Cerca le Santissime Risposte

Caricamento in corso...

mercoledì 29 luglio 2015

Sgrillettarsi durante la penetrazione è gradito al Signore?

«
Buongiorno Fratelli,
sono una ragazza molto devota. Cerco sempre di fare nella mia vita la volontà di Dio, ma non sempre il Signore mi illumina la via in modo chiaro.
Per esempio, ho conosciuto un paio di anni fa un giovane musulmano e abbiamo deciso di sposarci con la benedizione del nostro Parroco.
Come voi ci insegnate, anche se è possibile darla via prima del matrimonio, è anche bello mantenere la propria purezza per godersi meglio la prima notte nel nome del Signore.
Capirai quindi la delusione quando abbiamo fatto l’amore la prima volta.
Io non avevo mai visto un uomo nudo, ma a vedere quel mignolino spuntare appena bello diritto in mezzo a un cespuglietto di peli mi è venuto quasi da ridere e sono riuscita a trattenermi pensando che forse era un dono del Signore che voleva evitarmi il dolore della perdita della verginità!
Ve bene, niente dolore non è stata una brutta cosa, ma il problema è che quando me lo ficca dentro, non sento praticamente niente e per raggiungere l’orgasmo, l’unica soluzione è smanettarmi il clitoride da sola mentre lui mi penetra alla missionaria agitandosi come un matto.
Vi chiedo: è peccato mortale smanettarsi mentre il mio amato si dà tanto da fare guardandomi negli occhi? Vi ringrazio anticipatamente sperando in una solerte risposta perché l’ultima volta che ho provato a parlarne col parroco durante la confessione non ho avuto una risposta molto chiara ed, uscendo dal confessionale, l’ho visto visibilmente turbato, tutto sudato, rosso in faccia e con le mani coperte di bagnoschiuma.
Che dio vi benedica e vi illumini
Violetta
»

 Sorella in Cristo Violetta,
quale gioia conoscere una giovane di fede.
Chiariamo subito che il dono della verginità fatto al Signore e al tuo amato è molto importante, infatti è scritto (Cant 4:12) O mia sorella, o sposa mia, tu sei un giardino serrato, una sorgente chiusa, una fonte sigillata e, soprattutto, (Cant 4,7) anche tu sei tutta bella, amica mia, e in te non c’è macchia: quindi una santa ragazza tiene la sua fonte ben sigillata ed evita che sia macchiata del sangue della perdita della verginità prima del tempo.

Non è certo un problema la sua diversa religione se ti darà tanti bei bambini devoti a Cristo, alla Madonna e a tutti i Santi alla faccia di Maometto.
D’altra parte, come abbiamo detto in altri articoli (Darla via prima del matrimonio nel nome del Signore), purtroppo i nordafricani non sono molto dotati e soffrono di grandi complessi ritrovandosi a sud africani a cui penzola fino al ginocchio e a nord noi italiani che, ringraziando il Signore, non ci facciamo certo mancare i centimetri necessari.

 
 Rocco ci fa capire le dimensioni del dono ricevuto da Nostro Signore:
grazie a lui sulla cartina qui sotto siamo gli unici in blu!

Dimensioni del pene nel mondo: i mussulmani non sono messi tanto bene rispetto ai vicini! 
D’altra parte la barbara pratica dell’infibulazione, tipica delle popolazioni islamiche, consiste proprio nel cucire la vagina per farla diventare più stretta in modo da consentire al maschio sottodotato di provare qualcosa: Maometto l’ha sicuramente inventata quando la sua sposa bambina si presentò al primo rapporto con la lente di ingrandimento!
È quindi assolutamente tuo dovere di devota moglie cristiana non far notare a tuo marito che, per l’esiguità delle sue doti, non è in grado di farti raggiungere l’orgasmo; d’altra parte i suoi genitori quando pregavano per lo sviluppo del suo pene pregavano il dio sbagliato, cosa che ai cristiani, ovviamente, non può succedere, come abbiamo già detto in Pregare Gesù per lo sviluppo del pene.
Tu penserai allora “devo forse simulare?”.
La soluzione corretta è proprio quella che proponi tu: sgrillettandoti alla grande il clitoride mentre lui ti penetra (senza enfatizzare troppo il gesto come a rimarcare le sue scarse doti), aumenterai notevolmente la tua sensibilità per cui raggiungerai un orgasmo sincero e sentirai ancora meglio la presenza di quel poco che lui ha da offrirti (d’altra parte non sapremo mai se è il batacchio troppo piccolo o la campana troppo larga).

Per evitare sia di farti notare, che l'imbarazzo dell'essere guardata negli occhi mentre te la smanetti selvaggiamente, ti consigliamo la posizione cosidetta "alla pecorina" che, nel mantenere la dovuta sottomissione secondo gli insegnamenti di San Paolo, (1Cor 14, 34) le donne ... stiano invece sottomesse, come dice anche la Legge, ti consentirà di passare completamente inosservata. 

Non disdegnare neanche di prendere in mano il suo pistolino per aiutarlo a raggiungere la giusta dimensione con una benedetta stimolazione, infatti è scritto della santa donna: (Pro 31, 19) Stende la sua mano alla conocchia e le sue dita tengono il fuso. Ricorda che edificare le dimensioni del pene per il piacere del tuo amato è tuo dovere di consorte e gioia: (Rm 15,2) Ciascuno di noi cerchi di piacere al prossimo nel bene, per edificarlo e dovrai farlo con ogni mezzo! 


Ricorda che pratiche erotiche fruttuose creeranno un forte coinvolgimento in tuo marito facilitandone la conversione alla vera fede, come giustamente è scritto (Mt 3,8) Fate dunque un frutto degno della conversione.

Ricorda infine che un pene piccolo può darti altre soddisfazioni. Intanto ti consigliamo di farlo depilare, così non dovrai cercarglielo come un'indemoniata in mezzo al suo rigoglioso cespuglio come già consigliato in Nudi davanti a Dio: la depilazione nella Bibbia. 
Dopo avere eliminato tutti i peli, potrai quindi prenderglielo facilmente in bocca fino all’attaccatura: il deap throat è infatti gradito al Signore (La gola profonda è gradita al Signore?) in quanto ti garantisce la certezza di non sprecare neanche una goccia del suo seme evitandogli la brutta fine di Onan che, per averne versato sul pavimento, venne fulminato da Nostro Signore: (Gen 38, 9-10) ... ogni volta che si univa alla moglie del fratello, disperdeva il seme per terra ... Ciò che egli faceva era male agli occhi del Signore, il quale fece morire anche lui. 
E mi raccomando, benedetta figliola, la prossima volta prenditi un ragazzo italiano, i cui genitori, avendo pregato tanto durante la gravidanza, sono stati sicuramente ricompensati con un figliolo dalla minchia spropositata, almeno quanto le litanie e i rosari recitati dalle sue nonne davanti alla sala parto. L’hai vista la cartina? Noi siamo i primi, perché nel nostro Paese la Fede è ancora alta e Roma è il centro dalla cristianità; e abbiamo pure un degno testimonial a riguardo, in via di beatificazione per le pene sofferte durante il suo duro lavoro! 
 
San Rocco Martire

Benedittanza

Quanta i peni islamici che raggiungono le nostre terre, ma non raggiungono dimensioni accettabili

Quanta le nostre figlie che si immolano in una crociata per la loro conversione

Quanta i clitoridi smanettati in solitudine da sante manine per raggiungere quello che un pene islamico non è in grado di dare

Tancredi