se non l'insegnamento da parte di sacerdoti? Chi meglio di un religioso può garantire imparzialità e consentire libertà di scelte morali ai giovani? Un ateo che ti obbliga ad essere marxista? Solo un sacerdote sa lasciare ai giovani la libertà se recitare prima l'avemaria e poi il pater o viceversa!
Fratelli combattiamo per un nuovo Concordato che liberi la scuola dall'ateismo!
Rifiutiamo il ghetto culturale subito per decenni da una Curia purtroppo sottomessa al potere politico degli atei!
Ci siamo fatti fuorviare dal particolare perdendo di vista l'universale: difendere la presenza del crocifisso nelle classi, quando la scuola è ormai perduta nelle mani degli miscredenti! è rimasta solo una croce, ma per tutti noi, il Cristo invece non c'è più perché non c'è nelle anime morte dei nostri giovani i cui pertugi sono troppo chiusi per lasciarlo entrare!
Cristo non c'è più nelle nostre scuole!
Chiamiamo il Cristo, lasciamo che i sacerdoti aprano i nostri giovani, che li penetrino con le loro teste e depongano di nuovo in loro il seme della fede perduta perché anche il Cristo vi possa rientrare!
Rivoluzione Cristiana per riconquistare la scuola!
Ricordate! i gesuiti, grandi istitutori, hanno detto "Datemi un bambino fino a dieci anni e io vi darò l'uomo", ma io aggiungo, dateglielo fino a dodici e sapranno come trovare la via per penetrare il suo cuore, per agitare dentro di lui una fede rigida come il legno, ma rovente come il ferro appena temprato, per nutrire i suoi visceri col caldo latte della conoscenza e donare la sua anima, ormai prostrata, alla penetrazione dell'amore nel nome del Signore.
Fondiamo insieme un nuovo movimento per la Rifondazione della nostra scuola: il "Movimento a una Stella", l'unica, quella della cometa che porta a Gesù; un movimento per la Rivoluzione Cristiana contro l'ateismo dilagante, un movimento che vuole nascere dalla rete come la Chiesa dei primordi nacque da una rete da pescatore, quella di Pietro. 

Portiamo avanti la nostra battaglia per l'introduzione di alcuni nuovi articoli essenziali per una buona Riforma della scuola: 
  • abolizione completa della blasfema storia dell'arte
  • cessione di tutte le ore di arte al professore di religione
  • eliminazione delle scuole private e dell'ora di religione 
  • eliminazione di ogni riferimento ad altre false religioni
  • tutti gli insegnanti devono essere scelti dalla Curia solo fra i sacerdoti che dimostrino grande trasporto e si dimostrino in grado di infilare il seme dell'amore divino più vicino possibile al cuore dei bambini
  • modifica dei programmi di tutte le materie per mettere in risalto la nostra fede abolendo gli argomenti laici ed atei (le materie più riottose saranno abolite come la storia dell'arte).

Dio lo vuole!

Benedittanza
quanta le ore di matematica sprecate a non contare i santi
quanta le preghiere non declamate all'inizio delle lezioni

quanta i crocifissi abbandonati, soli e piangenti sui muri atei delle nostre scuole
Tancredi

lunedì 8 settembre 2014

Sondaggi di Risposte Cristiane

Cari fratelli e sorelle in Cristo (ma soprattutto mi rivolgo alle sorelle), noi Illuminati cristiani vorremmo verificare quanto il nostro impegno nella divulgazione della Parola del Signore sia stato sinora efficace.

Quindi, un argomento per volta, vi proporremo alcuni sondaggi molto elementari. Per cominciare, poniamo una semplice domanda intesa ad accertare che sia stato ben compreso come evitare di commettere il peccato che, nella Bibbia, costò la vita e la dannazione eterna ad Onan: lo spreco del seme.

Poiché oggidì questo grave peccato mortale viene commesso frequentemente nell'esecuzione della fellatio (comunemente detta "pompino"), vi chiediamo di selezionare la vostra scelta nella colonna qui a fianco del titolo del post e di "clickare" su VOTO ...

quando fai un pompino:

a) ingoi subito tutto
b) sputi per conservare come materiale per realizzare le ricette di RC
c) sputi nello scottex e butti via
d) sputi nello scottex pieghi in 4 e lasci seccare per utilizzare per realizzare un infuso in un secondo tempo
e) sputi per terra

Il sondaggio avrà una durata di 30 giorni. È garantito l'anonimato di chi risponderà al sondaggio. Grazie della vostra collaborazione.

giovedì 4 settembre 2014

Annuncio degli Illuminati Cristiani

Mafalda: Salve a tutti cari amici che seguite fedelmente il blog "Risposte Cristiane", oggi è un giorno eccezionale perché tutti gli Illuminati collaboratori del blog sono riuniti per fare un annuncio straordinario. Ci troviamo in Svizzera, nella confortevole residenza dell'Illuminato Girolamo Di Dio che ha voluto ospitare i fratelli e le sorelle in Cristo per questa particolare occasione. Il buffet è molto ricco, ma prima di rifocillarci sentiamo che cosa hanno da dire gli Illuminati. La parola a Moreno Sponton...

Moreno: Carissima Mafalda, angioletto del Signore! Non puoi immaginare che gioia sia per me trovarmi qui con te e con tutti gli Illuminati. Ma vengo subito al punto. Il blog "Risposte Cristiane" continua a vedere una grande affluenza di visite, e molti lettori lasciano dei commenti che sono in realtà interlocutori, sono domande od osservazioni che meriterebbero una risposta e talvolta meriterebbero anche di essere sviluppate in discussioni vere e proprie. Questo nell'area commenti dei post è molto scomodo da realizzare, anzi direi praticamente non è possibile.

Mafalda: Capisco, quindi come si può rimediare?

Moreno: Il Signore mi ha ispirato e mi ha suggerito di aprire un forum dedicato ai lettori di "Risposte Cristiane". In questo modo i nostri lettori potranno porre le domande agli Illuminati, che saranno tutti Moderatori del forum, e attivare scambi di idee con noi e con gli altri lettori, il tutto per la maggior Gloria di Dio.

Egidio: Sì, ognuno di noi tratterà i quesiti attinenti alla propria competenza teologica e scritturale, e cercheremo di fornire risposte pronte e precise, con la consueta preparazione che deriva dai lunghi anni di studi e l'autorità che discende direttamente dall'ispirazione divina.

Mafalda: Tancredi, tu attualmente curi la rubrica della posta sul blog, questo nuovo assetto renderà inutile la rubrica? Verrà soppressa?

Tancredi: Assolutamente no, la rubrica resterà in funzione, per soddisfare le richieste di chi preferisce inviarci le domande per email, e ovviamente continueremo a pubblicare sulla pagina principale le domande che abbiano un interesse più generale.

Mafalda: Ah, ecco, quindi sul blog tutto continuerà come prima...

Moreno: Tutto continuerà come prima, salvo lo spazio per i commenti. Alcune risposte hanno raccolto un così grande interesse, da ricevere centinaia di commenti, e adesso risulta impraticabile anche solo scorrere le svariate pagine di commenti. Questa confusione viene superata grazie al forum, dove i lettori, una volta che si saranno registrati, potranno aprire topic specifici per discutere tutti gli approfondimenti di loro interesse, nel modo più chiaro e ordinato.

Egidio: È così, dolce Mafalda, continueremo a rispondere alle domande dei fedeli e a chiarire i loro dubbi sui grandi temi della Fede...

Benedetta: ...E naturalmente continueremo a rispondere a quesiti apparentemente banali ma cruciali per la gente comune, come per esempio lo sbiancamento anale, a cui i devoti cristiani non trovano riscontro nella dottrina ufficiale.

Profundo: Io penso che il forum contribuirà a far conoscere di più la Vera Parola di Dio tra i fedeli, oggi che tanti sono confusi e incerti e non sanno a chi rivolgersi... il nostro programma per il rafforzamento della Fede troverà nuova linfa!

Zaccaria: Profetizzo che il forum avrà un grande successo e un'ottima accoglienza da parte dei lettori di Risposte Cristiane, ci sarà molta partecipazione e i lettori potranno finalmente confrontarsi e scambiarsi utili informazioni sull'applicazione dei consigli che noi diamo attraverso il blog...

Joseph: ...Sarà molto interessante raccogliere notizie di prima mano sui miracoli a cui i lettori possono aver assistito, è da tempo che vorrei costruire un database completo degli eventi miracolosi.

Tomás: Io seguirò gli aspetti spirituali e corporali della penitenza, ho una profonda esperienza di penitenza e sofferenza e so che in questo campo senza sufficiente esperienza si possono verificare problemi molto fastidiosi. I fedeli lettori avranno con me un punto di riferimento sicuro per sapere come fustigarsi, come indossare correttamente un cilicio e persino come eseguire una impeccabile crocifissione!

Girolamo: Cari fratelli e sorelle in Cristo, recitiamo insieme una breve preghiera di ringraziamento al Signore e accostiamoci alla tavola imbandita... l'ora del desinare è arrivata! Dio, amante della vita, che nutri gli uccelli del cielo e vesti i gigli del campo, Ti benediciamo per tutte le creature e per il cibo che stiamo per prendere; e Ti preghiamo di non permettere che ad alcuno manchi il necessario alimento. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Mafalda: Cari lettori di Risposte Cristiane, arrivederci a presto sul forum, io mi affretto prima che l'arrosto sparisca tutto...

domenica 31 agosto 2014

Come divorziare cristianamente: il Privilegio Petrino

«
Caro Fratello Egidio,
spero che Lei mi possa aiutare.

Premetto che, ahimè, fino a pochi mesi fa ero un senza Dio poi, anche grazie alla Vostra testimonianza di Fede, ho abbracciato la Santissima Croce di nostro Signore e ho provveduto a sanare la mia posizione agli occhi dell'Onnipotente e della Sua Chiesa attingendo all'acqua purissima dei Sacramenti.
Circa venti anni fa per temporanee esigenze di lavoro dovetti trasferirmi nelle Filippine e colà contrassi matrimonio con una allora giovane ragazza di religione Buddhista.
Ella era un fiore appena dischiuso, profumava di miele e vaniglia, e sempre il grembo aveva ricolmo di uva dolcissima.
Adesso va per i trentacinque, la pelle è molliccia, l'alito le olezza come pesce putrido e le parti intime di fossa biologica.
È tanto il ribrezzo che da tempo ho rinunciato a ottemperare ai miei oneri matrimoniali, preferendo le cure di giovani professioniste.
Non abbiamo figli che sono stato ben attento a non mettere al mondo disgraziati meticci usando le pratiche da Voi consigliate.
Il Signore però soccorre chi in Lui crede e spera, così abbiamo assunto la figlia appena maggiorenne di una sua amica come governante.
Sapesse Padre che delizia, che anima candida, che soavità, che spirito generoso, compassionevole e incapace di alcuna malizia!


C'è miele e latte sulla sua lingua; 
nardo e zafferano, cannella e cinnamòmo sotto le sue vesti

Ovviamente tale creatura, battezzata nelle Filippine da vostro Fratello Illuminato Fecondo, risponde alle mie preghiere, ma, dato che sono più anziano di quasi mezzo secolo, ho un po' di imbarazzo a esporre a quella candida fanciulla il mio progetto, cioè cambiare il modello vecchio per il nuovo ma in stretta obbedienza ai precetti di nostra Santa Chiesa Apostolica Romana.
Voi come mi consigliate di procedere?
Alfredo
»

Carissimo Alfredo,
per semplicità di esposizione dividiamo il tuo quesito in due parti.

Per la prima questione riguardante il come arrivare ad impalmare la giovincella, argomento delicatissimo, per non turbare le anime candide che ci seguono ti risponderà in privato Sorella Benedetta, appassionata collaboratrice di lungo corso di Don Fecondo, la cui cappella, fervente di zelo missionario, è da anni molto attiva nelle Filippine, spargendo instancabilmente Santissimo Spirito sulle assetate anime.

Anche se suppongo tu già lo sappia grazie ai tuoi viaggi di lavoro l'unico consiglio che mi permetto di pubblicare in questo luogo è di non demordere di fronte alle sue proteste e ai suoi strepitii.

È infatti equivoco comune attribuire alle apparenti ritrosie delle donne di quel popolo lo stesso significato dei dinieghi delle donne nate nell'ambito della nostra cultura Cattolica.

Le orientali invece anelano ad essere forzate.

Esempio di corretta tecnica di corteggiamento
Qualora si mostrasse pervicacemente riottosa suggeriamo di farla soggiornare per un periodo presso uno dei nostri conventi cosicché venga amorevolmente educata e preparata al Sacramento Matrimoniale.
Rieducazione in Convento
Lì un nostro Staff saprà ben infonderle il timor di Dio e l'amore gratuito per il suo prossimo, permettendo così di farla avvicinare intimamente alla Grazia di Cristo Gesù, di far affiorare in lei pienamente quel Divino anelito, quella passione per il suo Signore e Padrone che a giudicare dalla foto già traluce in lei.

Il secondo nodo da sciogliere è come risolvere in Gesù Cristo il tuo concubinaggio con la pagana. 
Dopo diligente esame del problema, ringraziando il Cielo ci è venuto in soccorso, ex plenitudine auctoritatis suae vicariae, il Privilegio Petrino attraverso il Canone 1142 che recita: 
"Il matrimonio non consumato fra battezzati o tra una parte battezzata e una non battezzata, per una giusta causa può essere sciolto dal Romano Pontefice, su richiesta di entrambe le parti o di una delle due, anche se l'altra fosse contraria"

La Congregazione per la Dottrina per la Fede ha chiarito i dubbi che alcuni sciocchi sollevavano rispetto al "non consumato" se cioè tale requisito fosse necessario anche nel matrimonio tra un Cristiano e una infedele: infatti in "Istruzioni sullo scioglimento del matrimonio in favore della fede" (Roma, 6 dicembre 1973) omettendo le parti che non riguardano la tua situazione si legge:


I. Affinché lo scioglimento sia concesso validamente si richiedono tre condizioni assolutamente necessarie:
a) che uno dei coniugi non abbia ricevuto il battesimo in tutto il tempo della sua vita coniugale;
b) che non ci sia stato uso del matrimonio dopo l'eventuale battesimo ricevuto dalla parte che non era battezzata;

Omissis


II. Inoltre si richiede:
§1. Che non sia data nessuna possibilità di ristabilire la vita coniugale, permanendo un dissenso radicale e insanabile.
E come si potrebbe pretendere un tale sacrifizio da parte tua?

§2. Che dalla concessione dell'indulto non derivi pericolo di scandalo pubblico o di grave meraviglia.
Lo scandalo sarebbe continuare in questo rapporto, esso sì abominio agli occhi del Signore e della Comunità.

§3. Che la parte richiedente non sia stata causa colpevole del naufragio del matrimonio legittimo, e la parte cattolica, con la quale si deve contrarre o si deve convalidare le nuove nozze, non abbia provocato essa stessa per propria colpa la separazione dei coniugi.
Se è divenuta una cofana non è colpa tua.


Omissis

V. Lo scioglimento del matrimonio legittimo, contratto con dispensa dall'impedimento di disparità di culto, non viene concesso alla parte cattolica che ne faccia richiesta per passare a nuove nozze con un non battezzato che non si converte.

La pratica per l'annullamento sarà ancor più agevolata perché il tuo empio matrimonio non è certo benedetto dall'Altissimo e per tale fattispecie è scritto, ed è Parola di Dio:

  •  (Deuteronomio 24:1) Quando un uomo ha preso una donna e ha vissuto con lei come marito, se poi avviene che essa non trovi grazia ai suoi occhi, perché egli ha trovato in lei qualcosa di vergognoso, scriva per lei un libello di ripudio e glielo consegni in mano e la mandi via dalla casa.
  • (Esodo 21:14) Se in seguito non ti piace più, la lascerai andare dove vuole, ma non la potrai affatto vendere per denaro né trattarla da schiava, perché l'hai disonorata.

Come vedi la tua intenzione è cosa gradita all'Altissimo e alla Sua Chiesa.


Per sicurezza ti raccomando efficacemente, prima di condurla all'altare, di fare esaminare scrupolosamente la di lei rettitudine dal tuo Sacerdote o, meglio ancora, dalla apposita commissione di Illuminati (telefonare ore pasti) che vanta una secolare esperienza in materia.
Il nostro beneamato fondatore con una esaminanda 

Che il signore ti conceda benedittanza e vigore delle membra.


Ad maiorem Dei gloria tuo in Cristo Redentore,
Fratello Egidio

giovedì 31 luglio 2014

La teoria di Einstein è anticristiana?

«
Egregio Moreno,
sono un cristiano cattolico appassionato di Storia della Chiesa. Di recente ho studiato più approfonditamente la vicenda del famoso processo a Galileo Galilei. Mi sembra di capire che la Chiesa non fosse contraria alle ipotesi eliocentriche, purché considerate come mero espediente matematico per agevolare il calcolo dei movimenti planetari. Per contro il Galilei pretendeva che tale teoria fosse considerata una realtà fisica. Infatti il cardinale Bellarmino, nella Lettera al Padre A. Foscarini, il 12 aprile 1615 scrive: "Dico che quando ci fusse vera demostratione che il Sole stia nel centro del mondo e la Terra nel terzo cielo, e che il sole non circonda la terra, ma la terra circonda il sole allhora bisogneria andar con molta consideratione in esplicare le Scritture che paiono contrarie, e piú tosto dire che non l'intendiamo che dire che sia falso quello che si dimostra. Ma io non crederò che ci sia tal dimostratione, fin che non mi sia mostrata".

Dalle parole del cardinale Bellarmino risulta che la Chiesa non era, in definitiva, interessata a prendere posizione sul sistema copernicano in sé, ma solo nella misura in cui questo era proposto come unica descrizione scientifica dell'universo, tale da costituire criterio di interpretazione delle Sacre Scritture. A Galilei, insomma, fu rimproverato il fatto di aver esorbitato dalla sua competenza scientifica fisico-matematica e di aver preteso di cimentarsi senza titolo nell'esegesi della Parola di Dio. Inoltre Galilei non disponeva ancora di prove certe e inconfutabili a sostegno dell'eliocentrismo, e per esempio adduceva tra l'altro come argomento l'esistenza delle maree, che invece gli astronomi gesuiti collegavano non alla rotazione della terra (errato) ma all'attrazione lunare (corretto).

In conclusione mi sembra che la condanna di Galilei sia stata più che motivata e legittima. Sarei onorato di conoscere il suo pensiero di fine esegeta al riguardo.

La ringrazio dell'attenzione, distintamente,
Romano
»

Caro Sig. Romano,
sono fiero della sua stima e la ringrazio di tenermi in così grande considerazione; purtroppo io non sono particolarmente ferrato in campo scientifico, e qui ci vorrebbe davvero l'Illuminato Joseph a risponderle, ma il nostro coltissimo fratello è impegnato in uno stage di alto profilo che lo terrà occupato ancora a lungo, perciò per non farla aspettare cercherò di rispondere io alla sua domanda.

Dunque, la condanna di Galileo o meglio della sua bislacca teoria eliocentrica da parte della Chiesa è stata sicuramente giustissima ed ha anticipato i risultati di un esperimento che in tempi più recenti ha dato piena conferma della verità delle Scritture. Giova ricordare infatti che la Bibbia è Parola di Dio, ed è perciò esente da errori.

L'esperimento a cui mi riferisco fu condotto nel 1887 da Michelson e Morley, due scienziati americani. Michelson nel 1907 ricevette il Nobel per questo esperimento, ma purtroppo la realtà rivelata da questo esperimento è stata ed è tuttora ignorata dalla scienza ufficiale.

In sintesi, l'esperimento consistette nella misura, per mezzo di un interferometro progettato dallo stesso Michelson, delle frange di interferenza di due raggi di luce misurati prima in direzione del (presunto) movimento di rivoluzione della Terra, e poi in direzione contraria.
L'esperimento si prefiggeva di misurare la "composizione" (addizione o sottrazione) della velocità della luce nell'etere con la velocità dell'osservatore.
La meccanica razionale, la classica relatività Galileiana, ci dice infatti che le velocità degli oggetti in movimento si sommano e si sottraggono a seconda del caso.
Un esempio: se da un treno in corsa a 30 Km/h lanciamo dal finestrino un'oggetto con velocità pari a 20 km/h in direzione del moto, le 2 velocità treno + oggetto andranno a sommarsi e l'oggetto, prima di perdere velocità, viaggerà a 50 km/h. L'oggetto lanciato invece in direzione contraria al moto del treno, raggiungerà in sottrazione la velocità di soli 10 km/h. (Attenzione: questo esempio non deve essere considerato un'istigazione a lanciare oggetti da un treno in corsa! Questo non si deve mai fare!)

Michelson e Morley seguirono il medesimo principio e lo utilizzarono con gli oggetti più veloci conosciuti: la Terra e un raggio di luce.
La luce possiede una velocità misurabile e quantificabile in circa 300.000 Km/s, mentre il nostro pianeta nel suo presunto moto orbitale, avrebbe una velocità di circa 30 km/s.
Tra la composizione e la sottrazione delle due velocità, Terra/raggio, si sarebbe sempre dovuto riscontrare un chiaro scarto di 30 Km/s, ma il risultato fu invece sempre quasi nullo: il raggio viaggiava sempre a 300.000 Km/s senza sommarsi alla ipotetica velocità della Terra.

Se il raggio era chiaramente in moto, non si poteva più dire altrettanto della Terra che risultava immobile: 10 + 10 deve risultare 20. Da questa lapalissiana evidenza, non si sfugge.

La comunità scientifica alla notizia dei dati forniti rimase atterrita, sconvolta, ammutolita… La scienza non può, per costituzione, inserire tra le sue leggi il "fattore Dio", e accettare le evidenze sperimentali sarebbe equivalso a farlo.
Il dottor Nourissat spiega: Questa soluzione semplice - il geocentrismo - fu rifiutata per ragioni filosofiche: l'opinione sapiente dell'epoca si rifiutava di concepire l'intervento di un Essere intelligente che, a dispetto del "caso", avrebbe disposto la nostra terra in un luogo privilegiato dell'universo; non si voleva tornare all'idea di Creazione.

Si tentò subito di mettere in dubbio l'esperimento. Esso era stato perfezionato da Michelson e Morley dal 1881 al 1887; fu ripetuto da Morley e Miller nel 1904 e nel 1905; poi solo da Miller nel 1921. Piccard, un belga, lo ripetè a 2500 m di altezza nel 1926. Fu ripreso all'università di Nizza nel 1977. Il risultato fu sempre confermato: la velocità assoluta dell'osservatore terrestre non può che essere molto più piccola di 30Km/sec.

Si doveva quindi trovare un'altra soluzione: nel 1892 Fitzgerald immaginò una dilatazione materiale dei bracci dell'interferometro sotto la pressione delle velocità. Nel 1904, Lorentz, un olandese, propose al contrario una contrazione!
Nel 1905, giunse sul palcoscenico Albert Einstein che propose una delle teorie più paradossali mai viste nella storia della fisica. Fu la nascita della relatività ristretta.

Einstein dichiarò che l'etere non esisteva, la teoria di Einstein fu adottata dalla maggioranza degli studiosi e l'esperimento di Michelson cessò di essere un problema. L'opinione sapiente accettò poco a poco questo postulato; bisognò dunque abbandonare l'idea di un mezzo reale, supporto delle onde luminose (l'etere) per giustificare questa strana costanza della velocità della luce, quale che sia la velocità propria dell'osservatore. Da ciò una doppia difficoltà: la luce, pensata come un'onda, si propagherebbe senza mezzo vibrante; essa diviene come un'onda senz'acqua, o un suono senz'aria, pura entità matematica per i calcoli del fisico, allorché i fenomeni luminosi sono ben reali: effetto fotoelettrico, fotosintesi della clorofilla, etc. Ma al tempo stesso, la luce, pensata come "corpuscolo" (il fotone) non obbedisce alle leggi della meccanica dei corpi. Orbene, un raggio di luce che attraversa un vetro è rallentato dal vetro che è più rifrangente dell'aria, ma riprende subito la sua velocità dall'altra parte del vetro! (Da dove gli viene l'energia necessaria per questa accelerazione?).

La sola ragione d'essere di questi paradossi, come delle acrobazie mentali incorporate alla Teoria della Relatività (contrazione delle lunghezze, allungamento del tempo con la velocità, etc.) risiede nell'esperimento di Michelson-Morley: inattaccabile nella sua realizzazione, ma "bisognava" a tutti i costi interpretarlo senza rinunciare all'eliocentrismo.

Quello di Einstein fu un escamotage matematico che piegava platealmente i dati, così da poter riconfermare l'eliocentrismo; ne conseguì una visione e una distorsione paradossale del mondo, perchè se si manipolano dati reali anche la realtà ne viene intaccata. Da qui i famosi paradossi dei gemelli, delle distorsioni temporali, della materia che si accorcia etc. etc.

Senza voler entrare in "matematismi", poiché con la matematica si può dimostrare tutto e il contrario di tutto, si disse che alla luce, promossa a costante assoluta ed universale, non si dovevano più sommare altre velocità, e la formula congegnata, "taglia", in sintesi, tutto ciò che può superare il valore del vettore "c", la luce, che è come dire che 10 + 10 può risultare 20 ma, a seconda dei casi, può risultare anche 10!

A questo conduce la smania di voler dimostrare che la Terra è un indegno granello di polvere che vaga, per caso, nell'universo.

Ma nel 1924, quando ormai Einstein aveva fatto tirare un sospiro di sollievo all'establishment scientifico, Michelson fece un nuovo esperimento dando la prova definitiva che la Terra è pressochè immobile e che non è necessario arrampicarsi sugli specchi con teorie complicate.

Lo scopo del nuovo esperimento era di misurare l'effetto della rotazione della terra sulla velocità della luce - esso mirava a mettere in evidenza il movimento diurno della terra attorno al suo asse, la cui velocità tangenziale raggiunge 463 m/sec all'equatore. Come per l'esperimento del 1887, si utilizzò un interferometro per osservare lo sfasamento delle onde luminose provocato dal movimento della Terra.

Benché il movimento da mettere in evidenza fosse, alla latitudine di Chicago, quasi 100 volte più piccolo che nel primo esperimento, il risultato fu questa volta un pieno successo: esso confermava con precisione la velocità del movimento diurno della terra in rapporto all'etere, e la sua composizione con la velocità della luce. Il cammino percorso dai due raggi era esattamente lo stesso, le frange di interferenza osservate rendevano manifesta l'influenza della rotazione della terra sulla velocità apparente della luce. Misurando con un procedimento ottico la rotazione diurna della terra, l'esperimento del 1924 provava non solo che la velocità della Terra e la velocità della luce si compongono, ma anche che l'etere esiste. La validità scientifica dell'esperimento del 1887 era così confermata: se il movimento supposto della Terra attorno al sole non era stato evidenziato, è perché non esisteva.

Questo secondo esperimento è rimasto poco conosciuto, forse perché non se ne valutarono allora tutte le implicazioni. Siccome la teoria di Einstein era stata largamente accettata nel mondo scientifico, un esperimento che suggeriva che uno dei postulati della relatività ristretta era falso non poteva essere preso sul serio; ma esso provava anche che la velocità della Terra attorno al proprio asse era conforme al calcolo teorico, e per gli sperimentatori interessati, questo risultato sembrava sufficiente. Affermare dunque che la Terra non si sposta, non è il frutto di speculazioni astratte, ma il risultato di un fatto osservabile sperimentalmente.

La conoscenza di questo fatto non si è diffusa perché esso conferma l'esattezza dell'insegnamento della Chiesa concernente la posizione unica della Terra al centro dell'universo e ci insegna che la Chiesa aveva ragione a condannare la tesi eliocentrica di Galileo. Questo fatto manifesta anche che i filosofi materialisti sui quali si fonda tutta la scienza comune (e che vogliono che il discorso scientifico escluda ogni allusione al Creatore) non si giustificano. Esso mostra infine che, se le teorie scientifiche non si mettono in armonia con la Rivelazione, ci si accorgerà presto o tardi – ma dopo aver distrutto nel frattempo le radici della fede religiosa - che i loro princìpi erano falsi. Dopo aver preso conoscenza dei due esperimenti di Michelson, non si può più credere che questa sorta di ateismo epistemologico al quale si riducono gli uomini di scienza sia una condizione necessaria per l'oggettività delle loro teorie. Appare, al contrario, che questo pregiudizio antibiblico è altrettanto nefasto per la scienza che per la fede. Esso ha condotto i fisici ad architettare delle teorie contrarie al senso comune e contraddette dagli esperimenti. Soprattutto ha relegato l'osservazione dei fatti alla conclusione del pensiero scientifico, allorché i fondatori delle scienza sperimentale dell'occidente, da Ruggero Bacone, lo ponevano all'inizio. In questa prospettiva tutte le ipotesi sono considerate come ammissibili a priori (salvo, in pratica, quelle che sarebbero in conformità con la Rivelazione). Poi, su queste supposizioni, si elabora una teoria. Da questa attitudine risulta una scienza effimera i cui concetti fondamentali devono essere successivamente abbandonati. Secondo la parola di Antoine Béchamp, nel 1876: si suppone, si suppone sempre, e di supposizione in supposizione si finisce per concludere senza prove…

In effetti, quali prove abbiamo del movimento della Terra? A pensarci bene, nessuna. È l'opinione comune del mondo scientifico che è passata senza prove dal geocentrismo all'eliocentrismo. Oggi che i fatti sperimentali confermano la validità del geocentrismo, gli uomini di buona volontà dovrebbero comprendere poco a poco che, rifiutandolo, non si fa solo ingiuria all'Autore delle Sacre Scritture, ma che si mette in pericolo il pensiero di subordinazione al reale che ha guidato dall'origine la nostra scienza "sperimentale". Si verifica così la massima di Fernand Crombette: La fede, lungi dall'essere lo spegnitoio della scienza e dello spirito, ne è la vera luce.

La Nuova Fisica fonda le sue radici in Einstein, si ingarbuglia con le leggi di probabilità, con l'indeterminismo, con la fisica quantistica: fa un vero e proprio ingresso nel mondo dell'irreale, del fantastico, e del paradosso promosso a realtà. Perfino Einstein però si rese conto ad un certo punto, della perdita di contatto sempre più palese della Nuova Fisica con la realtà: Dio non gioca a dadi esclamò. Ma neppure lui venne più ascoltato.


La nuova fisica è simile alla fiaba di Alice nel Paese delle Meraviglie: agli studenti viene chiesto di mettere da parte ogni buon senso logico e di prepararsi ad un viaggio nel "fantastico" e nel "paradossale" - un vero indottrinamento mentale - un mondo dove gli oggetti appaiono e scompaiono magicamente, dove nulla è sostanzialmente nè reale nè concreto, un mondo soggettivo come un sogno dove è l'osservatore ad essere protagonista e perfino creatore della realtà.

Vengono introdotti concetti più filosofici che fisici, del tutto simili alle teorie eretiche che vediamo nascere oggi in seno alla Chiesa Cattolica: modernismo, immanentismo, relativismo, quello scivolare cioè, nell'esperienza soggettiva relegando l'oggettività, la schietta veracità di un mondo concreto, tangibile, palpalbile e descrivibile, come insegna da sempre la Scolastica, in un profondo dimenticatoio.

La Nuova fisica poi non esclude il panteismo, l'uomo-dio, e soprattutto un fondamentale connubio con le religioni orientali. Quante volte ci dovremo ancora dimenticare di ciò che Iddio ci ha rivelato! La Redenzione di Cristo, il centro di tutta la Creazione e di tutto ciò che è al di fuori di Dio! La Redenzione, il Sacrificio del Figlio unigenito del Padre, nucleo e centro di tutta la storia umana… La Sua Santissima morte in Croce, localizzata e localizzabile su coordinate precise, il Golgota, che diviene il centro e il nucleo del Creato e dell'Universo, il centro di tutto quello che è composto di materia e spirito.

Il Signore mise lo scompiglio in mezzo a loro dinanzi ad Israele, che inflisse loro in Gàbaon una grande disfatta, li inseguì verso la salita di Bet-Coron e li battè fino ad Azeka e fino a Makkeda. Mentre essi fuggivano dinanzi ad Israele ed erano alla discesa di Bet-Coron, il Signore lanciò dal cielo su di essi come grosse pietre fino ad Azeka e molti morirono. Coloro che morirono per le pietre della grandine furono più di quanti ne uccidessero gli Israeliti con la spada. Allora, quando il Signore mise gli Amorrei nelle mani degli Israeliti, Giosuè disse al Signore sotto gli occhi di Israele: «Sole, fèrmati in Gàbaon e tu, luna, sulla valle di Aialon». Si fermò il sole e la luna rimase immobile finché il popolo non si vendicò dei nemici. Non è forse scritto nel libro del Giusto: «Stette fermo il sole in mezzo al cielo e non si affrettò a calare quasi un giorno intero. Non ci fu giorno come quello, né prima né dopo, perché aveva ascoltato il Signore la voce d'un uomo, perché il Signore combatteva per Israele»? (Giosuè 10,10-14).

A me sembra di vedere un mondo che non si smentisce mai e che ripete sempre gli stessi errori scaturiti da quell'ego frustrato e squilibrato dal peccato originale! Almeno noi Cristiani Cattolici rimaniamo in Cristo e nelle prove scientifiche che Dio ci ha donato con semplicità.

La benedittanza del Signore Gesù ti guidi sempre,
Moreno

venerdì 4 luglio 2014

I messaggi della Madonna di Medjugorje finiranno?

«
Caro Zaccaria,
permettimi di presentarmi: sono una giovane madre di cinque figli, tre maschi e due femmine, che sto crescendo nella Fede e nella devozione al Signore Gesù e alla Beata Vergine e a tutti i santi.

Sono appena tornata da un pellegrinaggio a Medjugorje con un viaggio organizzato dalla mia parrocchia, è stata una bella esperienza anche perché non ero mai stata così lontano da casa. Laggiù ho assistito all'apparizione della Madonna alla veggente Mirjana il giorno 2 luglio, è stata un'apparizione molto bella e suggestiva.

Io non sapevo quasi nulla della storia delle apparizioni, ma durante il soggiorno a Medjugorje ho sentito che i veggenti sono depositari di dieci segreti rivelati loro dalla Madonna. Questi segreti un giorno saranno resi noti a tutto il mondo, prima che si verifichino. Si tratta quindi di profezie.

Ora sono molto preoccupata perché temo che, se i segreti devono essere rivelati dalla veggente Mirjana finché è ancora in vita, non mancherà molto tempo che gli eventi catastrofici predetti dai segreti si realizzino. Temo per la sorte dei miei figli, ancora in tenera età (il più grande ha 10 anni). Che ne sarà di loro? Che cosa li aspetta? Tu sai forse quando si esauriranno le apparizioni?

Grazie del conforto che potrai darmi,
Liliana
»

Gentilissima Liliana, cara sorella in Cristo,
in effetti è come dici tu: i veggenti di Medjugorje sono depositari di dieci segreti, rivelati loro dalla Beata sempre Vergine Maria nel corso delle sue apparizioni.

Tre dei sei veggenti, quelli che non hanno più le apparizioni quotidiane ma soltanto annuali, affermano di aver già ricevuto dieci segreti. Gli altri tre invece ne hanno ricevuti nove. Nessuno dei veggenti conosce i segreti degli altri e fra loro non ne parlano. Si sa tuttavia che i dieci segreti sono uguali per tutti.  La veggente Vicka in proposito ha detto: Tra noi veggenti non parliamo mai dei segreti, ma credo che i dieci segreti siano uguali per tutti.

È però la veggente Mirjana che ha ricevuto dalla Madonna il compito di rivelare i segreti al mondo prima che accadano. Essi riguardano un futuro non molto lontano, in quanto sarà Mirjana e un sacerdote da lei scelto a rivelarli. Si può ragionevolmente arguire che essi non incominceranno a realizzarsi se non dopo che anche il decimo e ultimo segreto sarà rivelato a tutti e sei i veggenti.

Riguardo alle modalità di rivelazione dei segreti, Mirjana afferma: La Madonna mi ha detto di scegliere un sacerdote a cui rivelare i segreti ed io ho scelto il padre francescano Petar Ljubicic. Dieci giorni prima della realizzazione del segreto, io gli dirò che cosa sta per succedere e dove. Dobbiamo trascorrere sette giorni nel digiuno e nella preghiera e tre giorni prima lui rivelarà il segreto al mondo. Lui è tenuto a rivelare il segreto, non ha la possibilità di scegliere se farlo o meno.

Sul contenuto dei segreti non si sa quasi nulla. I primi due segreti pare che siano ammonimenti al mondo perché si converta. Il terzo segreto, invece, la Madonna ha permesso ai veggenti di rivelarlo in parte e tutti i veggenti sono concordi nel descriverlo: Ci sarà un grande segno sulla collina delle apparizioni, come un dono per tutti noi, perché si veda che la Madonna è presente qui come nostra mamma. Sarà un segno bellissimo, che non si può costruire con mani umane, indistruttibile, e che resterà sulla collina in modo permanente.

Infatti, nel messaggio del 23 dicembre 1982 la Madonna ha detto: Tutti i segreti che ho confidato si realizzeranno e anche il segno visibile si manifesterà. Ma non aspettate questo segno per soddisfare la vostra curiosità. Questo, prima del segno visibile, è un tempo di grazia per i credenti. Perciò convertitevi e approfondite la vostra fede! Quando verrà il segno visibile, per molti sarà già troppo tardi.

Ecco perciò l'importanza di mantenersi nella Fede e seguire la via del Signore. Chi si mantiene su questa via non avrà nulla da temere.

Inoltre, i messaggi da parte della Beata Vergine non si esauriranno presto. Noi di Risposte Cristiane siamo in grado di mettere a disposizione dei nostri lettori un mezzo per avere ogni giorno ma anche anche ogni minuto, volendo, un nuovo messaggio della Madonna di Medjugorje che sia loro di guida per continuare a seguire gli insegnamenti di Maria e lasciarsi condurre verso la salvezza.

In esclusiva per i fedeli lettori di Risposte Cristiane, in virtù di una speciale Grazia della Beata Vergine, ad ogni click sul bottone qui sotto, la Gospa scriverà un nuovo messaggio direttamente su questa santa pagina.

Pace e benedittanza,
Zaccaria